you're reading...
grillismo

L’uomo mascherato ha sbroccato

grillo-mascherato_470x305

Avevo deciso (e promesso) di non occuparmene più fino a notizie certe. Ma il guru incappucciato comincia a sbroccare. A parte scie chimiche e microchips, a parte i soliti deliranti insulti ai giornalisti (dipendesse da me non gli dedicherei più una riga o un “frame” lasciando gli adepti sputtanarsi da soli), a parte una ricchezza che continua ad affiorare insieme agli strani rapporti del guru capo, quello con i capelli alla Branduardi, oggi il profeta se ne è uscito con un progetto folgorante: “Vogliamo il 100% del Parlamento, non il 20 o il 25% o il 30%. Quando il movimento otterrà il 100% e i cittadini saranno diventati lo Stato, il Movimento non avrà più bisogno di esistere”. Non bastava il “fascismo buono” o certi propositi che ricordano il 1932 tedesco, stavolta il guru mi ricorda straordinariamente Gheddafi. Il dittatore libico mi aveva detto: “E che bisogno c’è di votare? E’ il popolo che comanda, il popolo è sovrano, io sono soltanto il fratello leader”. Un pò come i cittadini-portavoce. Entrambi evocano violenze in strada e si è visto in Libia cosa è successo. Chiusa la parentesi, torno a occuparmi di persone serie. Con un’avvertenza doverosa: non accetterò sotto questo post alcun dibattito allineandomi alla sua filosofia. Da sempre nel suo blog non sono accettati commenti, fin dal’inizio. Vietato fare domande o dissentire. Conta il suo verbo e basta. Augh, e questo è il mio. Cioè ciò che penso: perchè discutere? Quella si chiama democrazia, ma un’altra cosa.

About pinoscaccia

già redattore capo Rai inviato speciale Tg1

Discussion

11 thoughts on “L’uomo mascherato ha sbroccato

  1. Mo ce mancava puro sto rebbuse, Gabbià mo so stanca e vado a dormì ;)

    Posted by ceglieterrestre | 8 March 2013, 00:11
  2. Bellissimo post, forte e chiaro, incisivo.
    non fa una piega.
    Condivido in pieno.
    Compresa la conclusione.

    Posted by Twiggy (la rivoluzione estetica) | 8 March 2013, 01:26
  3. Non avevo solo capito che fosse sta storia dei microchip, ora ho letto sul Corriere, ma questo è vero eh!! anch’io l’avevo letto ma soprattutto non mi meraviglia!!
    oddio fantastico questo movimento cinque stelle per una indecisa come me…c’è da diventar matti. Non condivido i modi che mi mettono paura, ma qualunque cosa dicono la dicono vera però…. com’è?

    Posted by Twiggy (la rivoluzione estetica) | 8 March 2013, 09:19
  4. come non condividere questo post? credo che la stampa visto come è stata trattata non dovrebbe neppure menzionarlo , forse avrammo fatto un favore all’italia

    Posted by lorena | 8 March 2013, 09:20
  5. Caro Pino santissime parole ! Condivido e sottoscrivo in pieno! Ma perchè , visto che preferisce i giornalisti stranieri (anche tedeschi che pur l’hanno definito un clown) non si fa silenzio stampa intorno a questo cosiddetto guru mascherato??

    Posted by Lucio Gialloreti (@LucioGialloreti) | 8 March 2013, 10:54
  6. Comunque a me non preoccupa “Grillo” ma gli attacchi speculativi che non siamo più in grado di sostenere. Hanno già fatto crollare la Grecia e adesso tocca a noi, tirandosi via via dietro tutta l’Europa e addossandocene pure la “colpa”. E poi Grillo ha messo su un movimento e noi neanche riusciamo a protestare su un blog?? perchè nessuno ha mai detto quello che ha detto Grillo???
    Sto con loro nella protesta – a parte gli invasati – e a costruire ci pensasse chi è pagato per farlo.

    Posted by Twiggy (la rivoluzione estetica) | 9 March 2013, 12:57
  7. Io credo alle persone quando si fanno venire i dubbi di democrazia e rischio dittatura. Io credo sempre a tutti….. perchè sto sempre in buonafede dicendo quello che realmente penso, pur con tanti dubbi, leciti in un caos come questo. Ma ormai ho capito pure quanto sono ingenua…….in un mondo dove TUTTO è strumentale e strumentalizzato – il nuovo “verbo”, non esiste altra cosa all’infuori di questa – . Fosse strumentale anche l’antigrillismo? a chi sta pestando i piedi?
    cui prodest? strano che ancora non mi sono abituata a pensarla in questi termini….

    Posted by Twiggy (la rivoluzione estetica) | 9 March 2013, 13:02
  8. Sbroccare, da brocco? maltratta i giornalisti, io giornalista non mi sogno neppure di corrergli dietro, se proprio cè necessità (adesso la fame di notizie attorno al suo movimento è in calo) lo pianterei in pagina sotto una rubrica creata ad hoc.. Io sbraito, tu sbraiti..con sintesi dei testi dal suo blog.. Certo, il M5s, quando dice voglio il 100 per cento, mette i brividi, perchè il 100 per cento? a cosa serve? Nel 2011, il Pd, doveva dire no a Monti, elezioni subito con Renzi, allora lo scenario, a mio modesto parere, sarebbe stato diverso, ma adesso? alta la confusione sotto il cielo italico

    Posted by Giovanni Farzati | 9 March 2013, 14:33
  9. Il referendum sull’euro non entusiasma
    Contro la lira anche il 67% dei 5 Stelle

    http://www.corriere.it/politica/13_marzo_10/referndum-euro-non-entusiasma-mannheimer_7cf57f02-8944-11e2-9abc-68ed907a89d3.shtml

    Menomale. Tutti rimpiangiamo la lira consci del dato di fatto indiscutibile che l’euro ci ha impoveriti tutti, che qualcuno anche qui ci ha mangiato sopra, e che stavamo molto meglio prima, ma una volta tanto non facciamo come i bambini che rimpiangono superman e babbo natale… consapevoli “anche” che tanto se stiamo sotto scacco dell’alta finanza lo siamo sia che la moneta si chiami euro, lira, dracma o baratto con i coriandoli…

    Posted by Twiggy (la rivoluzione estetica) | 10 March 2013, 11:56
  10. Condivido Oliviero Toscani adesso su Rai1 sui bocconiani… ahhahhah! :)))

    E a dimostrazione che è vero, non una provocazione, io propongo: il reddito fisso di cittadinanza a tutti – non solo ai disoccupati ma a tutti, perchè c’è dietro tutta una filosofia in questo, e quindi capire che tutti hanno diritto all’esistenza e a SCEGLIERE la propria professione in base alle proprie inclinazioni – prendendo i soldi dalla Borsa, gli investimenti e derivati bancari, e il ricavato ridistribuirlo su territorio mondiale, dall’Europa a tutte quelle parti del mondo dove c’è la fame.

    I bocconiani non ci avevano pensato? :)))) o non arrivano a capirla? :))))

    Segue: gli studi sono gratuiti, e chiunque può fare qualsiasi lavoro, evolvendosi, arrivando anche a ricoprire ruoli importanti in base unicamente alle proprie capacità – che si sono potute sviluppare grazie alla possibilità di studio gratis e reddito fisso per sostentarsi: condividono i bocconiani? ;))))

    Le tasse naturalmente vanno a ciò che servono, con tanto di strade e ospedali e non per rimpinzare la pancia di quattro ministeriali… e ognuno continua a guadagnare stipendi diversificati sempre in base alle proprie capacità, evolute e conquistate.

    Semplice no? come possono constatare, non solo non ci serve la Bocconi, ma anzi…. ;)))

    Posted by Twiggy (la rivoluzione estetica) | 10 March 2013, 14:43
  11. NO non serve più “competizione” non serve più competizione non serve più competizione!!!!!! basta con sta cazzo di competizione, l’unico atteggiamento che capiscono è sempre quello di mettersi in guerra!!!!!!
    Serve U M A N I T A’ , concetto a loro incomprensibile, e uno scambio commerciale tra paesi che non sia soltanto “commerciale” ed economico e ministeriale ma CULTURALE E DI FRATERNITA’, non basato sullo sfruttamento.

    Come si crea lavoro?????? ma date la possibilità alle persone di formarsi e di poter scegliere, rifate tornare le banche a quello che servono e cioè a FINANZIARE I PROGETTI di chiunque e non con interessi da usurai, e li sommergiamo di LAVORO!!!!!! Le aziende che riaprirebbero, le libere iniziative culturali che sarebbero sovvenzionate, almeno in partenza, e tutti che potrebbero riprendere a lavorare e consumare, ma è da quest’orecchio che non vogliono sentire! capiscono solo la “competizione” col linguaggio darwinista…. e meccanico, MINISTERIALE……….!!! ma che vuoi ragionare con questi.

    Posted by Twiggy (la rivoluzione estetica) | 10 March 2013, 15:13

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s

Anno 18

[dal 18 ottobre 2001]
Visite totali circa 7 milioni

Categories

Archives

L’ultimo libro

Hitler e Mussolini tra passioni e potere: i tranelli della storia rivisti da un reporter di guerra e da una professoressa di lettere.

Le verità e le bugie intorno ai due dittatori che hanno segnato le sorti del secolo breve. Da una parte il führer, con sangue ebraico e forse origini berbere. Dall’altra il campione della famiglia italiana, il duce, che si innamorò di Claretta Petacci, forse una probabile spia degli inglesi. Poi la fine, ancora avvolta da misteri. Hitler e Mussolini, uniti dall’odio, dall’illusione di una conquista universale, da una fine tragica e da due amori maledetti. Sicuramente feroci, ma con infinite debolezze, spietati, ma fragilissimi.

%d bloggers like this: