you're reading...
persone, violenza

Quando si è forti solo con i deboli

Questa è la faccia di un poco di buono. Si chiama Antonio, vive a Lecco. Non che abbia commesso qualche reato particolarmente grave. Ma ha compiuto qualcosa di veramente spregevole, come avrete letto sui giornali. Ha parcheggiato la sua Jaguar, povero cocco, in un posto riservato ai disabili e già di per se questo fatto è grave perchè sintomo di arroganza e maleducazione. Ma non è niente. Quando sono arrivati i vigili urbani, chiamati dal disabile, si è notevolmente infastidito nel dover spostare il macchinone, come se le regole (e il rispetto) non esistessero. Non solo. Quando i vigili sono andati via, come un teppistello qualunque lui che riveste pure un ruolo pubblico, ha tagliato le gomme dell’auto del disabile: un gesto ignobile contro una persona più debole. Pare che poi abbia chiamato un gommista per rimediare, ma il fatto resta e non cancella la vergogna. Quando gli hanno chiesto di dimettersi dalla carica si è pure infuriato. Non credo che rischi niente sul piano penale, ma sicuramente meriterebbe quattro sganassoni da chi può darglieli. Così capirebbe cosa significa  trovarsi di fronte uno più forte, senza handicap fisici (e la sfortuna d’incrociare un imbecille). 

About pinoscaccia

già redattore capo Rai inviato speciale Tg1

Discussion

24 thoughts on “Quando si è forti solo con i deboli

  1. Tu dici che non credi rischi niente sul piano penale. Io tipi come questo li metterei in galera, almeno per una settimana. Gli sequestrerei pure la macchina e lo impegnerei in lavori socialmente utili per un anno, magari a guidare il furgone che trasporta i disabili.

    Mi viene in mente la scritta che ho notato quand’ero in vacanza in Croazia: “Ti sei preso il mio posto. Vuoi prenderti anche la mia disabilità?” o qualcosa del genere. Non credo sia un deterrente nel Paese di furbetti (che si credono tali) in cui viviamo, ma forse fa riflettere almeno un po’.

    Posted by marisamoles | 3 October 2012, 20:38
  2. Sto brutto stronzo. Così avrà fatto carriera politica e così continua nella vita: arroganza e prepotenza. ” Qualità” essenziali per destreggiarsi nel contesto politico ed urbano. Comunque di cognome fa Piazza, Antonio Piazza presidente dell’Aler ( Azienda lombarda per l’edilizia residenziale)

    Posted by irisilvi | 3 October 2012, 21:06
  3. Sono d’accordo. Io ai bellimbusti che si comportano così striscerei tutta la fiancata. Mi difendo come posso. E’ giustizia, non vendetta.

    Posted by vincenza63 | 3 October 2012, 21:17
  4. Che bella gente che circola sul suolo italiano e riveste cariche pubbliche!
    Comunque è un reato penale, anche se non lo farà finire in galera: danneggiamento del patrimonio privato con l’ aggravante della finalità della ritorsione.
    Praticamente una carognata.

    Posted by Walter | 3 October 2012, 22:03
  5. Per me non si commenta neanche…davvero.

    Posted by sissi | 3 October 2012, 22:45
  6. Lei non sa chi sono io… L’arroganza della nullità.

    Posted by pipistro | 3 October 2012, 23:07
  7. L’ho visto ieri sera al telegiornale, vorrei essere io quella che lo riempie di sganassoni… e non solo, quello che mi ha DAVVERO mandata in bestia sono stati i vari: ma cosa vuole che sia e le risatine, che persona spregevole.

    Posted by accantoalcamino | 4 October 2012, 04:16
  8. Quando parli male di un politico ti dicono di non fare di tutta l’erba un fascio. Ma mi pare gli episodi di prepotenza e corruttela siano ormai un fatto quotidiano che investe tutti i livelli di questa classe politici. Questo signore dovrebbe essere condannato ad una ventina di week_end di lavori socialmente utili. Magari negli ospizi o negli ospedali. Vergognoso è dir poco.

    Posted by barbaincampagna | 4 October 2012, 08:04
  9. Di gomme ne aveva bucate due, così per il disabile non c’era proprio verso di riprendere l’auto. Adesso fa il piagnisteo.

    Posted by pinoscaccia | 4 October 2012, 11:16
  10. Ad essere cattivi ci sarebbe da augurargli di essere inabile per un giorno, e vedere un imbecille bucargli le ruote sarebbe davvero il massimo.

    Posted by barbara brunati | 4 October 2012, 14:11
  11. Ma che schifo di Paese stiamo divenendo, caro Pino! Ma una qualche lezione seria a questi prepotenti non sarebbe ora di darla ? Ma seria veramente!

    Posted by Lucio Gialloreti | 4 October 2012, 17:41
  12. pino, hai scritto con parole diverse le stesse cose che io ho scritto ieri sera…io questo individuo purtroppo lo conosco molto bene, è sempre stato arrogante, strafottente e prepotente…. conosco tutta la sua escalation politica…. siamo stati colleghi in Provincia a Como, assunto con la legge Bassanini(ovvero quella che prevede che ogni assessore può portarsi dei collaboratori nel suo staff che resteranno legati a tutto il mandato); ti aggiungo una news, non l’ha scampata perché l’ILVI ha la sede vicino all’ALER a Lecco e le telecamere della sorveglianza l’hanno ripreso… è per quello che non l’ha fatta franca; ha pure cercato di farsi togliere la multa dal vigile dicendo che aveva accompagnato un parente disabile all’ALER… a una persona del genere auguro solo una cosa: il disprezzo di tutti, in primis della moglie e della figlia…. che per lui, da buon siciliano, essendo “sangue e famiglia” sarebbe la cosa peggiore…
    stefy
    PS: pare che abbia pure scritto una lettera di scuse, offrendosi di fare volontariato coi disabili…

    Posted by stefania | 4 October 2012, 21:57
  13. io che ho un nipote disabile vorrei avere il privilegio di riempirlo di sganassoni

    Posted by lorena | 4 October 2012, 22:10
  14. vai tranquillo, si riciclerà da un’altra parte… l’ex assessore alla moda e al commercio del comune di como, tale paolo gatto di professione commercialista, è sotto processo perchè utilizzava i pass dei disabili per fare entrare in centro i suoi conoscenti… il processo è ancora in corso, pure lui è stato destituito dalla carica di assessore e cacciato dalla giunta..beh… ora è nel consiglio di amministrazione di una società partecipata che si chiama ASF e si occupa di trasporti… con un bell’assegno mensile che gli mette il culetto al caldino… piazza è un ex democristiano della prima ora, quando lavorava in Provincia era udc, passato poi in quota PDL ed è molto amico di assessori che in Regione pesano….

    Posted by stefania | 4 October 2012, 22:10
  15. Beh allora io, per una volta nella vita, fido nella mia debolezza di stomaco ;)))

    Posted by sissi | 4 October 2012, 23:40

Trackbacks/Pingbacks

  1. Pingback: Un uomo come tanti…un uomo da non sopportare! « piacentini&piasintei - 3 October 2012

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s

Anno 18

[dal 18 ottobre 2001]
Visite totali circa 7 milioni

Categories

Archives

L’ultimo libro

Hitler e Mussolini tra passioni e potere: i tranelli della storia rivisti da un reporter di guerra e da una professoressa di lettere.

Le verità e le bugie intorno ai due dittatori che hanno segnato le sorti del secolo breve. Da una parte il führer, con sangue ebraico e forse origini berbere. Dall’altra il campione della famiglia italiana, il duce, che si innamorò di Claretta Petacci, forse una probabile spia degli inglesi. Poi la fine, ancora avvolta da misteri. Hitler e Mussolini, uniti dall’odio, dall’illusione di una conquista universale, da una fine tragica e da due amori maledetti. Sicuramente feroci, ma con infinite debolezze, spietati, ma fragilissimi.

%d bloggers like this: