you're reading...
tribù

Il mondo che vorrei è quello di una gabbianella

La-gabbianella-a25568793

Mi chiamo Felicita. Il nome me lo ha messo il mio amico Lupino che vado a trovare spesso a Scilla. Mi poso sul suo balcone, trovo sempre qualcosa da mangiare, come se lui mi aspettasse. In realtà sono una gabbianella. Chissà come ha scoperto che sono un gabbiano femmina, con i maschi non abbiamo grandi differenze, siamo gabbiani e basta. E’ confortante arrivare da lui quando il mare è grosso ed esalta gli scogli, è bello riposarsi per tipi come noi abituati a volare contro i venti. Ma ci riposiamo poco: diciamo di amare la quiete marina ma in realtà, per dirla con il poeta, il nostro destino è di vivere balenando in burrasca.

In fondo non è una brutta vita quella del gabbiano. Si sorvola il mondo, lo sfioriamo appena per acciuffare il cibo ma stiamo sempre in alto, sopra tutti. Lassù, sapete, non ci sono differenze. Non si distinguono i colori della gente, voi umani per noi gabbiani avete la stessa pelle. Che colore? Inventatevelo voi che avete sempre il problema di distinguervi, di notare le differenze. Per noi è semplicemente il colore della pelle, è tutto uguale come tutto il sangue è rosso. Per uno strano miracolo che solo a noi gabbiani può riuscire notiamo le differenze solo negli occhi. Eh sì, gli occhi non sono tutti uguali. Ci sono occhi neri come la notte, blu come il mare, verdi come l’erba, gialli come il fieno.

Una volta, volando da gabbiano di frontiera sopra una terra insanguinata dalla guerra, ho notato una bambina che aveva gli occhi color miele selvatico. Correva, stranamente felice, nonostante le bombe. Aveva una sola cosa più bella degli occhi, anzi due. Il sorriso. E la voglia di libertà.  [Pino Scaccia]

About pinoscaccia

già redattore capo Rai inviato speciale Tg1

Discussion

14 thoughts on “Il mondo che vorrei è quello di una gabbianella

  1. E’ un racconto dolcissimo. Grazie, Pino. Se non ci sentiamo, ti auguro di cuore buone feste.

    Un abbraccio.

    Posted by marisamoles | 21 December 2012, 14:53
  2. però un bel privilegio volare sopra a tutti.
    Invece che confrontarsi, condividere, combattere, inerpicarsi in questo caos e cercare di rimetterlo a posto. Anch’ io vorrei guardare solo gli occhi:: sono lo specchio dell’animo. promuovere sorrisi, ripristinare la gentilezza, vivere la semplicità. insomma far raggiungere a tutti la felicità. Ma quanto è difficile.

    Posted by madamepina | 21 December 2012, 15:02
  3. ..un altro scorcio poetico di Pino,
    un altro “frammento di cuore”….
    una tavolozza di “colori della vita”….

    Posted by RENZA MARTINI | 21 December 2012, 15:24
  4. Quando la realtà si fonde con la fantasia, si generano pensieri armoniosi, proprio come quelli da te riportati in questo articolo. La bravura di un vero giornalista sta proprio in questo: riuscire a trasmettere, attraverso un’accurata descrizione,emozioni, anche in un contesto bellico.

    Posted by Maria Carrozzo | 21 December 2012, 20:23
  5. Stupendo articolo , PIno ! E quella bambina…!!

    Posted by Lucio Gialloreti | 21 December 2012, 20:27
  6. Grazie Pino, il sorriso di una bambina afgana fra le bombe!

    Posted by luciogialloreti | 21 December 2012, 20:30
  7. Grazie Pino per le emozioni che le tue parole donano. E’ vero, gli occhi delle persone sono tutti diversi, forse è proprio l’unico particolare che ci rende diversi uno all’altro. Shatia è splendida, le auguro ogni bene!!

    Posted by Patrizia M. | 22 December 2012, 00:07
  8. bellissima!!!..grazie!..

    Posted by rita | 22 December 2012, 08:37
  9. ed è vero che gli occhi rispecchiano l’anima…l’anima pura di una bimba che ha già visto tanti orrori, ma che conserva la vivacità nell’iride color del miele. Grazie, gabbiano…

    Posted by barbara brunati | 22 December 2012, 17:19

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s

Anno 19

[dal 18 ottobre 2001]

“Quando si è scoperto che l’informazione era un Affare, la verità ha smesso di essere importante.” (Ryszard Kapuscinski)

L’ultimo libro

TRADITORI: l’incredibile intreccio tra i Kennedy, Marilyn Monroe, Jackie Onassis e Maria Callas. Più la sconvolgente storia di Lady D.

Amori Maledetti

Hitler e Mussolini tra passioni e potere: i tranelli della storia rivisti da un reporter di guerra e da una professoressa di lettere.

Archives

%d bloggers like this: