you're reading...
politica

L’insostenibile pesantezza degli insulti

Una volta si chiamavano “risse da bar” perchè solo in un bar, magari leggermente alterati dall’alcol, ci si scannava a parole. Un gruppo contro l’altro come guelfi e ghibellini. Poteva essere una discussione sullo sport, sulle donne, sul lavoro o sulla politica: si cominciava piano ma ben presto si finiva con gli insulti di tutti i tipi. Lo scannatoio da qualche anno si è trasferito a Montecitorio e dintorni. Adesso la rissa è in piazza. Che è principalmente la piazza del web dove un pò tutti ormai ci siamo. Non si dice più “non sono d’accordo”, ma “sei uno stronzo”. Non si fanno più progetti ma si lanciano vaffa. Ha cominciato quel becero di Bossi, ma la pratica è stata esaltata dal fantasmagorico Grillo. Invece di isolarli che si fa? Si risponde alla stessa maniera così che lo scontro verbale con Bersani ha raggiunto ormai livelli da curva degli ultras. E’ sempre più complicato moderare dibattiti televisivi, blog e forum. I faziosi ci sono sempre stati, i provocatori anche, ma ultimamente abbiamo raggiunto livelli indecenti per una convivenza civile. Il dramma tuttavia non è solo estetico. E’ la prova che non si sa più parlare. Le parolacce sono scambiate per democrazia. E invece nascondono molto tristemente il nulla politico.

About pinoscaccia

già redattore capo Rai inviato speciale Tg1

Discussion

18 thoughts on “L’insostenibile pesantezza degli insulti

  1. Questo è solo un assaggio di ciò che ci promette l’autunno, quando in piena campagna elettorale sarà opportuno andare al cinema, assaporare le serate con amici, accarezzare il proprio gatto ascoltando musica piuttosto che accendere la tv.Resta sempre l’incognita internet, non è che qui dentro non passi tutto ciò che accade nella vita reale.Ci si benderà un occhio e si leggeranno solo notizie di gossip. Non mancano mai.

    Posted by irisilvi | 27 August 2012, 13:09
  2. Tutti dunque affetti da Grillomania? O esaltazione mentale alla Bossimania? Già, risse che ricordano i bar di una volta, ma soprattutto ricche di ignorante comicità teatrale.La cosa che ci sconvolge di più è il fatto che proprio loro ci rappresentano.

    Posted by Maria | 27 August 2012, 14:15
  3. …appunto Pino, un tempo si chiamava “villaggio globale” oggi lo chiamerei come dici tu: BAR GLOBALE con ghiacciolo annesso.

    Posted by marcelloululilupoulula | 27 August 2012, 14:51
  4. Non discuto sul degrado conclamato, ma…penso anche che quando si esagera con l’ipocrisia questo a volte è il risultato: l’esasperazione.

    Naturalmente di fronte al populismo perfino l’ipocrisia rischia di divenire una forma “educata”.. Siamo indubbiamente un paese di coatti. (da quel dì).
    Ma a proposito di teatralità, un sassolino devo proprio togliermelo dalla scarpetta di cristallo: ricordate un’altrettanta ‘comicità’, quella di alcuni con le loro grosse e grasse risate dinanzi a contenuti che avevano la grande presunzione di voler essere un po’ meno limitati di un “vaffa”?
    Da tempo spariti gli intellettuali (o i filosofi) nel baraccone d’avanspettacolo, “la sola parola nell’Italia contemporanea è ormai un insulto”.
    …l’avevo già pubblicato questo, credo, in precedenza; adesso lo riporto sottolineato, scandito, con le parole che dovrebbero arrivare anche fino all’ultima fila di una tristA platea.

    …dunque la sola parola (“intellettuali”) è ormai un insulto.
    Comprensibile, a volte, visti i professionisti del ramo. Ma non si tratta di una professione. Intellettuale è chi non finge, non è ipocrita, non vuol venderti nulla. Pone dubbi e avanza idee nel proprio nome e non per coprire interessi particolari. Può essere un artigiano o un filosofo, non importa.
    (…) tipico dei deboli è il fanatismo…
    (…) l’odio populista per gli intellettuali.

    Da Curzio Maltese (dopo l’esplosione della “Bolla”).

    Posted by sissi | 27 August 2012, 14:55
  5. Ed è ,ahinoi, la dimostrazione lampante della inconsistenza ed incapacità politiche!

    Posted by Lucio Gialloreti | 27 August 2012, 18:00
  6. Reblogged this on misentopop.

    Posted by GP | 27 August 2012, 19:22
  7. è anche la dimostrazione di cui siamo (sono?) sempre meno capaci di spiegarsi con le parole della nostra bellissima lingua.

    Posted by alice | 28 August 2012, 04:30
  8. E’ veramente una tendenza deprecabile. L’iniziatore in politica è stato Bossi, ma in TV Sgarbi. Un tempo le sue sfuriate facevano scandalo, adesso invece lo “sgarbismo” è diventato una tendenza. Ieri ad esempio a “Bersaglio mobile” Ferrara irritato dalle parole di Travaglio si è alterato usando volgarità. E Ferrara non è uno stupido, non dovrebbe aver bisogno di certo linguaggio.

    Posted by alessandro | 28 August 2012, 15:14
  9. L’ho visto ieri sera quello spettacolo ignobile. Nonostante tutti i miei più sani propositi, mi sono vista Bersaglio mobile ed è stato veramente sgradevole. Ancor più in quanto Mentana si faceva riprendere e rimbeccare nel suo ruolo, senza peraltro proferire parola, schiacciato dalla prepotenza di due marpioni come Travaglio e Ferrara. Una televisione da dimenticare, un parlarsi addosso senza costrutto, ognuno a pavoneggiarsi , non dentro i propri ideali, ma nel proprio ego smisurato.

    Posted by irisilvi | 28 August 2012, 19:37
  10. Lo stavo seguendo ma completamente inconsapevole di tanto clamore: di una noia mortale. Mortale.
    (con rispetto a Mentana, uomo e giornalista che stimo).
    Ho appena sentito il famigerato video, con Ferrara che si è rotto i coglioni: ecco, l’unica cosa su cui posso concordare ;)))

    Non entro nella polemica di questioni che non conosco ma, mentre essere arcistufa delle solite chiacchiere, di argomenti grigi e ministeriali, di poteri collusi o non collusi, della solita paccottiglia e pensieri banali di fronte ai quali – sempre parafrasando Maltese – invece di rispondergli “grazie avanti il prossimo” se ne discute per due-tre ore…(se bastano), mentre questa è una questione del tutto mia, personale, non poterne più delle faziosità di chi immancabilmente rosica dinanzi all’esposizione oggettiva dei fatti, dovrebbe invece essere cosa di tutti.
    Travaglio non fa politica, non difende interessi, non si schiera, è un uomo che si riferisce soltanto e unicamente ai fatti: per questo suscita tanta indignazione.

    Ma su questa sottolineatura da parte di Travaglio stesso, mi sono fermata a rischio sonno profondissimo e pesante, e sintonizzata su Rai 5, viaggio nella musica americana anni ’70: altri pensieri mi hanno conquistata…sicuramente più originali e colorati, in una parola: più umani ;))

    Posted by sissi | 28 August 2012, 21:54
  11. Diciamo che ormai sono più politici che giornalisti, nel senso che fanno politica

    Posted by pinoscaccia | 29 August 2012, 13:50
  12. Ah beh, se la politica di oggi è questa del link qui sotto, tentano di adeguarsi…

    http://tv.liberoquotidiano.it/video/107719/Barbareschi_spacca_il_naso_alla_Iena.html

    Posted by Walter | 29 August 2012, 13:54
  13. La sera guardo la luna e gioco con i gatti ;)

    Posted by ceglieterrestre | 30 August 2012, 17:33

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s

Anno 18

[dal 18 ottobre 2001]
Visite totali circa 7 milioni

Categories

Archives

L’ultimo libro

Hitler e Mussolini tra passioni e potere: i tranelli della storia rivisti da un reporter di guerra e da una professoressa di lettere.

Le verità e le bugie intorno ai due dittatori che hanno segnato le sorti del secolo breve. Da una parte il führer, con sangue ebraico e forse origini berbere. Dall’altra il campione della famiglia italiana, il duce, che si innamorò di Claretta Petacci, forse una probabile spia degli inglesi. Poi la fine, ancora avvolta da misteri. Hitler e Mussolini, uniti dall’odio, dall’illusione di una conquista universale, da una fine tragica e da due amori maledetti. Sicuramente feroci, ma con infinite debolezze, spietati, ma fragilissimi.

%d bloggers like this: