you're reading...
misteri

Due ore prima della telefonata delle Br, Cossiga già stava davanti al cadavere di Moro

130318_moro2

Le rivelazioni dell’artificiere: “Avvertito già prima delle 11”. Chi avvertì lo Stato?

La vicenda Moro resta la madre di tutti i misteri italiani. Tutto nasce da lì, compreso forse anche l’omicidio di Dal Chiesa. Ho assistito a numerose udienze del processo e a distanza di tanti anni ancora non si riesce a sapere quanti erano in via Fani nè si ha la certezza su chi ha fisicamente ucciso lo statista democristano. Una volta, uscendo insieme dal bunker di Rebibbia, riuscii a fare qualche domanda a Valerio Morucci. Rispose gentilmente a tutte ma quando gli chiesi se avessero temuto di essere strumentalizzati andò via senza una parola. Il dubbio sull’inserimento dei servizi segreti, quindi dello Stato, è sempre stato forte e non è mai stato chiarito il ruolo reale di Mario Moretti, il capo militare delle Br, quello che decise la fine cruenta della trattativa. Adesso escono queste nuove, clamorose rivelazioni su via Caetani. Non fanno che accrescere i dubbi, o forse danno già qualche risposta. 

 

About pinoscaccia

già redattore capo Rai inviato speciale Tg1

Discussion

11 thoughts on “Due ore prima della telefonata delle Br, Cossiga già stava davanti al cadavere di Moro

  1. a me fanno venire altri dubbi. L’unica certezza è che Moro era sgradito a: MI5, CIA, MOSSAD, KGB, Servizi francesi ed alla parte più fedele alla CIA, dei nostri servizi

    Posted by aurelianoflavio2 | 30 June 2013, 10:17
  2. HO sempre molti dubbi sulle rivelazioni dopo molti anni… perchè mi chiedo sempre perchè non prima.. perchè quello li si porta dentro un segreto cosi grande e poi ci fà addirittura un libro…. e con questo non dico che non ci siano segreti.

    Posted by il buon vecchio Padre Brown | 30 June 2013, 11:04
  3. In pratica si continua con i misteri che durano da 35 anni conditi da servizi deviati, menzogne, cospirazioni, di ambigue reticenze ed omertà vere e proprie, di uccisioni, di morti sospette, di suggeritori occulti nelle trattative fra Stato e mafia, di sparizione di documenti nonché di depistaggi condotti anche ad altissimo livello che ha visto coinvolti terroristi, uomini politici ed apparati dello Stato italiano e stranieri Agenzie di spionaggio ( CIA, Loggia massonica, P2, Gladio, Stasi, KGB).

    I numerosi processi ai brigatisti responsabili del rapimento dello statista, dell’uccisone della sua scorta e della sua soppressione, hanno lasciato insoluti tanti, troppi aspetti della vicenda.

    Posted by Stefano Rollero | 30 June 2013, 11:13
  4. Mi insospettisce il fatto che chi sapeva faccia “rivelazioni” dopo 35 anni… Gettando sospetti su persone morte nel frattempo e che non possono piu’ dire la loro…

    Posted by Alessandro Feliziani | 30 June 2013, 13:37
  5. Misteri

    Questo mistero
    resterà per sempre
    un grande enigma.
    La nostra storia
    è piena di oscurità.
    Tutto intorno a noi
    è ambiguità!
    Si scriveranno
    per noi pagine non vere.
    Il tempo non cancella
    passa soltanto oltre.
    Ci saranno altre vite
    innocenti spezzate.
    Il tempo non azzera
    passa soltanto oltre.

    franca bassi

    Posted by ceglieterrestre | 30 June 2013, 20:04
  6. Chi lo ha ucciso? link

    Posted by pinoscaccia | 1 July 2013, 00:48
  7. Ciao Gabbià, ne la storia ar tempo der cuccù e de glieri ce sò Imperatori, Re, Reggine, Faraoni, Maggistrati, Papi, Santi, Scienziati, Giornalisti e tantissimi antri… che hanno fatto ‘na fine strana.
    Nun ce scordamo de l’assassini de strada(briganti) e de certi banniti indove sta la verità su come sò finìti cataletti?
    A-la-sicura sapemo che hanno tirato er fiato! ma pe la verità ce arimane istesso sto punto interogativo. Quanno se sale a certi poteri e dai seccatura a quarchiduno è normale che se mette a risico la pelle.
    Spesso me chiedo epperché li monici copisti ner medio evo ne li segni de la scrittura hanno inventato sto “qo” pe questio dimanna. Se vede che dar principio ce sò state ‘gnisempre ste questioni strane e so arimaste senza
    l’arisposte.
    Vabbè, doppo domani sortirà quarche firme o telefirme e quarchiduno ce conta incora n’antra verzione romanzata.
    Gabbià, la corpa è de noiantri che sbajamo e je damo puro retta o famo finta de crèdeje!

    Posted by ceglieterrestre | 1 July 2013, 20:35

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s

Anno 18

[dal 18 ottobre 2001]
Visite totali circa 7 milioni

Categories

Archives

L’ultimo libro

Hitler e Mussolini tra passioni e potere: i tranelli della storia rivisti da un reporter di guerra e da una professoressa di lettere.

Le verità e le bugie intorno ai due dittatori che hanno segnato le sorti del secolo breve. Da una parte il führer, con sangue ebraico e forse origini berbere. Dall’altra il campione della famiglia italiana, il duce, che si innamorò di Claretta Petacci, forse una probabile spia degli inglesi. Poi la fine, ancora avvolta da misteri. Hitler e Mussolini, uniti dall’odio, dall’illusione di una conquista universale, da una fine tragica e da due amori maledetti. Sicuramente feroci, ma con infinite debolezze, spietati, ma fragilissimi.

%d bloggers like this: