you're reading...
afghanistan

Ritorno al futuro: Herat e Farah

Tra una manciata di ore partirò per l’Afghanistan. Un ritorno, ma stavolta sarà diverso: è stata una scelta. Ho conosciuto molti luoghi, fra i più lontani e magici, ma per la prima volta andrò a Farah, un avamposto avanzato come già vi ho anticipato. Arrivati alla base di Herat ci trasferiremo in elicottero, agli americani piacendo. Metto la cartina per farvi capire dov’è. E’ sulla Ring Road che collega tutte le arterie del Paese, a due passi da Lashkar Gah, dov’è l’ospedale di Emergency in pieno territorio talebano e dove sono stati rapiti sia Torsello che Mastrogiacomo. Non staremo molti giorni, ma non conoscendo la zona e non avendo più a disposizione il satellite della Rai, non ho proprio idea sulle comunicazioni. Credo che sia molto complicato collegarsi e quindi c’è il rischio che per un pò di giorni non potrò trasmettere. L’impegno, naturalmente, è di raccontarvi tutto al ritorno. A presto, inshallah.

About pinoscaccia

già redattore capo Rai inviato speciale Tg1

Discussion

29 thoughts on “Ritorno al futuro: Herat e Farah

  1. caro Pino che dire in bocca al lupo , grande coraggio e tanta voglia di raccontare un’altra storia , noi saremo qui’ come sempre ad aspettare le notizie ciao ciao

    Posted by lorena | 14 November 2012, 11:45
  2. Aspettiamo con ansia..stai attento Pino

    Posted by Zenaide Cerrone | 14 November 2012, 11:47
  3. Non so perché e te ne chiedo scusa, ma mi viene da dire, sii prudente…
    A presto Pino !!!

    Posted by Patrizia M. | 14 November 2012, 11:52
  4. Siamo con voi…… con il pensiero!!!!!!!!!!!!

    Posted by Lillia Lombardi-Corsenca | 14 November 2012, 12:05
  5. Sereno volo Gabbiano…

    Posted by franca | 14 November 2012, 12:08
  6. il nostro pensiero ti seguirà sempre, come lo farà il nostro cuore, e la nostra ansia nell’attendere il tuo ritorno…buon lavoro Pino !!

    Posted by RENZA MARTINI | 14 November 2012, 12:12
  7. In bocca al lupo

    Posted by barbaincampagna | 14 November 2012, 12:29
  8. Immagino che non sarà una passeggiata. In bocca al lupo!

    Posted by Marco Alici | 14 November 2012, 12:49
  9. in culo alla balena…comunque verrei con te !! potessi….ma vai a fare un reportage ?

    Posted by marcellolupo | 14 November 2012, 13:07
  10. Un in bocca al lupo di cuore ,PIno !

    Posted by Lucio Gialloreti | 14 November 2012, 13:40
  11. buona sera Pino grazie per l’attenzione che ci hai rivolto buon viaggio e buon lavoro a te e chi ti aiuterà e collaborerà aiutandoti in questa impresa a presto ciaooo a tutti :)

    Posted by Rosaria | 14 November 2012, 14:15
  12. ciao……….

    Posted by madamepina | 14 November 2012, 14:17
  13. buon viaggio, Pino! inshallah! aspetto tue notizie. un abbraccio.

    Posted by vincenza63 | 14 November 2012, 17:27
  14. …a dimenticavo Pino non ti accompagnare a Petraeus, ti potrebbe portare sulla cattiva strada…. :)

    Posted by marcellolupo | 14 November 2012, 17:28
  15. Ti abbraccio, giornalista puro che intingi la penna nell’inchiostro della verità per raccontare i fatti con gli occhi del sentimento e della solidarietà.

    Posted by www.salvatorespoto.it | 14 November 2012, 20:34
  16. In bocca al lupo Pino. Ciao!

    Posted by Walter | 14 November 2012, 21:26
  17. Ogni viaggio intense emozioni…ah…come ti capisco Pino…prudenza pero’…E’ un documentario sulle forze militari presenti sul territorio?…Raccontaci anche di Emergency….Baciotto Pino…

    Posted by JO FIORI | 14 November 2012, 22:03
  18. In bocca al lupo Pino e come al solito portaci le verità che rimangono sempre nascoste e che altri non hanno il coraggio di raccontare!!! Buon lavoro!!!

    Posted by Emanuele Viviani | 14 November 2012, 23:44
  19. Noi ti aspettiamo. Come sempre. Buon volo, Gabbiano

    Posted by barbara brunati | 15 November 2012, 10:16
  20. grazie di farci vedere con i tuoi occhi e sentire con il tuo cuore grazie ancora

    Posted by vivi1971 | 15 November 2012, 18:17
  21. mio fratello è lì a farah e mi ha detto che l’ha vista a mensa. non vedo l’ora di leggere il suo resoconto.la ringrazio

    Posted by maria c. | 17 November 2012, 15:10
  22. attenzione pino perché hanno sempre bisogno di ostaggi preziosi.
    buona fortuna e buon lavoro.

    Posted by paolo dinucci | 20 November 2012, 02:49
  23. Bentornato Pino!

    Posted by irisilvi | 22 November 2012, 16:48

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s

Anno 18

[dal 18 ottobre 2001]
Visite totali circa 7 milioni

Categories

Archives

L’ultimo libro

Hitler e Mussolini tra passioni e potere: i tranelli della storia rivisti da un reporter di guerra e da una professoressa di lettere.

Le verità e le bugie intorno ai due dittatori che hanno segnato le sorti del secolo breve. Da una parte il führer, con sangue ebraico e forse origini berbere. Dall’altra il campione della famiglia italiana, il duce, che si innamorò di Claretta Petacci, forse una probabile spia degli inglesi. Poi la fine, ancora avvolta da misteri. Hitler e Mussolini, uniti dall’odio, dall’illusione di una conquista universale, da una fine tragica e da due amori maledetti. Sicuramente feroci, ma con infinite debolezze, spietati, ma fragilissimi.

%d bloggers like this: