you're reading...
terrorismo

I brigatisti non possono dare lezioni

L’ho conosciuto, qualche anno fa, durante uno dei tanti rigurgiti delle br.  Nel senso che l’ho visto di persona, dopo ore di appostamento, fuori della libreria fiorentina. Tentai anche di intervistarlo, ma neppure mi rispose. Non ho mai visto una faccia dura come la sua. Sembrava di parlare a un muro. Adesso è protagonista di un film e finalmente ha deciso di aprire bocca, naturalmente per dire non tanto la sua verità quanto la sua visione catastrofica di quegli anni. Tutti noi siamo alla ricerca di capire, ma vorrei che i brigatisti facessero quello che non hanno mai fatto, cioè raccontare i fatti in sede giudiziaria, non sui giornali o al cinema o addirittura all’università, dove fanno sempre la figura, al massimo, dei poveri illusi ma non di quelli che sono realmente stati: assassini sanguinari. Tutti hanno diritto di parlare, ma certo non di dare lezioni. Senzani è stato sicuramente fra i terroristi più feroci e ambigui, non solo il freddo boia di Peci, ma anche il pm di Moro. Sentirlo parlare di “legalità” equivale a una bestemmia. Come è uno scandalo di finanziargli pubblicamente le opere.   L’intervista  Il film

About pinoscaccia

già redattore capo Rai inviato speciale Tg1

Discussion

5 thoughts on “I brigatisti non possono dare lezioni

  1. Credo che nel nostro paese, Pino, la bilancia si sia rotta da tempo. Com’è che si dice nei blog? Ti quoto, su tutta la linea.

    Posted by Lorenzo Borselli | 27 August 2013, 21:35
  2. La cosa che mi inquieta maggiormente è la certezza che gran parte di loro fu eterodiretta. Per quanto riguarda Senzani, invece, ho sempre avuto la sensazione che fosse perfettamente a conoscenza delle trame che avvolgevano i movimenti estremisti.

    Posted by Secessionista | 27 August 2013, 21:41
  3. Fanatici o pedine. Non uno ha avuto il coraggio di scalfire i retroscena – quelli sì, da spiegare – di una pagina schifosa della storia italiana. E sono probabilmente tuttora in buona compagnia. Forse aspettano che muoia (anche) il padreterno per questo. Nausea.

    Posted by Pipistro | 27 August 2013, 22:02
  4. Siamo davvero assuefatti a tutto? Condannati in Parlamento, brigatisti sulla cresta dell’onda. Se ho ben capito, è in vista anche un impiego pubblico garantito per i collaboratori di giustizia. Il messaggio sembra essere: peggiore sei, più possibilità avrai nella vita. Non è bello… :(

    Posted by Marco Alici (@MarcoAlici) | 27 August 2013, 22:04

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s

Anno 18

[dal 18 ottobre 2001]
Visite totali circa 7 milioni

Categories

Archives

L’ultimo libro

Hitler e Mussolini tra passioni e potere: i tranelli della storia rivisti da un reporter di guerra e da una professoressa di lettere.

Le verità e le bugie intorno ai due dittatori che hanno segnato le sorti del secolo breve. Da una parte il führer, con sangue ebraico e forse origini berbere. Dall’altra il campione della famiglia italiana, il duce, che si innamorò di Claretta Petacci, forse una probabile spia degli inglesi. Poi la fine, ancora avvolta da misteri. Hitler e Mussolini, uniti dall’odio, dall’illusione di una conquista universale, da una fine tragica e da due amori maledetti. Sicuramente feroci, ma con infinite debolezze, spietati, ma fragilissimi.

%d bloggers like this: