you're reading...
terremoto

Quel mese all’Aquila, quattro anni fa

DSC_2901

Quattro anni fa, alle 3.32, non stavo all’Aquila. Stavo su un aereo che dal Brasile mi riportava in Italia. Sceso a Fiumicino alle 6 di mattina accendo il telefonino e con mia sorpresa lo sento suonare. Era la redazione. Il tempo a casa per cambiare la valigia e alle 9 già facevo la prima diretta dall’ospedale abruzzese. Tutti i malati fuori sulle barelle, l’edificio sventrato. Poi giro la città scoprendo morti e rovine nelle strade nascoste. Il dolore della gente, la paura. Il diluvio in tendopoli, a piazza d’Armi. Il primo panino dopo tre giorni di fame. La conquista di una stanza d’albergo ad Avezzano, lontano cinquanta chilometri. Il freddo che arrivava. Quei cadaveri dentro l’obitorio di Coppito. Le polemiche. Altre scosse: le notti in bianco. Il Papa. Quanti ricordi. Sono stato un mese di seguito all’Aquila durante il terremoto: dal paradiso tropicale all’inferno di una città martoriata. Ancora me lo porto dentro, insieme all’angoscia.

Sono tornato molte altre volte all’Aquila successivamente. L’ultima a ottobre per “Volta la Carta” una grande manifestazione culturale, puntello per ricostruire, se non la città, almeno la comunità. Mi sono fatto accompagnare in centro a rivedere i luoghi che ricordavo feriti. Con mio grande dispiacere ho scoperto che più o meno era tutto come prima, salvo il risveglio della gente che tornava a stringersi intorno al cuore della città. Per questa ricorrenza ho scelto una foto scattata durante quel giro dentro le macerie ma lontanissima dall’idea del disastro. L’Aquila bella, magica: com’è nell’anima. E come, mi auguro, tornerà presto a mostrarsi.

About pinoscaccia

già redattore capo Rai inviato speciale Tg1

Discussion

6 thoughts on “Quel mese all’Aquila, quattro anni fa

  1. Stavo scrivendo e ho avvertito lo scossone il PC si è spostato, poi una prima notizia da una mia amica che lavora presso il cento sismologico Hawaii, dopo poco iniziarono i messaggi su internet che il grave sisma aveva colpito l’Aquila.

    Assergi tajata

    Ne la notte buia
    ‘na mostra cattiva
    la veste t’ha squarciato
    M’arincresce pe te
    piccola tana.
    Mo so quattranni
    che incora resti tajata!
    te sei ammutolita!
    Da li taji er vento
    imbocca e sorte senza
    chiedete compermesso.
    La radio non sona più
    pemme…
    A le vorte me dimanno
    se all’arba de quarche giorno
    da drènto er letto potrò
    rivedè li tetti er celo
    e la cima der monte.

    franca bassi

    La mia piccola casa aspetta la messa in sicurezza.
    Magara un giorno ingrufata su ‘na nuvolata vedrò er borgo antico arinasce.
    Ma se continua co sta fiacca manco li mi pronipoti lo vedranno.
    Bona giornata Gabbià, visto che ciè er sole, me sa che faccio ‘na volata su sta tera pe vedè la primavera.
    ;) ciao

    Posted by ceglieterrestre | 6 April 2013, 08:57
  2. Grazie infinite , Pino, per questo tuo drammatico ricordo ed il tuo pensiero per la mia distrutta Città! E purtroppo hai ragione , dopo quattro anni, tutto è praticamente come quel maledetto 6 Aprile 2009!

    Posted by Lucio Gialloreti (@LucioGialloreti) | 6 April 2013, 10:20
  3. Caro Lucio, te ringrazzio pe quanno passi li accosto e guardi puro pemme. Ner core ciò tanti bei ricordi, mo ce so rimasti sortanto li carcinacci.

    Posted by franca | 6 April 2013, 12:44
  4. Indove è finito er trulletto? sto avatarre nun me piace

    Posted by franca | 6 April 2013, 12:46
  5. Grazzie Gabbia pe l’informazzione. No! l’indirizzo email, è sempre er medesimo. Mo me sembra che er trulletto è tornato ;) ciao

    Posted by ceglieterrestre | 7 April 2013, 16:09

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s

Anno 18

[dal 18 ottobre 2001]
Visite totali circa 7 milioni

Categories

Archives

L’ultimo libro

Hitler e Mussolini tra passioni e potere: i tranelli della storia rivisti da un reporter di guerra e da una professoressa di lettere.

Le verità e le bugie intorno ai due dittatori che hanno segnato le sorti del secolo breve. Da una parte il führer, con sangue ebraico e forse origini berbere. Dall’altra il campione della famiglia italiana, il duce, che si innamorò di Claretta Petacci, forse una probabile spia degli inglesi. Poi la fine, ancora avvolta da misteri. Hitler e Mussolini, uniti dall’odio, dall’illusione di una conquista universale, da una fine tragica e da due amori maledetti. Sicuramente feroci, ma con infinite debolezze, spietati, ma fragilissimi.

%d bloggers like this: