you're reading...
mafia

Borsellino, vent’anni senza verità

La strage di via D’Amelio, vent’anni fa. Domattina ho il privilegio di stare a Unomattina (ore 7,10) per parlare del sacrificio di Paolo Borsellino. Mi trovavo a Orgosolo con i carabinieri quando è successo, ma la sera stessa già stavo a Palermo. Ricordo ancora immagini di guerra, le auto scaraventate lontano, il selciato divelto, i corpi sugli alberi. Sembrava finita, sicuramente la verità è ancora molto lontana come si è sfogato a Cassino il fratello, Salvatore. Ma bisogna continuare a cercarla.

About pinoscaccia

già redattore capo Rai inviato speciale Tg1

Discussion

19 thoughts on “Borsellino, vent’anni senza verità

  1. come si fa a trovare la verità in questo caos? politica e mafia sono connesse e quindi….

    Posted by Ninni | 18 July 2012, 23:15
  2. La verità dopo vent’anni….. Molto difficile ma…chissà, a volte le sorprese esistono, dunque nn disperiamoci.

    Posted by Maria | 18 July 2012, 23:32
  3. ma che sia davvero la verità!

    Posted by aurelianoflavio2 | 18 July 2012, 23:54
  4. La butto giù così: la verità di questo periodo storico la conoscono tutti. Mandanti, movente ed esecutori. Quel che non si conoscono, sono i dettagli e il nome del vertice da ratificare. Il punto che chiude i lati della piramide oscura. E non è poco. Alcuni lo sanno, ma non possono e non vogliono dirlo.

    Posted by Walter | 19 July 2012, 00:06
  5. be ogni anno si celebrano anniversari un giorno per la strage di bologna un’altro per l’omicidio di falcone di borsellino ecc. ma se ci fosse veramente la volontà di arrivare alla verità da tempo sarebbe stata scoperta. nessuno ha interesse di arrivare ad un terremoto istituzionale per questo si celebrano gli anniversari e poi si lascia tutto di nuovo nell’oblio per l’anno successivo intanto i morti e i vivi aspettano una giustizia che non verrà mai (almeno in questo mondo) . daltronde come si può pretendere che i rappresentanti delle istituzioni promuovano azioni coercitive contro se stessi ?

    Posted by paolo dinucci | 19 July 2012, 01:16
  6. Buon giorno a Pino e a tutti L’INTERVISTA 1 Procura di Palermo, Messineo: “C’è stato dissenso, ma nessuna spaccatura”. E sulla trattativa Stato-mafia…
    Venerdì, 29 giugno 2012 – 16:38:00 di Lorenzo Lamperti
    FONTE : http://affaritaliani.libero.it/cronache/intervista-a-francesco-messineo290612.html
    L’INTERVISTA 2 Salvatore Borsellino ad Affari: “Mancino ha avuto un ruolo. Ayala deve chiarire alcune cose. E Napolitano…”
    Venerdì, 22 giugno 2012 – 15:27:00 di Lorenzo Lamperti
    FONTE http://affaritaliani.libero.it/cronache/intervista-a-salvatore-borsellino220612.html
    L’INTERVISTA 3 Parla l’ex direttore del Dap: “Lo Stato ha ceduto alla mafia” Giovedì, 12 luglio 2012 – 12:27:00 di Lorenzo Lamperti http://affaritaliani.libero.it/cronache/stato-mafia-parla-nicol-amato120712.html

    Posted by Rosaria | 19 July 2012, 08:44
  7. Stamani, a radio Capital, Enrico Deaglio diceva chiaramente che la causa del massacro di Paolo Borsellino e la sua scorta possa essere stata la sua assoluta contrarietà alla trattativa. Deaglio parlava di accordi tra i carabinieri e cosa nostra per la sua uccisione. Tutto era nato dopo la strage di Capaci. Lo stato , attraverso i servizi segreti, voleva accettare il famoso papello ordinato da Totò Riina.
    Borsellino era stato avvisato della quantità di tritolo arrivata a Palermo, sapeva che era per lui ed infatti lo disse ai carabinieri che lo avvisarono. Si dice pure che la mattina della strage di via D’Amelio nella zona si aggirasse questa figura, dei servizi, la stessa che sembra avesse aiutato a riempire l’auto di tritolo per il giudice Borsellino. Pronto a prelevare l’agenda rossa?
    Giovanni Bianconi, sul Corriere, dice che il delitto Borsellino inquina la nostra storia. Lascio a queste parole il giudizio morale sulla morte di servitori dello stato traditi dallo stesso.

    Posted by irisilvi | 19 July 2012, 10:13
  8. Se le idee davvero continuano a camminare, arriverà il giorno in cui si scoprirà chi ha voluto la morte di due Giudici integerrimi (e per questo ostacoli) che hanno servito lo Stato fino all’ultimo. per Stato intendo l’insieme dei cittadini onesti, non chi lo governava allora o chi lo governa ora (alla fine,son sempre gli stessi).

    Posted by Barbara Brunati | 19 July 2012, 12:04
  9. …uno STATO che NASCONDE la verità a mio parere diventa CONNIVENTE e quindi automaticamente diventa UNO STATO MAFIOSO a tutti gli effetti, senza se e senza ma….

    Posted by marcelloululilupoulula | 19 July 2012, 14:02
  10. Posted by pinoscaccia | 19 July 2012, 20:27
    • Ti ho seguito Pino.

      Posted by irisilvi | 19 July 2012, 20:35
      • a quell’ora…eroica

        Posted by pinoscaccia | 19 July 2012, 20:37
        • Vuoi la vera verità? Mi sono svegliata prima delle sette caspiterina…. mica con la sveglia eh, e dato che c’ero…

          Posted by irisilvi | 19 July 2012, 20:50
          • spero di non averti fatto riaddormentare…

            Posted by pinoscaccia | 19 July 2012, 20:56
          • Eh no Pino anzi! Ti ho ascoltato attentamente e, come mi capita spesso, sono andata con la memoria in quei momenti: che pensavo? Cosa facevo? Ad esempio ho pensato che nulla mi ricordavo della protesta avvenuta fuori, di Scalfaro protetto dagli insulti, le urla, gli spintoni… Ricordo labile o informazione parziale?

            Posted by irisilvi | 19 July 2012, 21:08
          • Mi dispiace per la tua memoria, ma (come ho ricordato stamattina e come si è visto dalle immagini d’epoca) gli schiaffi a Parisi, le spinte a Scalfaro… l’ho raccontato tutto in diretta su Raiuno, durante i funerali. L’informazione è stata data, poi come spesso succede nessuno l’ha cavalcata…

            Posted by pinoscaccia | 19 July 2012, 21:12
  11. Si si ti ho ascoltato! Infatti non parlavo del tg1 ( chissà se l’avrò seguito allora) ma dell’informazione in generale, pure i quotidiani.. Ma preferisco pensare che sono passati vent’anni e che la mia memoria e’ labile..

    Posted by irisilvi | 19 July 2012, 21:20
  12. Quello che piu’ mi fa incazzare e’ che questi uomini credevano nello “stato”, e lo hanno servito con serieta’ e coraggio fino all’ultimo secondo di vita convinti che fosse dalla loro parte. Sono stati invece abbandonati ed anzi qualcuno ha remato loro contro. Bastardi!

    Posted by marcelloululilupoulula | 19 July 2012, 21:56
  13. Premetto che non ho seguito la trasmissione di stamattina, e me ne dispiace.

    Perché eliminare fisicamente dei Magistrati, quando era più facile, (ovviamente per quelli a cui davano fastidio) spostarli in sedi di Magistratura, dove non potevano nuocere agli interessi della Mafia e degli apparati dello Stato (eventualmente) collusi?

    Posted by Walter | 19 July 2012, 22:42

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s

Anno 18

[dal 18 ottobre 2001]
Visite totali circa 7 milioni

Categories

Archives

L’ultimo libro

Hitler e Mussolini tra passioni e potere: i tranelli della storia rivisti da un reporter di guerra e da una professoressa di lettere.

Le verità e le bugie intorno ai due dittatori che hanno segnato le sorti del secolo breve. Da una parte il führer, con sangue ebraico e forse origini berbere. Dall’altra il campione della famiglia italiana, il duce, che si innamorò di Claretta Petacci, forse una probabile spia degli inglesi. Poi la fine, ancora avvolta da misteri. Hitler e Mussolini, uniti dall’odio, dall’illusione di una conquista universale, da una fine tragica e da due amori maledetti. Sicuramente feroci, ma con infinite debolezze, spietati, ma fragilissimi.

%d bloggers like this: