you're reading...
amarcord

Il Papa al Prenestino: quando facevo già il cronista

Ho già ricordato quest’episodio, ma lo ripeto perché strettamente legato al post precedente (la foto, vedete, è quasi identica). “Amarcord. Il 31 marzo del 1968 il Papa venne a visitare la mia parrocchia, San Leone, al Prenestino dove abitavo allora. Gli scattai questa e altre foto dal balcone di casa. Sembra fatta da un’astronave, ma non è colpa mia se stavo al settimo piano”. Intanto devo correggere: non si trattava del “Papa buono”, ma di Paolo VI. In quella parrocchia, San Leone, ho conosciuto e seguito don Luigi Di Liegro, creatore della Caritas, il primo autentico prete di frontiera. Ho imparato molto da lui. “Ma il vero …scoop è un altro. Ero talmente innamorato di questo mestiere che m’inventavo un giornalino che realizzavo naturalmente con la macchina da scrivere. E qui mi sbizzarrisco nella cronaca di quel giorno. Qualche anno dopo erano addirittura giornali veri che mi chiedevano di scrivere…Piccoli cronisti crescono”. La testata si richiamava al 2000, il passaggio del millennio, sembrava lontanissimo.  

Le foto del Papa al Prenestino.

DUEMILA 2

About pinoscaccia

già redattore capo Rai inviato speciale Tg1

Discussion

3 thoughts on “Il Papa al Prenestino: quando facevo già il cronista

  1. AHHH e non solo il numero è speciale!!! Pino, secondo me la Rai dovrebbe creare un programma culturale e farlo condurre a te.

    Posted by Maria Carrozzo | 18 May 2013, 22:17
  2. oddio che tenerezza…. :))) grande.

    Posted by Twiggy (la rivoluzione estetica) | 19 May 2013, 07:46
  3. OT – se posso chiederlo: che ne pensate dell’intervento di angelina jolie?

    Posted by Twiggy (la rivoluzione estetica) | 19 May 2013, 09:50

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s

Anno 18

[dal 18 ottobre 2001]
Visite totali circa 7 milioni

Categories

Archives

L’ultimo libro

Hitler e Mussolini tra passioni e potere: i tranelli della storia rivisti da un reporter di guerra e da una professoressa di lettere.

Le verità e le bugie intorno ai due dittatori che hanno segnato le sorti del secolo breve. Da una parte il führer, con sangue ebraico e forse origini berbere. Dall’altra il campione della famiglia italiana, il duce, che si innamorò di Claretta Petacci, forse una probabile spia degli inglesi. Poi la fine, ancora avvolta da misteri. Hitler e Mussolini, uniti dall’odio, dall’illusione di una conquista universale, da una fine tragica e da due amori maledetti. Sicuramente feroci, ma con infinite debolezze, spietati, ma fragilissimi.

%d bloggers like this: