you're reading...
iran, terremoto

Quando fu distrutta Bam, città d’arte

DSC02596

Una violenta scossa di terremoto ha colpito la provincia di Sistan-Belucistan, nel Sud-Est dell’Iran, in una zona rurale dove ci sono case «fatte di mattoni di fango»provocando «centinaia di morti». La scossa è stata avvertita in India, a Nuova Delhi, in Pakistan, a Dubai, nel Bahrein, in Gujarat, Punjab e in Kashmir. La città di Hiduch «è stata interamente distrutta». Si tratta della più violenta scossa ad aver colpito il Paese negli ultimi 40 anni. I costruttori russi della centrale nucleare di Bushehr hanno riferito che gli impianti non sono stati danneggiati. Il terremoto è stato di 7,8 gradi della scala Richter, a 15 km di profondità.  Le prime notizie ufficiali parlano di 81 morti e migliaia di edifici crollati, ma le autorità iraniane hanno parlato di«centinaia di vittime».

Bam (Iran)- Il cimitero e’ fra la citta’ vecchia e quella nuova, in un pezzo di deserto dove il vento e’ sempre forte. E’ qui che continuano a seppellire le vittime di questo terremoto terrificante che in un solo minuto, all’alba di cinque giorni fa, ha fatto piu morti che negli ultimi dieci anni. Il cimitero adesso si e’ moltiplicato, occupa una grande fetta della radura. Hanno messo i corpi a tre a tre perche’ non c’era tempo di scavare le fosse. Ma sono riusciti, pare, incredibilmente a identificare tutti cosi’ sulle tombe hanno potuto scrivere i nomi, su qualcuna c’e’ addirittura un fiore e c’e’ chi viene qui a pregare. Viene chi e’ rimasto. Pochissimi. Il popolo di Bam continua a fuggire in cerca di rifugio, perche’ il freddo adesso e’ diventato troppo forte, insopportabile ed e’ impossibile vivere per strada. Caricano sulle carcasse d’auto quel poco che hanno e lasciano questa citta’ fantasma, la Bam cancellata. E che probabilmente non ci sara’ piu’. Mentre la terra iraniana continua implacabilmente a tremare.

Oggi sono stato nella citta’ d’arte. Avevo visto la vecchia Bam in fotografia, prima di venire qui. Sapevo che era uno dei gioielli architettonici del mondo. Sono salito fin sopra una delle 28 torri, una delle poche rimaste in piedi, per vedere la citta’ dall’alto. Ho trovato solo rovine. Tutto distrutto. Certo l’Iran deve pensare soprattutto ai lutti (le ultime cifre parlano di cinquantamila morti, chissa’ quanti sono i feriti e chissa’ quanti gli sfollati) ma anche la distruzione della cittadella, visitata anche da Marco Polo, una struttura vecchia di 2500 anni , va considerata una grandissima perdita. Ho visto ragazzi piangere li’ sopra. Uno, in un inglese stentatissimo, mi ha quasi commosso. “Ecco…la nostra civilta’ persiana. Solo voi italiani, cosi’ ricchi di storia, potete capirci”. Poi ho vissuto la giornata dell’esodo, angosciante, e il dramma di chi resta per strada perche’ non sa dove andare. Ma quell’ammasso enorme di argilla rossa e’ quel che mi e’ rimasto soprattutto dentro, oggi.   (dicembre 2003)

About pinoscaccia

già redattore capo Rai inviato speciale Tg1

Discussion

8 thoughts on “Quando fu distrutta Bam, città d’arte

  1. Tristissimo. Inutile dire che la sicurezze e la salvaguardia dei beni storici e ambientali del Paese dovrebbero venire ben prima degli investimenti nell’atomica.

    Posted by Marco Alici | 16 April 2013, 15:19
  2. Teremoto

    Trovo sortanto parole
    impastate de paja
    fanga acqua e sole.
    Nisuno!
    pò fa tornà lo sprendore
    de ‘na vorta.
    Nun ce serve fa le guere
    pe raccòje sortanto
    morte e macèra.
    Ner tempo ce penza
    er teremoto
    a spianà a nisconne
    li cristiani e le case.
    Su la grosta der monno
    nun serve fa le guere
    pe scancellà li popoli
    ‘gni tanto ce penza
    er teremoto.
    L’omo nun raggiona
    e vole giocà tarquale
    a la sporca guera.
    Pe seminà accosto
    sortanto radice…
    de sucidume e de morte.

    franca bassi

    Posted by ceglieterrestre | 16 April 2013, 18:03
  3. Ciao Gabbià, l’umano me sa che nun capisce. A che je servono le guere ce basta le calmità naturali a fa macerie e morti. L’omo è sortanto cretino e nun je piace
    vive in pace pe godesse la vita. Nun s’aricorda che su sta tera ce se passa sortanto e puro de corza.

    Posted by ceglieterrestre | 16 April 2013, 18:57
  4. [OT UFO e dintorni] Aprile 2013 – Italia

    Interessante avvistamento italiano di un oggetto luminoso in alta quota che sembra effettuare manovre (salti) “non conosciuti” dalla fisica moderna… L’oggetto luminoso in questione è oramai famoso da anni su YouTube in numerevoli filmati registrati in Sud America, Texas e Centro italia.

    Posted by GiorgiusGam | 25 April 2013, 12:05
    • Altro filmato di poche ore fa, questa volta dall’Australia, mostra evoluzioni anomale tra più oggetti luminosi di varia grandezza, inizialmente nelle vicinanze di un piccolo aereo di linea…

      Posted by GiorgiusGam | 25 April 2013, 13:04

Trackbacks/Pingbacks

  1. Pingback: I veri eroi del nostro tempo | La Torre di Babele - 26 December 2014

  2. Pingback: I veri eroi del nostro tempo - La Torre di Babele - 27 December 2014

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s

Anno 19

[dal 18 ottobre 2001]

“Quando si è scoperto che l’informazione era un Affare, la verità ha smesso di essere importante.” (Ryszard Kapuscinski)

L’ultimo libro

TRADITORI: l’incredibile intreccio tra i Kennedy, Marilyn Monroe, Jackie Onassis e Maria Callas. Più la sconvolgente storia di Lady D.

Amori Maledetti

Hitler e Mussolini tra passioni e potere: i tranelli della storia rivisti da un reporter di guerra e da una professoressa di lettere.

Archives

%d bloggers like this: