you're reading...
grillismo

Così piccoli e già così arroganti

grillina1

#porestelle
Avevo deciso di non occuparmi più dei grillini per evitare risse. Ma ogni tanto superano la decenza e non si può fare finta di niente. Dunque, una consigliera regionale della Lombardia, tale Iolanda Nanni, viaggiava in treno da Milano a Roma…naturalmente sul Frecciarossa. Il treno era affollato e la cittadina passava il tempo urlando al telefono. Finchè un “signore attempato” come lo definisce nella sua pagina facebook le ha chiesto cortesemente di abbassare la voce perchè voleva riposare. Al che la ragazzina colta da improvviso fervore politico con molta educazione non solo si è rifiutata ma ha addirittura replicato in modo sdegnoso. “Dovrebbe essere lei a ringraziarmi perchè sto lavorando per il bene sociale”. Insomma, del tipo “lei non sa chi sono io”. Intanto, se il “signore attempato” non era lombardo gliene poteva fregare di meno, poi la cittadina-ragazzina-maleducata non sa che è lei al servizio dei cittadini (che la pagano) e non viceversa? E soprattutto che è buona educazione, fin da tempi antichi, evitare di usare il telefonino in un luogo pubblico, specie se affollato? Nel magistrale post rilancia anche il solito slogan grillino, vantandosi di andare in seconda classe invece che in business. Dimentica di dire che quel “signore attempato” si è pagato da solo il biglietto, mentre a lei saranno comunque rimborsati i 50 euro. Non soddisfatta di tutto questo si è pure sfogata su facebook, dimostrando i suoi limiti di popolarità: per una vip che lavora “al bene dei cittadini” avere appena 549 seguaci nella pagina pubblica conferma che i salvatori della patria sul piano pratico rappresentano ben poca parte dell’Italia. Così piccoli e già così arroganti.
Da attempato non posso che essere solidale con l’uomo attempato. Se mi fossi trovato al suo posto forse avrei urlato più di lei. Insegnandole intanto il rispetto per chi è più anziano e soprattutto come si vive in una società civile. Non so di che mozione si trattava, ma mi auguro che sia bocciata.
Se volete andarla a trovare questo è l’indirizzo, perla compresahttps://www.facebook.com/pages/Iolanda-Nanni-portavoce-consigliere-alla-Regione-Lombardia/347162675390485?fref=ts

grillina2

About pinoscaccia

già redattore capo Rai inviato speciale Tg1

Discussion

42 thoughts on “Così piccoli e già così arroganti

  1. … (non c’è mai fine): manco alla lagna di chi deve continuamente mettere tutti in riga con tanto di ditino alzato… che noia mortale.

    Posted by Twiggy (la rivoluzione estetica) | 8 May 2013, 11:17
  2. …è solo una piccola stupida arrogante….altro che politica…o forse., è “solo PICCOLA”…cominciando dal cervello…

    Posted by RENZA MARTINI | 8 May 2013, 11:46
  3. Comunque (ho letto gli altri commenti), lei ho capito il tipo… e confermo quel che penso (le rompicoglioni col fuoco sacro)
    Ma c’è pure da dire che non mi piacciono nemmeno gli eccessi astiosi di quelli che vorrebbero mettere a tacere tutto ciò che non gli piace… Pure questi non ti dico che simpatia, sempre in competizione, pronti a “rimetter sotto”, quelli che se incontrassero Fellini zittirebbero pure lui…. magari perchè sentirlo parlare di Anita Ekberg li disturba.

    Posted by Twiggy (la rivoluzione estetica) | 8 May 2013, 12:29
  4. ormai la maleducazione è a tutti i livelli , provo pena e sconforto

    Posted by lorena | 8 May 2013, 12:31
  5. Povera piccola!
    Sicuramente farà strada… purtroppo.
    Quarc

    Posted by quarchedundepegi | 8 May 2013, 12:45
  6. Oltre che piccola, arrogante e maleducata, la signorina non ha ottemperato a un preciso obbligo del viaggiatore: Infatti sul regolamento di Trenitalia si legge che chi viaggia sui treni deve evitare di

    «causare disagio o disturbo o comunque provocare giustificate lamentele da parte di altri viaggiatori a causa della suoneria alta dei cellulari o usando un tono di voce elevato.»

    Nel caso di violazione, il viaggiatore può anche essere

    «allontanato senza diritto al rimborso del prezzo pagato per il biglietto nei casi in cui:
    a) rappresenti un pericolo per la sicurezza delle attività ferroviarie o degli altri viaggiatori;
    b) arrechi disturbo agli altri viaggiatori o sia affetto da malattia contagiosa; […]».

    Ora, la maleducazione è, ahimè, pure contagiosa di questi tempi …

    Vedi link: http://www.trenitalia.com/cms-file/allegati/trenitalia/area_clienti/ParteI_NormeComuni.pdf

    Posted by marisamoles | 8 May 2013, 13:21
  7. ahahahahahhh!! e noi che ci abbiamo fatto pure l’europa unita!! – su ste basi.. :)))
    troppo divertente questo post ;)))

    Posted by Twiggy (la rivoluzione estetica) | 8 May 2013, 13:44
  8. ‘Na vorta le femmine staveno a casa, penzaveno a cresce le crature a pulì la mobbija, a preparà er pranzo e tante antre faccenne, mo ce so li tempi de mutazzione e dovemo subbì ste grosse variazzioni. Però er progresso a quarchiduno j’ha fatto male a la capoccia. Me viè ‘un’idea se tutte le femmine che lavoreno torneno a casa, nun ce sarebbe più tanta disoccupazzione. Eppoi puro la radio cià er volume e indove ce so perzone pe nun disturbà, la bona creranza dice che er rumore mica s’accenne se smorza. Mo, le femmine che lavoreno sto commento nun je piace. :)

    Posted by ceglieterrestre | 8 May 2013, 17:43
    • Mi piace mi piace! :))) anzi mi strapiace!
      ogni volta che vedo quelle in giro la mattina…mantenute dal marito o appena sveglie verso mezzogiorno…! con tanto di weekendini fuori, magari capri e positano… non dirmi niente Ceglie, condivido in pieno!!
      (certo con uno così eh…niente di meno ;))

      Posted by Twiggy (la rivoluzione estetica) | 8 May 2013, 20:00
  9. Vabbè me correggo “la bona creranza” la bona educazzione.Un saluto de bona serata a tutti quanti :)

    Posted by ceglieterrestre | 8 May 2013, 17:49
  10. L’abitudine per cui un “on.” anteposto al cognome dia diritto a qualcosa in più che al comune mortale è una caratteristica italiota dura a morire.
    Non giustifico nessuno, in proposito, e tanto meno chi pretende di esser stato trasfuso con sangue reale quand’anche ciò gli derivi dalla novella appartenenza ad una (ahimè) svalutata assemblea istituzionale.
    Piccole perle cresceranno, ma anche in arroganza, anche perché assimilano rapidamente l’esempio fornito loro da mezzo secolo di mezze calzette della politica, tutte intrise – fradice direi – della logica del “lei non sa chi sono io”.
    E ciò finché non sarà chiaro il fatto – perché è un fatto, anche se poco noto – che i servitori sono loro e noi paghiamo profumatamente i loro scarsi servigi.

    Tre post-scriptum.
    1) Il cicaleccio da telefono cellulare sul Frecciarossa è esasperante anche in assenza di politicanti esibizionisti.
    2) Il biglietto economico sullo stesso treno costava 86 euro (salvo errori ed offerte limitate). Mi viene il sospetto – orrore! – che quei 36 euro abbuonati nel post li paghi anch’io.
    3) Ma una volta i parlamentari (anche quelli inutili) non usufruivano di viaggi illimitati gratis sulle FS? Se mi sbaglio è meglio, pur nella consapevolezza che, gratis o non gratis, i costi dei loro spostamenti e molto altro – debito ed indebito – gravino comunque sui contribuenti.

    Posted by Francesco Pipistro | 8 May 2013, 18:42
    • lo scandalo (e la delusione) è che i rivoluzionari abbiano imparato molto in fretta i vecchi vizi che dicono di combattere

      Posted by pinoscaccia | 8 May 2013, 18:50
      • e così sarà finché il nostro voto sarà “spuntato” e inadatto a licenziare – senza gloria e accessori economici – chi su questi e ben altri vizi ingrassa, magari per decenni, senza sociale costrutto…

        Posted by Francesco Pipistro | 8 May 2013, 19:09
      • Da quello che scrive la politica, il signore sembrava disturbato non dal volume della voce, ma dal contenuto della telefonata.

        Posted by alessandro | 9 May 2013, 10:51
        • Lo dice lei. Resta il fatto che sui treni non si parla al telefono. E che indigna la risposta della signorina maleducata.

          Posted by pinoscaccia | 9 May 2013, 10:59
          • Lo dice lei allo stesso modo del signore che si è lamentato. Non abbiamo elementi per dire come si sono svolti realmente i fatti.
            Non è vero che sul treno non si può parlare al telefono. Semmai viene annunciato che bisogna moderare il tono della voce.
            Dove sarebbe la maleducazione della signorina? Se la sua ricostruzione è attendibile, non mi sembra una risposta maleducata.

            Posted by alessandro | 9 May 2013, 13:50
          • La risposta non è maleducata: è arrogante. Peggio. Al di là di quello che è successo, indigna quello che lei ha stessa ha scritto su facebook. Questo è incontestabile. Ha parlato di ingratitudine perchè l’altro (il “signore attempato”, bel rispetto) non ha capito che lei…stava lavorando per il bene comune. La mozione la poteva preparare in ufficio. Ma lei è la salvatrice della patria e rivendica pure il diritto alla maleducazione. Ma falla finita, per piacere.

            Posted by pinoscaccia | 9 May 2013, 13:59
          • Anzi no, rettifico: sul treno viene annunciato di abbassare il volume della suoneria del cellulare.

            Posted by alessandro | 9 May 2013, 13:51
          • No, anche di moderare il tono della voce. Ma al di là dei regolamenti va usato il rispetto. Poteva uscire dallo scompartimento, come fanno tutte le persone educate, e parlare fuori. Ma lei si sentiva colta da improvviso furore politico. Ridicola, assolutamente ridicola. Punto.

            Posted by pinoscaccia | 9 May 2013, 14:01
          • ah, non sopporto i troll

            Posted by pinoscaccia | 9 May 2013, 18:18
  11. Ma quale arrogante e maleducata … è semplicemente grillina.

    Posted by Walter | 8 May 2013, 21:18
  12. [OT Italia] Sicilia – Riesplode la protesta dei “No Muos”: scontri e feriti a Niscemi

    …Concetta Gualato, presidente del “Comitato mamme No Muos” di Niscemi, si è dissociata dalla protesta. “Siamo contro ogni forma di violenza. Ci dissociamo dalla protesta inscenata questa mattina. La nostra intenzione era quella di condurre una protesta pacifica – spiega – ma in pochi minuti, si sono infiltrate persone prevenienti da altre città”…

    MORE: http://bit.ly/12fRsWo

    Posted by GiorgiusGam | 9 May 2013, 07:40
  13. Beh, la signora poteva risparmiarselo. Lavorare per il bene comune non dà diritto di fare quello che uno vuole.

    Posted by Roberto Pellizzi | 9 May 2013, 18:37
  14. i troll??

    Posted by Roberto Pellizzi | 9 May 2013, 18:39
  15. Caspita, dopo anni di giornalismo siamo ancora insofferenti al confronto… complimenti.

    Posted by Alessandro | 9 May 2013, 21:57
    • No, soltanto ai troll. Come tu stesso ti autodefinisci. Infastidiscono i confronti veri quindi sono dannosi. Vatti a divertire su altri blog. Punto.

      Posted by pinoscaccia | 9 May 2013, 21:59
    • Hai espresso più volte la tua opinione, ti ho risposto, la discussione e’ finita, tutto il resto e’ fuffa dietro oltretutto un’email fasulla contro le regole di ogni blog. Se hai tanta voglia di esprimerti vai da Grillo (noto per la sua totale apertura al dissenso) che in un giorno ha cancellato 2500 commenti. Troll, appunto. Ma io non dico che sei pagato, sei solo un rompicoglioni e io ho altro di meglio da fare.

      Posted by pinoscaccia | 9 May 2013, 22:22
      • Prima tiri il sasso e poi ritiri la mano. Se apri una discussione, devi anche essere in grado di tollerare chi ha un’opinione differente e soprattutto chi mette in dubbio una tua personale ricostruzione di una vicenda.
        Sì, sono un rompicoglioni. Soprattutto quando si tratta di difendere le mie idee e quando ho ha che fare con la ristrettezza mentale di chi giudica gli altri in modo dicotomico: o la pensi come me o sei un grillino.
        La mail fasulla è una conseguenza della tua censura. Quando scrivevo con la mia mail venivo automaticamente respinto.

        Posted by alessandro | 10 May 2013, 07:54
        • Allora per l’ultima volta. In ballo non c’e la ricostruzione ma il post stesso della grillina: e questo esiste. Quella rimostranza, il sentirsi offesa da chi …non capisce il suo lavoro per il bene comune e’ gia di per se arrogante. E’ una mia opinione. Hai più volte espresso la tua, quindi nessuna censura. Ma adesso insistendo sul niente stai veramente comportandoti da troll. E ho tutto il diritto di cancellarti. Basta.

          Posted by pinoscaccia | 10 May 2013, 08:29
          • È la prima volta che sento parlare di Troll su internet.
            Avevo conosciuto i Troll durante un viaggio in Norvegia. Sono simpaticissimi! Perché offenderli in questo modo?
            Ciao a tutti.
            Quarc

            Posted by quarchedundepegi | 10 May 2013, 13:31
          • Si vede che non frequenti molto internet. E’ pieno di troll.

            Posted by pinoscaccia | 10 May 2013, 13:32
          • Frequento ogni tanto… e solo, il più delle volte, con la speranza di essere costruttivo.
            Ciao.
            Quarc

            Posted by quarchedundepegi | 10 May 2013, 13:36
          • Premetto che questo sarà il mio ultimo commento e mi dispiace che la discussione sia degenerata in questo modo. Pino, io rispetto le tue idee e la tua storia professionale; mi dispiace soltanto che in questa circostanza dei miei rilievi su un articolo abbiano provocato in te questa reazione. Non ho offeso nessuno, ho cercato solamente di sostenere dei miei argomenti. Molto probabilmente hai ragione tu e io ho scritto solo dei commenti superficiali. Però rivendico il mio diritto a scrivere anche dei commenti superficiali, nel rispetto di tutto e di tutti, senza vederli cancellati. Se non sono in linea con l’opinione dominante, pazienza. Basta non rispondere.
            Ti saluto senza rancori e se nei miei precedenti commenti mi sono lasciato troppo prendere dall’emozione del momento, ti chiedo scusa.

            Posted by alessandro | 10 May 2013, 14:57
          • Nessun rancore anche da parte mia.

            Posted by pinoscaccia | 10 May 2013, 15:06
  16. Arrivo io, l’avvocato delle cause perse!
    ma penso che ad Alessandro fosse solo venuto il dubbio dell’isterismo al contrario – un po’ come dicevo sopra anch’io, con l’esempio di Fellini (io viaggio in grande, altro che business class ;))

    Non è questo il caso perchè è evidente che la signora dalla faccia da suorina che sicuramente si sente pure molto “matura” è proprio come magistralmente descritta sopra: “la salvatrice della patria colta da improvviso furore politico”…come le isteriche quando si fissano su qualcosa, e che si sentono “in dovere” di assillare tutti con la loro religiosa “spiritualità” in fondo a ponte sisto.
    Ri-sottolineato ciò, è vero pure che ci sono altrettante persone arroganti che si auto-concedono il malsano “diritto” di zittire ciò che non gli garba con la scusa del disturbo: girati altrove… o prenditi il vagone privato, è l’unica ovvia risposta disponibile.
    In entrambi i casi sono d’accordo con Pino e il suo post che non c’era altro da fare che semplicemente scusarsi per il disturbo e proseguire altrove, per due motivi: intanto perchè sono insopportabili gli atteggiamenti da maestrine di cui sopra, e poi perchè, quand’anche l’arroganza derivi invece dall’altro, a maggior ragione per non offrirgli il fianco…per prepotenze travestite da vittimismo. :)))
    (io sono per la “separazione”… nel 90% dei casi, non so se si è capito: si fa prima ;))

    Posted by Twiggy (la rivoluzione estetica) | 10 May 2013, 16:04
  17. Se mi è concesso, penso che Pino (e tutti quelli che si sono dimostrati d’accordo con lui) volesse far notare l’arroganza e la maleducazione della signorina, a prescindere. Credo che la reazione sarebbe stata la stessa se protagonista di un episodio del genere fosse stato un politico di qualsiasi altro schieramento. La maleducazione, purtroppo, non ha bandiera. L’arroganza pure.

    Detto questo, molti sono a conoscenza dell’antipatia che Pino nutre per i grillini, ribadita nell’incipit stesso del post. Ma proprio la sua serietà, come persona e come professionista, mi porta a pensare che non volesse essere un attacco “politico”, piuttosto una dimostrazione che, ahimè, anche i grillini, pur avendo a lungo criticato e continuando a criticare i politici, si sono messi nei loro panni in fretta … e pare ci si trovino benissimo.

    Posted by marisamoles | 10 May 2013, 18:32
  18. Chiaro che Pino parlasse “a prescindere”. Ma il dubbio che è venuto ad Alessandro, se è concesso anche a me permettermi supposizioni, è che la signorina sia stata attaccata “faziosamente” da quel signore in treno, e non tanto “a prescindere”. Questo dubbio è lecito se dovesse esser vero che la signorina parlava a voce bassa, e dal momento che nessuno era presente per poterlo affermare con certezza. Viene il dubbio, e lo ribadisco, che fosse “politica” (o altrettanto insofferente “apolitica”) la reazione del signore per sua antipatia “personale” nei confronti di un’esponente a cinque stelle.
    A me che piace l’obiettività… nella vita, tale dubbio me lo pongo.
    Quindi prima di lanciarsi in linciaggi contro la maltrattatrice di attempati vecchietti, mettiamoci anche a sottolineare l’estrema antipatia di taluni con certe prese di posizioni completamente antidemocratiche, e che con freddo e snobistico disprezzo pensano di poter imporre ad altri gli argomenti delle proprie conversazioni, pure ipocritamente coperti dal ruolo di “vittima”.

    Questo credo volesse più o meno dire Alessandro.

    Del resto anche quest’insistenza sulla maleducazione dell’uso del cellulare in treno la trovo eccessiva. A parte che vorrei tanto sapere a chi non è capitato… e adesso si diverte a tirar fuori i regolamenti delle ferrovie dello stato, ma poi non ho capito: parlare tra persone in treno va bene e al telefono disturba?? e questa cos’è la nuova stranezza del terzo millennio? l’aggiungiamo alla lunga serie allora…chissà magari prima o poi si vince un impianto termico… nel senso del calore :))

    Riguardo la reazione comunque arrogante e un tantino “invasata” della salvatrice della patria per il “bene sociale” siamo tutti d’accordo invece, e “a prescindere”. :)

    Posted by Twiggy (la rivoluzione estetica) | 10 May 2013, 21:51
  19. [OT Epidemie – Francia] 3 nuovi casi sospetti sono emersi in queste ultime ore e lasciano il Paese col fiato sospeso

    …Tutti e tre riguardano persone che sono entrate in contatto con il malato nei giorni scorsi. Tutte e tre hanno registrato problemi respiratori e febbre, sintomi simili a quelli dovuti ad un contagio da coronavirus, e che hanno reso necessari controlli immediati. I risultati delle analisi sono attesi non prima di domani mattina…

    MORE: http://bit.ly/14cCDUC

    Posted by GiorgiusGam | 11 May 2013, 09:31
  20. ASIA: Eight death in Al-Ahsa by new coronavirus

    MORE: http://bit.ly/14cCDUC

    Posted by GiorgiusGam | 12 May 2013, 08:57

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s

Anno 18

[dal 18 ottobre 2001]
Visite totali circa 7 milioni

Categories

Archives

L’ultimo libro

Hitler e Mussolini tra passioni e potere: i tranelli della storia rivisti da un reporter di guerra e da una professoressa di lettere.

Le verità e le bugie intorno ai due dittatori che hanno segnato le sorti del secolo breve. Da una parte il führer, con sangue ebraico e forse origini berbere. Dall’altra il campione della famiglia italiana, il duce, che si innamorò di Claretta Petacci, forse una probabile spia degli inglesi. Poi la fine, ancora avvolta da misteri. Hitler e Mussolini, uniti dall’odio, dall’illusione di una conquista universale, da una fine tragica e da due amori maledetti. Sicuramente feroci, ma con infinite debolezze, spietati, ma fragilissimi.

%d bloggers like this: