you're reading...
tribù

Quel pezzo di Sicilia più a sud di Tunisi

Giusto qualche giorno di sosta per ricaricare le ali e poi il gabbiano riprende il viaggio. Domani, sabato, sarò a Portopalo di Capo Passero, in provincia di Siracusa. Mi premiano per “Lettere dal Don”, cioè per le ricerche fatte alla ricerca dei dispersi in Russia. Quando mi hanno comunicato la notizia ho accettato subito di cuore per molti motivi.  Intanto perchè è sempre un piacere tornare nella terra d’origine di mio padre (metà del mio sangue è siciliano), poi perchè il luogo è paradisiaco, forte e selvaggio.  Aggiungo un altro motivo: mi ha stimolato il titolo della manifestazione: “Più a sud di Tunisi”. Sembra una battuta ma non lo è. Quando stavo in Tunisia ricordo che facevamo i conti con la …carta geografica ed era scioccante scoprire che quel pezzo in fondo all’isola italiana è più meridionale della prima terra africana. E il particolare naturalmente non è solo fisico, ma ha significati profondi.

About pinoscaccia

già redattore capo Rai inviato speciale Tg1

Discussion

25 thoughts on “Quel pezzo di Sicilia più a sud di Tunisi

  1. bei posti, eh?
    sei praticamente a casa mia…

    Posted by pipistro | 12 October 2012, 21:25
  2. Complimenti Pino , salutami quella parte di Sicilia africana che amo particolarmente.

    (OT) ma che avranno perso tutte le coordinate in Svezia? quel nobel messo giù così in questo momento stride…anzi urla.

    Posted by irisilvi | 12 October 2012, 21:40
  3. grazie, e tu non aver fretta di ritornare a Roma, Siracusa e dintorni sono ineguagliabili ;)

    Posted by pipistro | 12 October 2012, 21:45
  4. Bentornato! :-)

    Posted by Walter | 12 October 2012, 21:55
  5. Complimenti Pino. Saluta la splendida Sicilia anche da parte mia

    Posted by Patrizia M. | 13 October 2012, 00:28
  6. Complimenti per il premio e per il volo verso una terra indubbiamente suggestiva in senso ampio!

    Posted by Lucio Gialloreti | 13 October 2012, 10:01
  7. Pino, quanti sogni arriveranno in Sicilia a quella stessa latitudine…

    Posted by vincenza63 | 13 October 2012, 11:03
  8. Ma com’è che andate tutti in Sicilia? Non a nuoto vero Pino?

    Posted by irisilvi | 13 October 2012, 19:58
  9. La presenza di Pino Scaccia ha impreziosito la settima edizione del premio Più a sud di Tunisi. Ero presente a teatro. Compimenti a Scaccia.

    Posted by Lina | 15 October 2012, 09:48
  10. Complimenti per l’ennesimo, meritato, premio.
    Conosco quell’angolo e lo trovo affascinante. Anche il litorale da Trapani a Marsala, di fronte Mozia, zona lagunare tra saline e mulini a vento, è incredibile per il paesaggio, i ritmi lenti, i colori di un’Africa a poche miglia, o di un’Italia che non c’è più.

    Posted by Salvo | 15 October 2012, 23:36
  11. [OT Maltempo] Quel Mostro, nato nella notte vicino le coste siciliane…

    Immagine SAT24: http://www.sat24.com/

    MeteoFulmini: http://www.meteotoscana.it/blitz/fulmini.php

    Posted by GiorgiusGam | 15 October 2012, 23:42
  12. [OT Afghanistan] Video Shows Drunk, Stoned US Security Contractors

    Cellphone video recorded earlier this year at an operations center of a U.S. security contractor in Kabul, Afghanistan appears to show key personnel staggeringly drunk or high on narcotics, in what former employees say was a pattern of outrageous behavior that put American lives at risk and went undetected by U.S. military officials who are supposed to oversee such contractors…

    MORE (ABC VIDEO): http://abcn.ws/RBbG6d

    Posted by GiorgiusGam | 17 October 2012, 18:50
  13. Quest’anno ,grazie alla ragazza di mio figlio, ho visitato Catania .Non la conoscevo.
    Splendida.

    Posted by franca | 18 October 2012, 14:15
  14. Auguri al blog ed a tutta la tribù!!!!

    Posted by irisilvi | 18 October 2012, 22:11
  15. Il blog ha undici anni. E’ nato il 18 ottobre 2001. A New York.

    Posted by pinoscaccia | 18 October 2012, 22:12
  16. A New York???? non lo sapevo… ahhh allora mi piace ancor di più!

    Posted by irisilvi | 18 October 2012, 22:16
  17. [OT] The Great Economic Depression – Pimco: “Presto taglio rating debito Usa”

    …Mather però non è pessimista solo sugli Usa. “Quasi tutti gli stati caratterizzati da dinamiche poco confortanti dei debiti saranno oggetto di un downgrade”, afferma. Aggiungendo che le agenzie di rating, a dispetto delle critiche, “si stanno mostrando piuttosto lentamente nel tagliare alcuni rating”. Detto questo, “riteniamo che il ritmo (nella velocità dei downgrade) accelererà l’anno prossimo”…

    MORE (VIDEO): http://bit.ly/S7p3gM

    …Occhio a quei personaggi internazionali-nostrani che continuano a sillabare da mesi la frase “stiamo vedendo la fine del tunnel della lunga crisi”… il grande malato (economia globale) è tuttora attaccato a un complicato respiratore artificiale; rischia nel 2013 di rimanerci definitivamente per il possibile grande tsunami finanziario asiatico chiamato Cina. “Call Iceland”

    Posted by GiorgiusGam | 19 October 2012, 09:54
    • Già!!
      respiratore artificiale??!
      siamo alla CANNA DEL GAS!!

      Per quanto riguarda “la luce alla fine del tunnel” – che vede solo Monti – gli ha risposto bene qualcuno di Confindustria: ‘sì, quella del treno’……..
      (e naturalmente i cinesi hanno il red carpet ormai in italia, senza scontrinare niente ma perfino con le visite del Presidente della Repubblica….)
      Sono rassegnata, questo è solo l’inizio, lo so che è finito tutto ormai per noi.

      Posted by sissi | 19 October 2012, 11:45

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s

Anno 18

[dal 18 ottobre 2001]
Visite totali circa 7 milioni

Categories

Archives

L’ultimo libro

Hitler e Mussolini tra passioni e potere: i tranelli della storia rivisti da un reporter di guerra e da una professoressa di lettere.

Le verità e le bugie intorno ai due dittatori che hanno segnato le sorti del secolo breve. Da una parte il führer, con sangue ebraico e forse origini berbere. Dall’altra il campione della famiglia italiana, il duce, che si innamorò di Claretta Petacci, forse una probabile spia degli inglesi. Poi la fine, ancora avvolta da misteri. Hitler e Mussolini, uniti dall’odio, dall’illusione di una conquista universale, da una fine tragica e da due amori maledetti. Sicuramente feroci, ma con infinite debolezze, spietati, ma fragilissimi.

%d bloggers like this: