you're reading...
tribù

Come si può spendere una fortuna

veronicaA fine d’anno si fanno i bilanci, ma si raccolgono anche i sogni. Facciamo un gioco, allora. Fate conto di avere un pò di proprietà in giro per il mondo, i figli sistemati, un ex marito bricconcello ma ormai liquidato, un aitante toy boy e poi una rendita di tre milioni al mese. La domanda è: è possibile spendere centomila euro al giorno? Il gioco è questo: provate a fare un pò di conti. Un mese da Miriam-Veronica, ci riuscireste? Ma voglio le cifre delle spese, nel dettaglio. Tanto…è gratis.

About pinoscaccia

già redattore capo Rai inviato speciale Tg1

Discussion

68 thoughts on “Come si può spendere una fortuna

  1. Uhm… uhm….bè, no…. mantenere la mia Alfa Sprint non mi costa così tanto, certo che se dovessi fare Genova-Parigi, andata e ritorno, ogni fine settimana, giusto per stare con la Bellucci… si, forse 3 milioncini, escono!

    Posted by aurelianoflavio2 | 30 December 2012, 01:58
  2. Ma, è molto difficile, mi vengono poche idee…vediamo: mi potrei prendere una bella auto nuova, magari un bel “gippone”….e già quasi ci arriviamo a centomila. Però , domani cosa compro ? bisogna andare sui gioielli, forse così si riesce ad arrivare alla cifra. E dopodomani ? vestiti firmatissimi?? poi , a seguire, scarpe su misura , diverse paia. E poi..? mancano 26 giorni, alla fine del mese, non è poco, è un bel problema arrivare in fondo!…..vabbè, la casa già ce l’ho, il lifting è appena fatto, gli armadi sono strapieni, la dentatura nuova è già sistemata, …cavolo, davvero non so come fare ad arrivare a fine mese…”!!

    Posted by RENZA MARTINI | 30 December 2012, 01:58
  3. e come si fa? chirurgo plastico ogni mese, viaggi in tutto il mondo in alberghi super lussuosi, spese folli in negozi inavvicinabili, caro Pino, l’appetito vien mangiando….

    Posted by Ninni | 30 December 2012, 02:47
  4. Invio i conti sommari mensili della moglie di un CEO di una impresa italiana presente in 50 Paesi nel mondo dal fatturato di 300 milioni l’anno e 200 dipendenti. Decisamente di medio taglio. Non faccio nomi per non rischiare querele, ma vi assicuro sulla veridicitá dei conti:
    – Benzina, manutenzione, personale e ammortamento di un jet privato che effettua 5 viaggi in Europa e uno intercontinentale al mese: 700mila euro/mese
    – Spese di viaggio (hotels ristoranti, nolo auto con autista e scorta): 400mila euro.
    – Personale e gestione della casa sul lago di Como: 1 milione di euro.
    – Quote mensili di clubs, personal trainers, yoga, coach e intrattenitori: 100mila euro.
    – Quote di mutui, leasing auto, yachts, spese legali, amministrazione, banche e coaching finanziario: 300mila euro.

    Siamo a 2,5MM Euro/mese. Volete che la Veronica non si permetta qualche lusso in piú rispetto a una consorte di un imprenditore “medio” italiano?

    (naturalmente nulla o quasi di tutto ciò è dichiarato in Italia o è soggetto al fisco nazionale).

    Quest’impresa ha attualmente 40 dipendenti in cassa integrazione e il marito piange lacrime e sangue sui media locali del trevigiano per salvare la propria impresa.

    Viva l’Italia!

    Posted by Nicola Montorsi | 30 December 2012, 02:57
  5. Oh no avete già detto tutto voi! mi ero chiesta “come si fa” a spendere centomila euro al giorno…mi sembrava impossibile, comunque la mia idea si avvicina molto a quella di Ninni :)) Eliminerei solo un po’ di coach, personal trainer, quote club e intrattenitori vari che non mi servono (mi stressa solo l’idea), per il resto è semplice: svuotare i negozi di vestiti e scarpe, indossare abiti da sogno e luccicanti come una fatina, e fare su e giù con Miami Beach, uscire tutte le sere alla faccia della tristezza e depressione attuali, con tavolo riservato e vodka, l’actor studio di n.y. pagato…… e solo persone folli per amici – finalmente mi levo di torno quelle con in bocca la parola “maturità”……indirettamente proporzionale all’intelletto ;))
    (e al posto del toy boy, un professore affascinante che mi riempia i vuoti culturali :))

    Pino, sognare è gratis, ma considerando che li ho avuti veramente sogni molto simili anni fa… :) il botto quando ti risvegli nella realtà è durissimo!! e pessimo.

    Posted by sissi | 30 December 2012, 12:30
  6. Ognuno di noi ha nel cuore qualcosa o qualcuno. Io ho dentro il dramma di migliaia, dico migliaia, di giovani giornalisti disoccupati. Un giornale di media tiratura mi pare che costi intorno al milione di euro l’anno. Beh, con…. tre milioni al mese potrei benissimo aprirne uno e assumere più precari possibile! Anche questo è un sogno.

    Posted by pinoscaccia | 30 December 2012, 13:30
    • Carino….il sogno più delizioso: permettere di realizzare le inclinazioni, di poter FARE qualcosa diventando indipendenti, in una parola… di lavorare con passione diritti… e dignità. Molto dolce come sogno.

      Posted by sissi | 30 December 2012, 15:06
  7. mi bastano i pensieri che ho già non vorrei avere anche questa preoccupazione… sto bene con il mio misero stipendio perchè questo mi permette di dedicare il mio tempo agli altri…ciao!!!!!

    Posted by graziella | 30 December 2012, 13:32
  8. Anche i pirla hanno i sogni. Il sottoscritto sogna questo: fabbriche in Africa.

    – Ah! beh! E che fabbrichi in mezzo al deserto con tutti quei soldi? Pellicce?
    – No, pannelli solari per energia da distribuire in tutti i continenti. Vedi, nel solo 0,3 % del territorio africano, si possono installare impianti di energia pulita e dare da lavorare a tutti. Ma si scasserebbe un sistema economico che mi vedrebbe morto nel giro di una settimana da parte degli squali. Ma chissenefrega. Evvai con gli impianti di energia pulita!”
    – Ma non ti tieni neanche un soldino per te?
    – Può essere difficile da comprendere, ma la soddisfazione di essere utile in questo modo, per sè e per gli altri… non ha prezzo.

    Posted by Walter | 30 December 2012, 17:56
  9. Io credo che la Signora Veronica possa dire molte cose sul “bricconcello ” come lo chiami tu , dopo 20 anni di convivenza credo sappia molto di piu’ di quello che è trapelato fin d’ora , siccome il silenzio è d’oro il Bricconcello paga a peso d’oro .
    Poi è vero quante cose si potrebbero fare con tutti quei soldi , io non li so immaginare per me , ma potrei metterli a disposizione dei tanti che ne hanno bisogno e che potrebbero servire a fare altrettanti lavori utili alla società.
    Non abbiamo la certezza che l’ex li avrebbe messi a disposizione dei bisogni del paese .
    Speriamo che la Signora Veronica si metta la mano sulla coscienza e provveda

    Posted by lorena | 30 December 2012, 20:10
  10. Caro Pino , non ci provo nemmeno …e poi sarebbe anche monotono ! In realtà è una ennesima vergogna italica!

    Posted by Lucio Gialloreti (@LucioGialloreti) | 30 December 2012, 21:08
  11. C’è di che sentirsi in colpa con mezzo mondo che sempre di più sta alla fame, e ci sarebbe da rimanere indignati ma…. dopo ciò che abbiamo visto e vissuto, soprattutto da parte di chi ha trovato sempre discutibili giustificanti, indignarsi per “Veronica” è cosa ipocrita.

    Posted by sissi | 30 December 2012, 21:43
  12. Mezzo [OT] E il primo che dice che è un video razzista, è un politico!

    Posted by Walter | 31 December 2012, 02:20
  13. ….secondo i miei calcoli posso tranquillamente offrire più di 40,000!! lattine di COCA COLA in un giorno ……….che fatica………tutti sti danari…..ufff!! meglio che non ci penso Pino…..CIN CIN E BUON ANNO A TUTTI ….
    ( NON FATE I FURBI!!! HO DETTO UNA LATTINA A TESTA !!!!)

    Posted by marcellolupo | 31 December 2012, 13:23
    • A conti fatti, una lattina di CocaCola costa al supermercato circa 60-70 centesimi.
      40.000 lattine moooolto di meno. Circa 22 centesimi (praticamente prezzo fabbrica).
      Cioè 454.545 lattine X 0,22 Cents, per un totale di circa 100.000 €.
      Come dire che la città di Bologna, Interland compreso, si ristora aggratise. Tutti i giorni. Paga Silvio.
      Volendo si può utilizzare anche il Chinotto, per inserire qualche paesino della Provincia emiliana in più.
      Alla faccia degli “alimenti” della ‘Sora Veronica.

      Posted by Walter | 1 January 2013, 04:13
  14. Siamo tutti giustamente indignati per la “paghetta” all’ex berluskazza, ma che ne dite della fidanzata dell’ultimo stralunato rampollo Fiat che se ne va in giro con 3 milioni e mezzo di gioielli? Anche in vacanza, giusto per mettersi qualche brillantino la sera… notizia

    Posted by pinoscaccia | 31 December 2012, 13:37
  15. Auguri lo stesso, poveri auguri leggendo di ricchi milionari che nemmeno si porranno il problema di come spendere, semplicemente perché ci sono abituati e nemmeno li vedranno mai. I soldi, si sa, oltre che essere del diavolo sono pure sporchi. Vuoi mettere una bella carta di credito platinum?

    Posted by irisilvi | 31 December 2012, 18:28
  16. Auguri tribù… non so più nemmeno come mi sento..io invece, aiutooo :))
    da un lato mi ha stufato tutto, d’altro canto non trovo pace…. che pessimo carattere…
    e che noia, ecco vi dedico lui, il sabato del villaggio leopardiano in versione romanesca :)))

    Buon fine anno, compresa me.

    Posted by sissi | 31 December 2012, 20:49
  17. Proprio ora dalla Gruber, il signor b ha precisato che non sono 100mila ma 200 mila euro al giorno decisi dalle guidichesse comuniste milanesi. Ovviamente sempre all’insaputa della ex moglie.

    Posted by irisilvi | 8 January 2013, 21:44
  18. Un bel problema.. ( e con 200mila euro quanti giornalisti precari impiegheresti? )

    Posted by irisilvi | 8 January 2013, 21:56
  19. Mi sa che potresti pagarli più di mille euro al mese…. ma mettiamo le spese di gestione , qualcosa che passa lo stato ( lo fa ancora?) , pubblicità ,poca… Si credo che potrebbero guadagnare di più .

    Posted by irisilvi | 8 January 2013, 22:10
    • Certo che lo Stato passa i finanziamenti. E poi pubblicità e vendite. Credo che li potrei proprio mettere a contratto pieno, con uno stipendio decente.
      Se penso che una fortuna del genere la signora la spende in lifting, lusso e quant’altro…ci sarebbe davvero da fare la rivoluzione. Anche perchè non è sicuramente la sola in Italia.

      Posted by pinoscaccia | 8 January 2013, 22:14
  20. Si possono catalogare tra ” varie ingiustizie”? Certo che fa rabbia,tanta rabbia. Ad esempio si è sentito che oggi precari a Palermo mi sembra, hanno bloccato i binari? Eppure e giuro non voglio polemizzare, tanti giornalisti,candidati alle future imminenti elezioni.

    Posted by irisilvi | 8 January 2013, 22:20
    • Lo so, ma sono sempre quelli di lusso: Severgnini, Mineo… Quelli famosi, che portano voti. In passato, la Gruber, Santoro, Sassoli…Non si presentano mica i precari, nè quelli che li sostengono. Comunque sono parte in causa e non voglio entrare nel merito, ma molto peggio quando si presentano i magistrati.

      Posted by pinoscaccia | 8 January 2013, 22:24
  21. Pure Mario Sechi, sarà per via del nome di battesimo?
    Però non capisco perché sia molto peggio se si presenta un magistrato! Forse per il conflitto d’interesse visto che gran parte dei componenti del parlamento è stato convocato dalla magistratura?

    Posted by irisilvi | 8 January 2013, 22:34
    • Beh, pure Mario Sechi è un direttore, guarda. Sui magistrati ho idee precise: devono stare sempre al di sopra delle parti. Proprio per essere credibili. Una volta che si schierano poi diventa scandaloso che tornino a fare i magistrati.

      Posted by pinoscaccia | 8 January 2013, 22:37
      • Pino io la penso così pure per i giornalisti. Ovvio che abbiano una loro posizione ma , secondo me per carità , non dovrebbero schierarsi con nessuno, proprio per essere super partes, liberi di poter dire quello che vogliono. Impossibile vero? Sogno…

        Posted by irisilvi | 8 January 2013, 22:40
        • Non è un sogno, è improponibile. Nel mestiere di giornalista c’è anche quello di offrire opinioni. Quindi di fatto sono già schierati. Chi ha detto che non sono liberi? Magari scrivono quello che pensano. Un magistrato giudica la vita degli altri, di tutti, e quindi dovrebbe essere istituzionalmente super partes. Nel momento in cui si infila in un partito non lo è più. E almeno dovrebbe avere la faccia di non riprendere la toga. E’ molto diverso.

          Posted by pinoscaccia | 8 January 2013, 22:44
          • Ci devo pensare…

            Posted by irisilvi | 8 January 2013, 22:46
          • C’è poco da pensare. Chi scrive, mica sotto tortura, sull’Unità già è schierato. Come quello che scrive su Libero. Non solo opinioni, fanno anche battaglie politiche. Se si presentano con un partito non cambia molto.
            Sui magistrati già ti ho detto. Schierarsi per loro può sempre provocare sospetti.

            Posted by pinoscaccia | 8 January 2013, 22:49
  22. Eppure quanti magistrati hanno dato il loro contributo alla politica, dalla prima repubblica in su. Piuttosto poi, sempre se mai qualcuno volesse tornare al proprio lavoro, non dovrebbe poterlo fare. E questo dovrebbe essere regolamentato.

    Posted by irisilvi | 8 January 2013, 22:58
  23. Indubbiamente ….

    Posted by irisilvi | 8 January 2013, 23:16
  24. Per me il problema è proprio nel termine: “schierati”
    che brutta parola….
    poi tesserati di un partito o meno, lo “schieramento” mentale di per sè preclude ogni obiettività.
    E un’opinione, che in quanto tale è sicuramente soggettiva e personale, non è necessariamente “schierata”: si può anche scrivere su un giornale di differente direzione politica pur continuando a mantenere le proprie idee … se glielo permettono. .
    Condivido che a maggior ragione questo dev’essere anche per i giudici, scevri da ogni preconcetto di parte a favore dell’imparzialità. (e coerenza..anche)

    Posted by sissi | 9 January 2013, 06:26
  25. Stamani, leggendo la risposta di un tuo collega ad un lettore, ho ancor più compreso il senso di questa riflessione. Vero. Che senso può avere lasciare sguarniti due posti così sensibili come la lotta alla mafia di Grasso o la direzione di un’unità contro il narcotraffico su incarico dell’ONU , per scendere in politica? Ingroia ora è in aspettativa(?) per motivi elettorali, e non mi risulta che Pietro Grasso si sia dimesso. Credo che la lezione di loro altissimi colleghi come Falcone e Borsellino, non abbia prodotto il risultato sperato. E ancora risuonano le parole di Antonino Caponnetto – è tutto finito –

    Posted by irisilvi | 9 January 2013, 10:38
    • Grasso si è dimmesso (“mi tremavano le mani” ha confidato) e in più ha espresso pubblicamente il proposito di non rimettersi mai più la toga se fosse eletto. Da Ingroia non l’ho mai sentito.

      Posted by pinoscaccia | 9 January 2013, 11:43
  26. Grasso si è dimesso perchè è in procinto di andare in pensione. e sta coccolato nel pd. Ma una leggina all’epoca fatta ad hoc ha permesso a Grasso di diventare Procuratore. escludendo di fatto Caselli.per limiti di età- Ed è stato proprio Grasso ad elogiare il governo Berlusconi nel contrastare cosa??? No dimmelo cosa

    Posted by madamepina | 9 January 2013, 13:57
    • Polemiche vecchie e troppe volte ripetute. Nessun magistrato è mai sfuggito alla politica. Le inchieste roboanti spesso servono proprio come volano per la propria carriera. Il Csm è molto più politicizzato del Parlamento.

      Posted by pinoscaccia | 9 January 2013, 14:00
  27. e non hai risposto alla domanda però. Ma come elogia il governo Berlusconi e poi è accolto alla grande nel pd. Ho sentito frasi negli adepti del pd quando si parlava di Ingroia tipo questa “Se fossi un magistrato non mi candiderei, continuerei a fare bene il mio lavoro” sotto dettatura chiaramente di qualche scuola che li istruise bene i giovani a mantenere intatto questo sistema schifoso. Poi alla candidatura di Grasso tutti zitti. Ma di cosa ci vogliamo lamentare allora

    Posted by madamepina | 9 January 2013, 14:09
    • Ti sfugge che Ingroia ha detto in passato (recente) che non si sarebbe mai candidato, perchè era lontano dal suo modo di essere. Forse il suo modo di essere è di costruire una grande inchiesta politica puntando su un mafioso come il figlio di Ciancimino, di cui ogni giorno si trovano soldi sparsi per il mondo.

      Posted by pinoscaccia | 9 January 2013, 14:13
  28. la stessa cosa lo aveva detto Grasso. avrebbe fattol il nonno a tempo pieno. E vogliamo parlare di Ayala ??? o di tanti altri magistrati iche sono già li in Parlamento nel più completo silenzio?. E’ che quando le cose si dicono come stanno in questo paese poi si è soli. Tutta una finzione, tutti mafiosi. Poi condivido appieno in fatto che ci sia una giustizia giusta. ma anche in Paese giusto.

    Posted by madamepina | 9 January 2013, 14:39
  29. tutti acchiappati dal potere, dalla finanza e dai soldoni, vuoi dire?
    Nessuna speranza per questo paese? e allora viva Berlusxconi e la Miliolaria ;)

    Posted by madamepina | 9 January 2013, 15:01
  30. Certo che detto da me , eh? ;;)))
    Mai pensato ai Santi e manco alla giustizia.vera.troppo avido l’essere umano. Non m’illudo tranquillo.Ma un meno peggio ci sarà pure o non c’è speranza ? Ci dobbiamo ritrovare con una classe dirigente ancora lì da sei o sette legislature a legiferare per loro? Personalmente sono davvero confusa. e il voto lo devo esprimere, Il “voto” è una conquista, ma, ma a favore di chi se non sono riusciti a cambiare la legge elettorale e ancora vige la partitocrazia per scambio di voti e privilegi. Che caos

    Posted by madamepina | 9 January 2013, 15:14
    • Non chiedere aiuto a me perchè ho le idee altrettanto confuse. Forse è l’età. Quando arrivano gli anni della ragione si guarda tutto con occhi più maturi e consapevoli. Ce ne fosse uno limpido. Guarda gli scandali nelle varie Regioni: tutti coinvolti, tutti. E’ la politica, bellezza. E fa schifo.

      Posted by pinoscaccia | 9 January 2013, 15:18
  31. Amen

    Posted by madamepina | 9 January 2013, 16:31
    • Vedi, per esempio metti che uno non può vedere Berlusconi e nello stesso tempo è assolutamente contrario alla politica di Monti. Ecco metti che propende per il Pd e scopre che Bersani ha già promesso un accordo con il vampiro… Che deve fare? Non mi dire i partitini perchè non contano niente, se non i termini di qualche postincino negli strapuntini delle coalizioni.

      Posted by pinoscaccia | 9 January 2013, 19:15
  32. Appunto. Che mi si venga a dire che sono qualunquista. Addosso a lor signori pure la responsabilità di avermici fatta diventare.

    Posted by irisilvi | 9 January 2013, 20:46
  33. su RAI 3,ieri, una non meglio precisata giornalista del Corriere della Sera chiede ad Ingroia come mai RIVOLUZIONE CIVILE “non si vuole accordare con il PD e decida di fare questo favore a Berlusconi”. Ingroia risponde che è stato il PD ad aver chiuso ad ogni ipotesi di questo tipo e la giornalista risponde “non mi sembra proprio” . Insomma si decidesse sto pd se voleva l’alleanza avrebbe dovuto farla con Ingroia, per essere più credibile a sinistra, a mio avviso., altrimenti rimanere al centro e avere Monti affinchè l’Italia abbia più credibilità all’estero. Comunque fa perde punti.

    Posted by madamepina | 10 January 2013, 11:29
  34. sono queste indecisioni che poi fanno vincere l’altro (non lo nomino neanche più)

    Posted by madamepina | 10 January 2013, 11:31
  35. Vittorio Zucconi vs. Ingroia (e vs. Monti)

    http://www.la7.tv/richplayer/index.html?assetid=50301344

    (dimenticavo: splendido Vittorio Zucconi)

    Posted by sissi | 10 January 2013, 16:06

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s

Anno 18

[dal 18 ottobre 2001]
Visite totali circa 7 milioni

Categories

Archives

L’ultimo libro

Hitler e Mussolini tra passioni e potere: i tranelli della storia rivisti da un reporter di guerra e da una professoressa di lettere.

Le verità e le bugie intorno ai due dittatori che hanno segnato le sorti del secolo breve. Da una parte il führer, con sangue ebraico e forse origini berbere. Dall’altra il campione della famiglia italiana, il duce, che si innamorò di Claretta Petacci, forse una probabile spia degli inglesi. Poi la fine, ancora avvolta da misteri. Hitler e Mussolini, uniti dall’odio, dall’illusione di una conquista universale, da una fine tragica e da due amori maledetti. Sicuramente feroci, ma con infinite debolezze, spietati, ma fragilissimi.

%d bloggers like this: