you're reading...
reporter

Amedeo, Elio, Andrea e Susan liberi

siria-giornalisti4

Ci sono momenti in cui conta solo la notizia: “liberi”. E’ quello che con trepidazione aspettavamo di sentire da nove giorni. Amedeo Ricucci, Elio Colavolpe, Andrea Vignali e Susan Dabous sono ora in Turchia, sani e salvi. La notizia è stata data dal premier Monti che, oltre a ringraziare i funzionari della Farnesina che hanno evidentemente imboccato la strada giusta, ha apprezzato il senso di responsabilità pressocchè compatto dei media che hanno rispettato la richiesta del silenzio stampa. Certamente non è stato facile con l’angoscia che cresceva, ben sapendo la pericolosità del territorio. Ed è altrettanto chiaro che qualcosa non è andata nel verso giusto, passando dall’ipotesi di un velocissimo fermo di un gruppo ribelle alla consapevolezza di quello che con il passare dei giorni assumeva sempre più i contorni di un sequestro. Con l’amarezza oltretutto di una spiacevole bagarre tra chi teneva i contatti con gli attivisti siriani e i giornalisti italiani. La voce della liberazione in realtà girava da più di un’ora quando sui social network sono cominciate a circolare emoticon sorridenti. Forse è vero che ci sono state complicazioni nel passaggio fra il gruppo ribelle e l’esercito di liberazione, forse è vero che i tempi si sono allungati alla ricerca di un “percorso di sicurezza”. E’ troppo presto naturalmente per conoscere i dettagli, ma la più grande gioia è la consapevolezza che molto presto sarà lo stesso Amedeo Ricucci, collega esperto e credibile, a raccontarli direttamente. Se potrà farlo senza mettere in crisi le sue fonti.

Amedeo Ricucci: “Non dimentichiamo la Siria”

About pinoscaccia

già redattore capo Rai inviato speciale Tg1

Discussion

9 thoughts on “Amedeo, Elio, Andrea e Susan liberi

  1. DA ITALIANO CHE AMA IL GIORNALISMO VOGLIO ESPRIMERE IL MIO PERSONALE RINGRAZIAMENTO AD AYA HOMSI ED AI SUOI AMICI DI ” VOGLIAMO LA SIRIA LIBERA ” CHE DALL’ITALIA HANNO SAPUTO AIUTARE I GIORNALISTI ITALIANI IN SIRIA. GRAZIE SINCERAMENTE

    Posted by Carlenrico Leale | 13 April 2013, 14:29
  2. …..mi piace…..

    Posted by marcellolupo | 13 April 2013, 18:46
  3. alle 21h00 a Ciampino

    Posted by Carlenrico Leale | 13 April 2013, 19:01
  4. bene!

    Posted by vincenza63 | 13 April 2013, 21:29
  5. In tv non se ne parla abbastanza purtroppo. Le notizie serie non sempre si sviluppano in modo adeguato. Forse il lavoro del giornalista non è ancora adeguatamente considerato??

    Posted by Maria Carrozzo | 14 April 2013, 11:54
  6. Grazie per la loro liberazione. I giornalisti, i reporter, rischiano la loro vita soltanto per noi. Una professione nobile se fatta con onestà. Peccano! che delle volte si trovano cattivi informatori, ma questo in ogni professione si trova la mela bacata.. Caro Pino, chi meglio di te conosce il rischio che si corre quando si parte. Quanti non sono più tornati?.
    Scrissi questa poesia per la morte di Tim e Cris, dedicandola a tutti quelli che non sono più tornati.

    Uno scatto ancora
     
    Uno scatto per noi, uno scatto per noi
    uno scatto ancora…
    poi il buio per voi.
     
    Uno scatto per noi, uno scatto per noi
    uno scatto ancora…
    poi la morte per voi…
    Avete lasciato la giovane vita
    per donarci uno scatto
    uno ancora…
    Vi siete smarriti
    per immortalare la verità
    il dolore nella sofferenza…
    Resteranno con noi solo
    le immagini di verità
    volti insanguinati di bambini
    che gridano, gridano
    la voglia di vivere…
    Uno scatto per noi, uno scatto per noi
    uno scatto ancora
    poi il buio la morte per voi…

    franca bassi

    Posted by ceglieterrestre | 14 April 2013, 22:27
  7. Ciao Pino, scusami ci sono delle piccole imprecisioni, gli occhi sono un po’ stanchi..serena notte.

    Posted by ceglieterrestre | 14 April 2013, 22:36
  8. Ciao Gabbià, sei istesso troppo bono! Quanno faccio bene e quanno faccio male, so sortanto io e la mi’ fantasia responsabbile de li sbaji. Nisuno è perfetto! Basta la bona volontà pe seguità annà avanti ne sto vasto mare. Ahò se te capita a fa ‘na volata sur mare de Ostia ‘na guardatella puro pemme :)

    Posted by ceglieterrestre | 15 April 2013, 10:20

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s

Anno 18

[dal 18 ottobre 2001]
Visite totali circa 7 milioni

Categories

Archives

L’ultimo libro

Hitler e Mussolini tra passioni e potere: i tranelli della storia rivisti da un reporter di guerra e da una professoressa di lettere.

Le verità e le bugie intorno ai due dittatori che hanno segnato le sorti del secolo breve. Da una parte il führer, con sangue ebraico e forse origini berbere. Dall’altra il campione della famiglia italiana, il duce, che si innamorò di Claretta Petacci, forse una probabile spia degli inglesi. Poi la fine, ancora avvolta da misteri. Hitler e Mussolini, uniti dall’odio, dall’illusione di una conquista universale, da una fine tragica e da due amori maledetti. Sicuramente feroci, ma con infinite debolezze, spietati, ma fragilissimi.

%d bloggers like this: