you're reading...
afghanistan

Un quaderno per i bambini di Keriabad

Salve, sono la sorella di un soldato che l’ha vista e scortata in questi giorni a Farah. So che è appena tornato e sarà stanchissimo ma la prego di raccontare al più presto ciò che ha visto con i suoi occhi. la ringrazio di cuore perchè è fondamentale documentare quanto più possibile per sentirli più vicini… è come se avessimo avuto noi la possibilità di stare li,  la invidiamo. Le confesso che, sapendola li, io e mia madre siamo state quasi più serene e finalmente consapevoli che uno di noi possa esser penetrato in un mondo ai confini della realtà e di averlo reso quasi più “accettabile”. Maria Chiara 

Con il fratello di Maria Chiara sono stato a Keriabad, il villaggio più lontano dalla base di Farah. Al di là delle montagne c’è Kormalek, un posto molto…turbolento. Abbiamo portato regali ai bambini, soprattutto penne e quaderni con la speranza di aver offerto qualcosa che invita alla speranza. Pubblico un pò di foto di quel messaggio, nel tentativo di aver inquadrato anche il fratello.

About pinoscaccia

già redattore capo Rai inviato speciale Tg1

Discussion

22 thoughts on “Un quaderno per i bambini di Keriabad

  1. Continuo a guardare e riguardare queste foto, mi ha colpita tantissimo la penultima, dove si vede molto bene il bambino che tiene stretti i quaderni e altri doni. Eppure sul suo visino non c’è l’ombra di un sorriso…sembra quasi voglia scappare per paura di vedere sparire ciò che ha avuto.

    Posted by Patrizia M. | 25 November 2012, 22:41
  2. “”Orrore in Afghanistan. Due bambini, un maschietto di 12 anni ed una bimba di 6, sono stati decapitati. I due episodi, riferisce la polizia, non sono collegati tra loro. Il bambino è stato rapito e poi ucciso mercoledì scorso nella provincia meridionale di Kandahar, mentre la bambina è stata decapitata nella provincia orientale di Karpisa. Il portavoce del governo provinciale di Kandahar, Jawid Faisal, ha detto ai giornalisti che sono stati i talebani a decapitare il bambino, per vendicarsi del fatto che il fratello maggiore si fosse arruolato nella polizia afghana. Lo stesso Faisal ha detto che il bimbo è stato bloccato mentre dal distretto di Zherai si stava recando a quello di Panjwai. Il suo cadavere è stato abbandonato sul ciglio della strada.””
    Con queste notizie che ci arrivano purtroppo quasi quotidianamente, come potrebbe un bambino afghano sorridere se il vero dono sarebbe quello di svegliarsi al mattino e apprendere che anche lì è giunta la pace? L’altro giorno è stata la giornata dei diritti del bambino, in quel giorno ho pensato molto anche a tutti quei bambini che sono poco fortunati, proprio come i bambini afghani…Un giocattolo o un quaderno nn è nulla, è vero, ma rimane sempre bello pensare che questi piccoli gesti nn li fanno sentire soli.

    Posted by Maria Carrozzo | 25 November 2012, 23:09
  3. Ma da dove spuntano questi bambini , non si vedono case , solo deserto ? questi piccoli sono nati con la guerra , forse non hanno voglia di ridere

    Posted by lorena | 25 November 2012, 23:10
  4. Sbaglierò, ma la mia impressione è stata un’altra… è quello sguardo serio che hanno a volte i bambini…quella gravità di chi sperimenta realtà drammatiche, sì, ma anche qualcos’altro…come se veramente fossero anime che si sono incarnate – cariche di responsabilità per un destino difficile – con l’impulso di cambiare qualcosa…in un mondo ormai marcito.
    E’ l’intensa serietà che colpisce di quel bambino, e credo che la “paura” (di perdere i doni) sia un’interpretazione di carattere tipicamente occidentale.

    Posted by sissi | 26 November 2012, 00:13
    • …cioè, correggo, avranno anche paura di non ricevere i doni… eh, poveri piccoli, oltretutto non è che mi permetto di mettere in discussione impressioni ed emozioni di chi là c’è stato e le ha vissute direttamente. Ma dalla serietà di quel visetto io la prima cosa che ho sentito è stata “anche” questa…non so perchè.

      Posted by sissi | 26 November 2012, 00:23
    • certamente sorridono poco perchè hanno pochi motivi per sorridere
      uno di questi è un gesto d’amore che quasi ricevono con sorpresa

      Posted by pinoscaccia | 26 November 2012, 00:25
  5. Io…non ho parole. Forse non riesco a trovarle perchè i regali giungono così raramente… oggi lo sono queste immagini e sai perchè?
    PERCHE’ RITRAGGONO BAMBINI VIVI.
    Grazie Pino.

    Posted by vincenza63 | 26 November 2012, 01:18
  6. Piccoli oggetti. Sono piccoli oggetti confezionati, plastificati, lucidi. Portano l’ aria dell’ occidente. Ma rappresentano un simbolo, più che il loro valore in sé. Sono un pensiero piccolo e semplice, ma che significa tanto per questi bambini e anche per chi li dona. Chissà se i bambini di un collegio in Svizzera provano le stesse emozioni quando si presentano delle persone a fargli questi regali.
    Sta tutta qui la differenza tra “noi” occidentali e “loro”.
    Forse.

    Posted by Walter | 26 November 2012, 01:59
  7. Un bellissimo pensiero per Maria Chiara , caro Pino , queste foto!

    Posted by Lucio Gialloreti | 26 November 2012, 11:26
  8. “Mio fratello, dopo giorni di assenza, è riuscito a connettersi e mi ha confermato che è nella prima foto dell’articolo di Keriabad è il ragazzo sul lince” (Maria Chiara)

    Posted by pinoscaccia | 28 November 2012, 12:59
  9. ciao Sono il Famoso fratello di mariachiara :).Spero tutto bene!!Sto vedendo le foto proprio ora Molto Belle complimenti!!puo mandarmi l’amicizia?Un abbracciO!!! (davide)

    Posted by pinoscaccia | 28 November 2012, 13:49
  10. Basta poco per chi ha solo un cielo azzurro

    Posted by ceglieterrestre | 12 December 2012, 15:58

Trackbacks/Pingbacks

  1. Pingback: Un quaderno per i bambini di Keriabad | La Torre di Babele - 10 December 2012

  2. Pingback: Un quaderno per i bambini di Keriabad « La Torre di Babele - 10 December 2012

  3. Pingback: Ancora sangue italiano in Afghanistan | - 8 June 2013

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s

Anno 18

[dal 18 ottobre 2001]
Visite totali circa 7 milioni

Categories

Archives

L’ultimo libro

Hitler e Mussolini tra passioni e potere: i tranelli della storia rivisti da un reporter di guerra e da una professoressa di lettere.

Le verità e le bugie intorno ai due dittatori che hanno segnato le sorti del secolo breve. Da una parte il führer, con sangue ebraico e forse origini berbere. Dall’altra il campione della famiglia italiana, il duce, che si innamorò di Claretta Petacci, forse una probabile spia degli inglesi. Poi la fine, ancora avvolta da misteri. Hitler e Mussolini, uniti dall’odio, dall’illusione di una conquista universale, da una fine tragica e da due amori maledetti. Sicuramente feroci, ma con infinite debolezze, spietati, ma fragilissimi.

%d bloggers like this: