you're reading...
porestelle

Sull’orlo di una crisi di nervi

Più che sull’orlo, in effetti ci sono già dentro. Prima Grillo accusa gli elettori di aver fatto vincere l’Italia peggiore (quindi un vincitore c’è stato) poi si esibisce in un triplo salto mortale carpiato per “dimostrare” che il movimento non ha perso, ma anzi ha vinto. Sono soltanto i giornalisti notoriamente venduti ad aver visto il flop. Alla faccia delle cifre che li escludono anche dai ballottaggi. Non pago della grande fuga dal sistema autoritario invita peraltro “ad accomodarsi alla porta” tutti quelli che non sono d’accordo. Inutili tutti i tentativi, anche da posizioni vicinissime al movimento, di convincerlo a cambiare strategia. Invece di rispondere ad accuse serie e ormai sulla bocca di tutti come la troppa vicinanza con gli americani, si dilunga in soliloqui che la stampa ha solo la colpa di amplificare. Chissenefrega se anche Mandarà, il fedelissimo videomaker, lo molla dopo l’ultima goccia (toh, il fallimento alle comunali). Chissenefrega se dopo l’adorata Gabanelli, anche il saggio che avevano innalzato a modello, Rodotà, lo striglia a dovere. Lui preferisce andare avanti con lo stile della cittadina-portavoce che ha l’incubo delle spie e che distribuisce merda come una vera signora. Ho sempre sostenuto che il berlusconismo è una malattia incurabile: mi rendo conto che ormai c’è un virus più infido ed è il grillismo. E’ sintomatico leggere commenti come questo sul blog del santone: “VERGOGNA GIORNALISTI BUGIARDI DELLA KASTA, 5 STELLE HA STRAVINTO RISPETTO ALLE PRECEDENTI ELEZIONI COMUNALI. Arrendetevi, siete circondati. Siete tutti morti”. Ma come, non erano loro gli assediati? Ecco, questa è la nuova politica fatta di insulti e di sottofondi mortuari, un chiodo fisso. Benedettidio.

Una volta ero convinto che fosse una scemenza seguire Grillo così da vicino. Adesso sono convinto del contrario: meglio farlo vedere, così si autoelimina. 

About pinoscaccia

già redattore capo Rai inviato speciale Tg1

Discussion

10 thoughts on “Sull’orlo di una crisi di nervi

  1. E non parliamo della trasparenza tanto invocata. Ora pretendono quella degli altri, mica la loro. E che dire degli sms inviati dalla Lombardi a tutti i grillini, ma indirizzata ai presunti delatori … il detto “chi fa la spia non è figlio di Maria” sostituito con “chi fa la spia è un pezzo di m…”.
    Una lezione di stile … a 5 stelle.

    Posted by marisamoles | 30 May 2013, 12:23
  2. – L’OMAGGIO A GRILLO –
    il vaffa è ormai inflazionato, pure dai cinesi se ne trova un assortito campionario. Occorre quindi qualcosa, che abbia attraversato la storia del nostro Paese, restando in purezza.
    Il grande Eduardo De Filippo lo consigliava due volte al giorno, “quando esce … e quando rientra”. Ma, anche tre o quattro, ante e dopo pasti. Meluis abundare quam deficere.

    Posted by Walter | 30 May 2013, 13:14
  3. Peggio dell’ignoranza è la presunzione di sapere. Impossibile dialogare.

    Posted by Marco Alici (@MarcoAlici) | 30 May 2013, 13:49
  4. Il delirio di onnipotenza è naturale nel successo strepitoso, inaspettato, immediato e parzialmente immotivato, gli è che Grillo al contrario di Berlusconi, anche lui è stato in delirio, non ha o non ascolta capaci consulenti.

    E’ ANCORA PRESTO PER AFFERMARE CHE SIA FINITO…PERO’ GLI ALTRI … NEMMENO LORO FINISCONO!!! CREDO CHE L’UNICA SOLUZIONE SIA CONTEGGIARE I NON VOTANTI E LE SCHEDE BIANCHE, SIAMO TANTISSIMI NON CREDENTI NEGLI ATTUALI PARTITI E NON CI RICONOSCIAMO NEGLI ATTUALI GRUPPI DI POTERE OLTRETTUTTO LA PARTECIPAZIONE COSCIENTE, CONSAPEVOLE E DOCUMENTATA NON HA SUCCESSO, HANNO SUCCESSSO GLI ESPERT…ONI DI MARKETING EMOZIONALE, QUINDI IL VOTO NON è LIBERO, MA MANIPOLATO….MANCANO GLI STATISTI CHE EQUILIBRINO LE FORZE E CHI HA IL POTERE DURA, DURA, DURA, QUANTO FIDEL CASTRO che è bravissimo a stringerselo al petto come del resto tutte le Chiese….chi ha il potere è cima alla montagna con otri pieni di olio bollente…alla Bisogna

    peppo

    Posted by Giuseppe Parisi | 30 May 2013, 14:16
  5. Ho anche letto di qualcuno che diceva che alle amministrative di Roma il PD ha perso perché ha preso solo 267.605 voti, mentre alle Politiche ne aveva presi 654.638. Difficile confrontarsi con argomentazioni serie di fronte a ragionamenti così bislacchi.

    Posted by Marco Alici (@MarcoAlici) | 30 May 2013, 14:56
  6. ….credo fermamente che dovrebbero mettersi a tavolino Lui ed il Guru e rivedere certe posizioni/strategie….la rete, che tanto amano, li ha imbrigliati e comunque dopo i sonori VAFFANCULO e gli SHOW di piazza dovrebbero cominciare a COSTRUIRE SERIAMENTE e SERENAMENTE un futuro a noi tutti, visto che ora bene o male sono al potere ( e non mi dispiace neppure ). I giornalisti italiani fanno il loro mestiere, cè chi lo fa benissimo cè chi lo fa meno bene…..o vogliamo elimininarli tutti, fare un bel corso di lingua straniera e ascoltare soltanto la CNN….MAH!!

    Posted by marcellolupo | 30 May 2013, 15:08
  7. La domanda è semplice ed è bene riproporla: la voce politica del Movimento è il Blog. I proventi del blog vanno anche al movimento oppure no?
    Ancora nessuna risposta, soltanto il solito minestrone di insulti, minacce e cialtronerie. E’ meno ridicolo nascondersi dietro un capello. Si sono circondati da soli. d’ altra parte, gestendo un Movimento come se fosse un Condominio nazionalsocialista, si ottengono questi risultati: il crollo.

    Posted by Walter | 30 May 2013, 20:29
  8. Ma nel terzo millennio è possibile pensare di tenere al guinzaglio le persone che sono state elette al Parlamento? E’ pensabile di far politica solo urlando contraddicendosi ad ogni piè sospinto? L’ometto prima o poi si ritroverà con un “manipolo” di fedelissimi e tutti gli altri li avrà persi. Quando sarà ridotto a nulla non mi farà pena, mi dispiace solo per quelli che lo hanno seguito credendo di poter far politica per migliorare questo paese.

    Posted by barbaincampagna | 31 May 2013, 07:48
  9. Se il frutto della democrazia sono queste genti e i loro elettori… Se il frutto della democrazia è un governo fatto di gente volgare e disonesta…
    “Ahi, serva Italia, di dolore ostello, nave sanza nocchiere in gran tempesta, non donna di province, ma bordello”

    Posted by Monique | 31 May 2013, 10:35

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s

Anno 18

[dal 18 ottobre 2001]
Visite totali circa 7 milioni

Categories

Archives

L’ultimo libro

Hitler e Mussolini tra passioni e potere: i tranelli della storia rivisti da un reporter di guerra e da una professoressa di lettere.

Le verità e le bugie intorno ai due dittatori che hanno segnato le sorti del secolo breve. Da una parte il führer, con sangue ebraico e forse origini berbere. Dall’altra il campione della famiglia italiana, il duce, che si innamorò di Claretta Petacci, forse una probabile spia degli inglesi. Poi la fine, ancora avvolta da misteri. Hitler e Mussolini, uniti dall’odio, dall’illusione di una conquista universale, da una fine tragica e da due amori maledetti. Sicuramente feroci, ma con infinite debolezze, spietati, ma fragilissimi.

%d bloggers like this: