you're reading...
reporter

Ancora silenzio su Quirico

Il problema vero è capire chi ha in mano Domenico Quirico. A quaranta giorni dalla scomparsa ancora non è stata trovata una traccia da seguire per arrivare poi a una trattativa. (…) Intervistato dal “Clarin” anche il presidente siriano Bashar al Assad ha escluso di avere informazioni sul reporter italiano. “Alcuni giornalisti entrano in Siria illegalmente, penetrando nelle zone dove operano i terroristi. In alcuni casi siamo riusciti a liberare dei giornalisti che erano stati rapiti, ma attualmente non abbiamo alcuna informazione”, ha detto Assad. La domanda riguardava la sorte di Quirico ma anche del reporter americano James Foley di cui si sono perse le tracce il 22 novembre, sei mesi fa. [segue su Articolo 21]

About pinoscaccia

già redattore capo Rai inviato speciale Tg1

Discussion

4 thoughts on “Ancora silenzio su Quirico

  1. E’ angosciante questo silenzio.
    Chiedo per capire: è davvero possibile che non ci siano canali per avere un minimo di punto di partenza? Se fosse davvero stato rapito, che senso avrebbe questo silenzio, i rapitori non agiscono in cambio di qualcosa?

    Posted by Monique | 20 May 2013, 20:24

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s

Anno 19

[dal 18 ottobre 2001]

“Quando si è scoperto che l’informazione era un Affare, la verità ha smesso di essere importante.” (Ryszard Kapuscinski)

L’ultimo libro

TRADITORI: l’incredibile intreccio tra i Kennedy, Marilyn Monroe, Jackie Onassis e Maria Callas. Più la sconvolgente storia di Lady D.

Amori Maledetti

Hitler e Mussolini tra passioni e potere: i tranelli della storia rivisti da un reporter di guerra e da una professoressa di lettere.

Archives

%d bloggers like this: