you're reading...
sport

Zeman e il calcio marcio

zeman_car

In genere mi occupo di sport solo per cazzeggiare, interrompendo la tragedia (o la farsa?) della politica. Ma stavolta voglio dire qualcosa di serio. E lo scrivo, per chi non lo sapesse, da tifoso laziale. Zeman, dunque. Non c’è dubbio che il tecnico boemo ha le sue responsabilità se la Roma non è riuscita a decollare, ma nessuno può dubitare sul fatto che anche i dirigenti abbiano commesso parecchi errori. Zeman non è un tipo facile, ha le sue idee e la fissa di ripulire l’ambiente. Si era messo in testa per esempio di far lavorare quei quattro divetti ultramilionari e la società non lo ha mai supportato, preferendo a un tecnico serio i capricci di quei ragazzetti che volevano allenarsi solo un’ora al giorno, come se non fosse strapagato anche il sudore. Avrà fatto anche degli errori tattici, ma in campo a prendere schiaffi ci andavano loro, i giocatori. Ecco, questo è il calcio. E chi tenta di farlo tornare uno sport vero o deve rinunciare o è cacciato via.

About pinoscaccia

già redattore capo Rai inviato speciale Tg1

Discussion

4 thoughts on “Zeman e il calcio marcio

  1. [OT Terremoti] Continuano le scosse sismiche lungo la faglia balcanica…

    Euro-Med earthquakes: http://www.emsc-csem.org

    Sismometro di Coppito (AQ) in Real Time: http://bit.ly/WOXTxH

    Posted by GiorgiusGam | 3 February 2013, 13:17
  2. Il calcio è marcio con o senza Zeman. Morto.
    E da morto il calcio, si muove per mano dei vermi, che da dentro lo divorano senza sosta.
    Ci sono tanti altri sport che meritano attenzione. Chi lo ha capito, ha rivolto verso questi lo sguardo.

    Posted by Walter | 3 February 2013, 16:54
  3. Io a volte mi chiedo se saremo tutti matti nevrotici a ripetere le stesse identiche cose…per ANNI. Non ci si fa caso, ma deve avere un che di folle…secondo me :)) oppure è pigrizia..mista a noia…non lo so
    comunque (per l’ennesima volta) dirò che è un problema generale… è TUTTO morto, quantomeno peggiorato secondo me, specie la serietà e l’onestà delle persone “di una volta”… rispetto alla generazione degli “yuppies” – dall’avvocato ai (vecchi) tassinari, al medico, al dentista, alla musica, al cinema, alla moda, agli allenatori, alla tv….
    Per me l’unico trentennio felice rimane quello in cui non c’ero… o che ho vissuto per metà.

    Posted by Twiggy (la rivoluzione estetica) | 3 February 2013, 18:44
  4. Indove nazzicàno li bajocchelli prima o poi …

    Posted by ceglieterrestre | 8 February 2013, 09:41

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s

Anno 19

[dal 18 ottobre 2001]

“Quando si è scoperto che l’informazione era un Affare, la verità ha smesso di essere importante.” (Ryszard Kapuscinski)

L’ultimo libro

TRADITORI: l’incredibile intreccio tra i Kennedy, Marilyn Monroe, Jackie Onassis e Maria Callas. Più la sconvolgente storia di Lady D.

Amori Maledetti

Hitler e Mussolini tra passioni e potere: i tranelli della storia rivisti da un reporter di guerra e da una professoressa di lettere.

Archives

%d bloggers like this: