you're reading...
afghanistan

Quando a Herat c’erano i russi

99-211725-000002

Storie. L’incredibile scoperta è avvenuta casualmente qualche giorno fa, ma è stata comunicata solo martedì da Eson Khasanov, presidente della sezione regionale di Samarcanda dell’Associazione Uzbeka dei reduci di guerra. Proprio dalla leggendaria città situata lungo l’antica «Via della seta» proviene Bakhritdin Khakimov, soldato del 101esimo reggimento di fanteria di stanza nella provincia occidentale di Herat, in Afghanistan. Nel 1980, poco tempo dopo l’inizio della campagna sovietica nel Paese, Khakimov venne gravemente ferito durante uno scontro a fuoco e pur essendo un nemico fu subito soccorso da alcuni autoctoni. Nonostante le gravi condizioni, il soldato riuscì a guarire grazie alla cure di un anziano capo tribù locale, esperto erborista. In seguito Khakimov, che da quel momento in poi si fece chiamare Sheikh Abdullah, decise di seguire le orme del suo salvatore diventando lui stesso un erborista e vivendo da semi-nomade in Afghanistan fino ai nostri giorni. L’Associazione Uzbeka dei reduci di guerra ha condotto le ricerche per anni fino a quando, qualche giorno fa, Khakimov è stato riconosciuto in una foto dal fratello. Sarebbe stato infatti impossibile identificarlo altrimenti, poiché l’uomo era sprovvisto di qualsiasi documento. Dopo 33 anni, dunque, l’ex soldato sovietico verrà accolto nella sua «nuova» patria: l’Uzbekistan, un Paese che alla sua partenza non esisteva. Al suo arrivo però sarà presente solo il fratello, essendo i genitori e la moglie morti da tempo. Le varie associazioni dei reduci della guerra in Afghanistan sostengono che vi siano più di 200 soldati sovietici ancora dispersi nel Paese, metà dei quali russi. Fino ad ora ne sono stati trovati 29, sette dei quali hanno preferito rimanere a vivere sul posto. Ma le ricerche continuano.

99-211725-000001

About pinoscaccia

già redattore capo Rai inviato speciale Tg1

Discussion

3 thoughts on “Quando a Herat c’erano i russi

  1. L’ha ribloggato su carlenrico.

    Posted by carlenrico | 6 March 2013, 20:21
  2. Come Balla coi lupi…. (il film).
    Un’altra dimostrazione di come nel rapporto individuale cambi tutto… con l'”io” rapportato al “tu” (tolti casi estremi di sanguinaria follia psichica e pure questa “individuale”… logicamente) e no-nostante fosse un nemico è stato subito soccorso.

    Posted by Twiggy (la rivoluzione estetica) | 6 March 2013, 21:14
  3. [OT Rischio Guerra Fredda Asiatica nel 2015?] Furious over sanctions, NKorea vows to nuke US

    SEOUL, South Korea (AP) — North Korea on Thursday vowed to launch a pre-emptive nuclear strike against the United States, amplifying its threatening rhetoric hours ahead of a vote by U.N. diplomats on whether to level new sanctions against Pyongyang for its recent nuclear test…

    MORE: http://yhoo.it/13H78Vn

    Posted by GiorgiusGam | 7 March 2013, 11:31

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s

Anno 19

[dal 18 ottobre 2001]

“Quando si è scoperto che l’informazione era un Affare, la verità ha smesso di essere importante.” (Ryszard Kapuscinski)

L’ultimo libro

TRADITORI: l’incredibile intreccio tra i Kennedy, Marilyn Monroe, Jackie Onassis e Maria Callas. Più la sconvolgente storia di Lady D.

Amori Maledetti

Hitler e Mussolini tra passioni e potere: i tranelli della storia rivisti da un reporter di guerra e da una professoressa di lettere.

Archives

%d bloggers like this: