you're reading...
mafia

Non sarebbe l’agenda rossa di Borsellino

022230303-f3ea872b-d5bd-4c70-ae55-234ff422d6ec-220x220Non sarebbe l’agenda rossa di Paolo Borsellino, ma parte di un parasole da auto l’oggetto di forma rettangolare di colore rosso ripreso accanto a un’auto subito dopo la strage di via D’Amelio dai Vigili del fuoco e mostrato nei giorni scorsi. E’ il risultato di un primo accertamento eseguito dalla Polizia scientifica di Roma delegata dalla Procura di Caltanissetta che indaga sulla strage in cui morirono il giudice Paolo Borsellino e cinque agenti della scorta. La conferma formale arriverà solo domani ma, come si apprende, i magistrati hanno appreso oggi che l’oggetto scambiato in un primo momento per l’agenda rossa sarebbe un pezzo di parasole usato per i vetri delle auto e finito lì dopo l’esplosione di via D’Amelio. E’ soltanto un parasole Con buona pace del frettoloso scandalismo.  Il post.

About pinoscaccia

già redattore capo Rai inviato speciale Tg1

Discussion

4 thoughts on “Non sarebbe l’agenda rossa di Borsellino

  1. [OT Maltempo Italia]: Violento ciclone in arrivo al centro/sud: piogge torrenziali e venti impetuosi

    MORE: http://bit.ly/10KYjYd

    Posted by GiorgiusGam | 22 May 2013, 08:06
  2. ‘N che staggione semo?

    Posted by ceglieterrestre | 22 May 2013, 13:32
  3. Un parasole è un parasole, un’aggènna è un’aggènna. Puro de fa rìmore se confonne la luccica pe’ lanterna..

    Posted by ceglieterrestre | 22 May 2013, 13:59

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s

Anno 18

[dal 18 ottobre 2001]
Visite totali circa 7 milioni

Categories

Archives

L’ultimo libro

Hitler e Mussolini tra passioni e potere: i tranelli della storia rivisti da un reporter di guerra e da una professoressa di lettere.

Le verità e le bugie intorno ai due dittatori che hanno segnato le sorti del secolo breve. Da una parte il führer, con sangue ebraico e forse origini berbere. Dall’altra il campione della famiglia italiana, il duce, che si innamorò di Claretta Petacci, forse una probabile spia degli inglesi. Poi la fine, ancora avvolta da misteri. Hitler e Mussolini, uniti dall’odio, dall’illusione di una conquista universale, da una fine tragica e da due amori maledetti. Sicuramente feroci, ma con infinite debolezze, spietati, ma fragilissimi.

%d bloggers like this: