you're reading...
persone

Il sorriso triste di lady Diana

Questa foto l’ho scattata a Buenos Aires nel novembre del 1995, due anni prima che Lady Diana morisse (31 agosto 1997: esattamente quindici anni fa). Non è stato difficile catturarle il sorriso perchè lei sorrideva sempre. L’ho seguita per una settimana nella sua trasferta argentina che in qualche maniera rompeva quegli strani meccanismi reali perchè la principessa del Galles stava lì come ambasciatrice dopo gli anni duri delle Faulkland, forse l’ultimo tentativo di farsi accettare a Palazzo. Diana visitò ospedali e case di cura, partecipò solo a una cena di gala perchè i fondi erano destinati alla beneficienza. Non parlò mai di politica, neppure con il presidente Menem. Una donna che rompeva gli schemi: per questo è stata tanto odiata dai manichini così come tanto amata dalla gente. Una grande donna, che ha lasciato comunque il segno. E un pò di misteri.

Un’altra donna coraggiosa e sfortunata, Anna Politkovskaja, oggi avrebbe compiuto 54 anni. E’ stata uccisa il 7 ottobre 2006 a Mosca.

“Non sono un magistrato inquirente, sono solo una persona, sono una giornalista, che vuole descrivere quello che succede a chi non può vederlo.”

About pinoscaccia

già redattore capo Rai inviato speciale Tg1

Discussion

5 thoughts on “Il sorriso triste di lady Diana

  1. OT
    Gli occhi ancora stropicciati di sonno, ma le antennine già captano le onde magnetiche del sarcasmo – siamo o no ‘un po’ robotizzati?
    Tutte belle le risposte ma l’ironia è sempre la mia preferita:

    «E adesso i finti moralisti cattolici, politici e non, cosa diranno, che il cardinal Martini si è suicidato?»

    …vorrei una risposta…”se i cattolici imparassero a pensare”.

    http://www.corriere.it/cronache/12_settembre_01/calabro-fine-vita_30af0eba-f3f3-11e1-8223-8f87a48260f4.shtml

    Naturalmente tutti i miei omaggi e il massimo rispetto vanno per un grande Uomo veramente di spirito..come il Cardinal Martini.

    Posted by sissi | 1 September 2012, 07:50
  2. Lady D. non riesco a valutarla perchè non riesco a fare valutazioni su chi non conosco è inutile: ma che ne so che provava dentro, che pensava, cosa avrebbe voluto, come stava??
    Io, immedesimandomi in lei…ma col mio metro, col mio modo di essere dunque, posso solo immaginare tutta la tristezza di un ruolo di facciata dall’etichetta severa e insopportabile. Troppo si è comportata bene…io al suo posto sarei stata identica a Stephanie di Monaco :)))
    (quello sì, un bel Principato da favola…)

    E su Anna Politkovskaja la penso un po’ come per Aung San Suu Kyi: per me sono anime particolari, molto evolute…che scendono sulla Terra unicamente per pensare agli esseri umani. Chissà quante vite hanno già avuto alle spalle..e ora sono ‘oltre’, scendono come angeli, col sacrificio personale…per il bene dell’umanità.

    Posted by sissi | 1 September 2012, 08:02
  3. AVAAZ.org Pakistan – Petizione “24 ore per salvare mia figlia”

    Leggi e Firma: http://bit.ly/Ui58fd

    Posted by GiorgiusGam | 1 September 2012, 09:19

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s

Anno 18

[dal 18 ottobre 2001]
Visite totali circa 7 milioni

Categories

Archives

L’ultimo libro

Hitler e Mussolini tra passioni e potere: i tranelli della storia rivisti da un reporter di guerra e da una professoressa di lettere.

Le verità e le bugie intorno ai due dittatori che hanno segnato le sorti del secolo breve. Da una parte il führer, con sangue ebraico e forse origini berbere. Dall’altra il campione della famiglia italiana, il duce, che si innamorò di Claretta Petacci, forse una probabile spia degli inglesi. Poi la fine, ancora avvolta da misteri. Hitler e Mussolini, uniti dall’odio, dall’illusione di una conquista universale, da una fine tragica e da due amori maledetti. Sicuramente feroci, ma con infinite debolezze, spietati, ma fragilissimi.

%d bloggers like this: