you're reading...
persone

La baraccopoli sotto casa

baraccopoli-roma-colf-222433

“I resti delle baracche nell’acqua del fiume marrone e maleodorante. Fango ovunque e l’odore acre di plastica bruciata nell’aria. Polli, cani che abbaiano quando sentono un estraneo, reti arrugginite a fare da cancello e recinzione. Sembra Manila, e invece è Roma. Il fiume è l’Aniene che in questo punto sfocia nel Tevere, e questa è la sua piccola «città della gioia», la sua favela più duratura. Sono vent’anni che generazioni intere di filippini vivono qui e vanno a lavorare nelle belle case dei Parioli a spolverare soprammobili e accompagnare bambini capricciosi a scuola per poi tornare a dormire come tutti nella loro casa, con la differenza che la loro non è davvero una casa, ma una baracca su un fiume melmoso, tetto di lamiera, pareti di legno e muratura, l’acqua che per alcuni arriva dal campo nomadi vicino, le fogne che non esistono, l’energia elettrica da dividere perché non ce n’è abbastanza per tutti”. [da “La Stampa”]

About pinoscaccia

già redattore capo Rai inviato speciale Tg1

Discussion

7 thoughts on “La baraccopoli sotto casa

  1. Dovrebbero, come anche noi italiani, trasferirsi nel nord europa. Qui siamo africa ormai.

    Posted by Twiggy (la rivoluzione estetica) | 6 March 2013, 21:45
  2. [OT Cambiamenti Climatici] Da giorni, pericolosa invasione di decine di milioni di cavallette tra Egitto e Israele… Speriamo che i venti nord africani non trasportino questi maledetti insetti distruttori verso le isole del sud Italia.

    Posted by GiorgiusGam | 7 March 2013, 09:36
  3. Ciao Giò, pemme so li sintomi che la tera è malata.

    Posted by ceglieterrestre | 7 March 2013, 20:41
  4. Sdegno

    Semo indove l’Aniene dà ner Fiume
    ‘n arto c’è la città che se move de corza
    e li sotto ‘na manciata de casupole.
    Ombre de ommini che vive ‘na vita infame.
    Tuttoquanto accosto sa de covo e de morte.

    franca bassi

    Posted by ceglieterrestre | 7 March 2013, 21:30
  5. Ciao Gabbià, ho penzato a sto poste, me sento impotente che nun posso agliutà le perzone che se trovano ‘n difficortà. Vivemo ‘n ‘n monno terribbile.

    Co sta forbicia
    ritajo ‘no cinico de celo
    lo appiccico su sto fojo
    ce dipigno ‘n fiume liscio
    e ‘n mare azuro.
    Eppoi ce appiccico
    quarche casa.
    A le finestre
    tanti fiori odorosi.
    Drènto ce metto ‘n micio
    e ‘n po’ de mobbija.
    E co er core ce soffio
    ‘n friccico de vita.

    franca bassi

    Posted by ceglieterrestre | 8 March 2013, 17:51

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s

Anno 19

[dal 18 ottobre 2001]

“Quando si è scoperto che l’informazione era un Affare, la verità ha smesso di essere importante.” (Ryszard Kapuscinski)

L’ultimo libro

TRADITORI: l’incredibile intreccio tra i Kennedy, Marilyn Monroe, Jackie Onassis e Maria Callas. Più la sconvolgente storia di Lady D.

Amori Maledetti

Hitler e Mussolini tra passioni e potere: i tranelli della storia rivisti da un reporter di guerra e da una professoressa di lettere.

Archives

%d bloggers like this: