you're reading...
afghanistan

Dove ancora non volano gli aquiloni

L’ultima volta che sono stato in Afghanistan risale al gennaio 2009, tre anni fa, quasi quattro. Troppi per una terra e un popolo che amo come tutti quelli che hanno avuto la mia stessa fortuna di avvicinare. Non rivedrò stavolta Shatia e Jovid, i miei scugnizzi, né vedrò Shafique e neppure Parwiz, gli amici più cari di Kabul. Dopo Herat, Khost, Bamjian, Bagram e tanti altri posti conoscerò Farah, città sulla via della seta dove si fermò anche Alessandro Magno. E’ un posto ricco di storia, come tutto l’Afghanistan, ma anche uno dei più pericolosi, inutile negarlo. Con un gruppo di amici andremo a trovare la Task Force 45 nella base operativa avanzata intitolata a “El Alamein”. Andremo a scoprire come si vive in missione, per mesi lontano da casa, a presidiare la maledetta statale 517 che converge nella Ring Road, crocevia di tutto il Paese, passaggio dei talebani dall’Iran a Kandahar. Come si vive, appunto, lontani fisicamente da casa, ma molto vicini con il cuore e lo spirito. Staremo solo una settimana, ma basterà per dare l’idea di una terra sfortunata, da sempre in guerra, e di una situazione che continua a essere critica, undici anni dopo, invece di migliorare. La prima volta sono arrivato in Afghanistan nel dicembre del 2001, i talebani erano appena stati cacciati: il popolo era ubriaco di felicità, tornava a urlare quella musica che sapeva di libertà, come pure quegli aquiloni che i bambini tornavano a sventolare e le prime donne trovavano il coraggio di togliersi il burka. E’ passato tanto tempo da allora, ma l’aspetto più drammatico è che tutto questo non succede più.

“Finalmente scopro Kabul. Ferita. Variopinta. Incredibile ammasso di umanità. Su ogni palazzo ci sono i segni pesanti di tutte le guerre che l’hanno violentata, da secoli. Il vecchio bazar dei quattro portici è ormai un’enorme baracca, il mausoleo di Timur Shah sventrato, la fortezza di Bala Hissar un cumulo di macerie. Avevo letto da qualche parte: Kabul è la città che non c’è. Invece è bellissima. Me ne innamoro, d’istinto”. Afghanistan, dicembre 2001

About pinoscaccia

già redattore capo Rai inviato speciale Tg1

Discussion

17 thoughts on “Dove ancora non volano gli aquiloni

  1. te ne innamori perchè i tuoi occhi sono ancora puri e vedi altro di ciò che vedono gli altri..vedi le sue ferite e piangi con Lei..la città dolente.

    Posted by saporidelsalento | 9 November 2012, 20:10
  2. Immagino la malinconia , tornando!

    Posted by Lucio Gialloreti | 9 November 2012, 20:43
  3. Torni in Afghanistan..? Pensavo avessi terminato col tuo lavoro da inviato..
    Chissà perchè tutti i posti pericolosi celano fascino. In quel Paese hai lasciato un pezzo del tuo cuore, lo si evince da come spesso ricordi i due bambini afghani.Un Paese che non riesce a evolversi o, almeno, il desiderio c’è, ma ricade inevitabilmente nella sua gretta e primitiva cultura, i burka tolti e poi rimessi lo dimostrano.

    Posted by Maria Carrozzo | 9 November 2012, 21:09
  4. Non voleranno più gli aquiloni? Forse… ancora più drammatico cresceranno generazioni di bimbi senza poterlo fare, pensando che sia peccato cacciare aquiloni.
    Buona fortuna Pino

    Posted by irisilvi | 9 November 2012, 21:55
  5. Io non saprei nemmeno da dove iniziare….

    Posted by irisilvi | 9 November 2012, 22:00
  6. Allora per il 14 ,buona fortuna, Pino…o meglio “in bocca ..all’afgano”, …..mi piace pensare che, per qualche giorno, saremo “vicini” (forse qualche migliaio di km in meno che se fosse da qui, no ?)……vuol dire che quando rientrerai ti mancheranno i miei commenti fino a dicembre…e a me , mancheranno le tue “poesie” giornalistiche…..
    ma poi , ci ritroveremo, come sempre, no? (questo serve per gli scongiuri…)
    un abbraccio grande…

    Posted by RENZA MARTINI | 9 November 2012, 22:18
  7. Sicuramente ci sarà un gabbiano, nei cieli di Farah…un gabbiano che aspetta il ritorno degli aquiloni

    Posted by barbara brunati | 10 November 2012, 12:09

Trackbacks/Pingbacks

  1. Pingback: Ritorno in Afghanistan, a Farah | La Torre di Babele - 13 November 2012

  2. Pingback: Ritorno al futuro: Farah, Afghanistan « La Torre di Babele - 14 November 2012

  3. Pingback: Ritorno al futuro: Farah, Afghanistan « Kabul Cafè - 14 November 2012

Leave a Reply to barbara brunati Cancel reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s

Anno 18

[dal 18 ottobre 2001]
Visite totali circa 7 milioni

Categories

Archives

L’ultimo libro

Hitler e Mussolini tra passioni e potere: i tranelli della storia rivisti da un reporter di guerra e da una professoressa di lettere.

Le verità e le bugie intorno ai due dittatori che hanno segnato le sorti del secolo breve. Da una parte il führer, con sangue ebraico e forse origini berbere. Dall’altra il campione della famiglia italiana, il duce, che si innamorò di Claretta Petacci, forse una probabile spia degli inglesi. Poi la fine, ancora avvolta da misteri. Hitler e Mussolini, uniti dall’odio, dall’illusione di una conquista universale, da una fine tragica e da due amori maledetti. Sicuramente feroci, ma con infinite debolezze, spietati, ma fragilissimi.

%d bloggers like this: