you're reading...
afghanistan

Gli scugnizzi di Kabul

Chi mi segue da tempo sa che a Kabul ho lasciato il cuore per quelli che noi reporter chiamiamo i “nostri figli adottivi”.  Sono quei ragazzini che incontriamo nei posti difficili e che ci portiamo dentro perchè sono la speranza di un mondo migliore. Ho più volte raccontato la storia di Jovid e anche quella di Shatia, i miei “figli” afghani, che vanno a unirsi alla mia grande “famiglia” di anime belle in luoghi di guerra e di dolore. L’Afghanistan purtroppo è ancora bagnato dal sangue, ma quando di mezzo ci sono loro, gli scugnizzi che sorridono nonostante la guerra, la ferita diventa profonda. Spesso si incontrano a ridosso della parte privilegiata dell’umanità, cercano fortuna offrendo le loro povere cose in quelli che normalmente sono definiti i “mercatini americani”. Ieri purtroppo è successo che uno di loro, un ragazzino, è saltato in aria su una bicicletta uccidendo altri ragazzini. Ma che mondo è mai questo se anche uno scugnizzo vuole la morte di altri scugnizzi? Fin dove è arrivato l’odio?

About pinoscaccia

già redattore capo Rai inviato speciale Tg1

Discussion

10 thoughts on “Gli scugnizzi di Kabul

  1. è così difficile fare un commento, uno qualsiasi
    troppo ovvio dire che è soltanto colpa nostra, degli adulti
    troppo scontato dire che la guerra non lascia feriti, nemmeno moralmente
    troppo triste guardare negli occhi questi bimbi ai quali abbiamo rubato pure l’innocenza….
    altri, non io, sapranno trovare parole adatte, giuste, comprensive, adeguate e magari pure un pò ridondanti
    alla fine saranno parole che scavano tra le macerie, tra i rifiuti che noi, tutti, abbiamo creato

    Posted by irisilvi | 9 September 2012, 16:55
  2. Ciao Gabbiano, che tristezza! Non ha limite la crudeltà di certi adulti, come si può condurre un fanciullo ad azioni così violente. Queste azioni entrano dentro e scavano solchi profondi ma solo a certe anime.
    :(

    Posted by ceglieterrestre | 9 September 2012, 17:00
  3. L’odio a quanto pare non ha limiti e si serve anche di uno scugnizzo per seminare morte… non so quanto questo ragazzino potesse essere veramente consapevole di quanto stava facendo, sicuramente lo erano coloro che lo hanno convinto…
    Non so che altro dire, sono rimasta allibita quando hanno dato la notizia..

    Posted by Patrizia M. | 9 September 2012, 21:44
  4. che dolore, che rabbia, che senso di impotenza

    Posted by vincenza63 | 9 September 2012, 22:26
  5. Sconvolgente è la consapevolezza del fatto che, in un altro posto diverso dal nostro, accadano fatti orribili e tragedie senza che neanche ce ne accorgiamo.
    Un grande numero di bambini è sempre più coinvolto nelle ostilità e utilizzato dagli eserciti e da gruppi armati.
    Mi è capitato di leggere articoli sui bambini in guerra (mai avuto il coraggio di finire la lettura), violentati, mutilati…ora, a quanto pare, anche kamikaze…il massimo.
    Sono stata fortunata a non aver mai incontrato il loro sguardo, perchè avrei continuato a vivere col cuore lacerato. La guerra lì continua e il fenomeno di questi piccoli kamikaze è in aumento, forse perchè è cambiata la natura della guerra stessa. Mi chiedo se lì conoscano la “coscienza umana” dato che i bambini continuano a sentirsi strappati dei loro diritti. Leggo le loro storie ora, senza più vigliaccheria e il cuore mi si stringe. Sono una persona, ma soprattutto sono mamma.

    Posted by Maria | 9 September 2012, 22:57
  6. non c’é nessun odio in quello “scugnizzo” che si é fatto saltare lui l’ha fatto per il bene dell’islam l’ha fatto sicuro di andare in paradiso dove lo attendono sette vergini. questo non é odio diventare un martire é considerato un onore da tutti i bambini afghani

    Posted by paolo dinucci | 10 September 2012, 15:17
  7. Infatti. E’ fuori di ogni coscienza umana.
    Queste sono manipolazioni di altra natura.

    (e basta, non posso riportare articoli e riflessioni lunghissime, specialmente perchè se parlo di origini spirituali e guerre occulte in cui forze nefaste fingono di combattersi…mentre ‘la posta in gioco in realtà è solo l’anima umana, l’Io umano e la sua capacità di creare un organismo sociale armonioso fondato sulla fraternità, l’amore…(parola tutt’al più “inflazionata”, superficializzata e falsificata come poche altre, a copertura di debolezze piccine) e la Libertà e creatività individuali’… poi passo per matta, o addirittura per “filosofa”).

    Posted by sissi | 11 September 2012, 00:26
  8. I bambini nascono buoni e certi adulti inculcano l’odio. Lo spirito fanciullo è puro. Un caro saluto a tutta la torre

    Posted by ceglieterrestre | 16 September 2012, 18:42

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s

Anno 18

[dal 18 ottobre 2001]
Visite totali circa 7 milioni

Categories

Archives

L’ultimo libro

Hitler e Mussolini tra passioni e potere: i tranelli della storia rivisti da un reporter di guerra e da una professoressa di lettere.

Le verità e le bugie intorno ai due dittatori che hanno segnato le sorti del secolo breve. Da una parte il führer, con sangue ebraico e forse origini berbere. Dall’altra il campione della famiglia italiana, il duce, che si innamorò di Claretta Petacci, forse una probabile spia degli inglesi. Poi la fine, ancora avvolta da misteri. Hitler e Mussolini, uniti dall’odio, dall’illusione di una conquista universale, da una fine tragica e da due amori maledetti. Sicuramente feroci, ma con infinite debolezze, spietati, ma fragilissimi.

%d bloggers like this: