you're reading...
giustizia

I pirati della strada

Ha fatto scalpore (internazionale) l’arresto di Kerry Kennedy. Non solo per il nome che porta (è la figlia di Bob) ma anche per i legami politici e la sua intensa attività solidale. La polizia di New York l’ha vista urtare un trattore (!) e quando si è fermata con l’auto sul ciglio della strada l’ha ammanettata. Accusandola di guidare sotto l’effetto di droghe. Pare che sia falso: la signora ha avuto soltanto un calo di pressione. Cambiamo scena. Italia, provincia di Vicenza: un camionista travolge e uccide una ragazza di ventitrè anni e scappa. Rintracciato, è andato davanti al gip che gli ha concesso gli arresti domiciliari, neppure mezz’ora in galera, ma tranquillo nella sua casa siciliana. Due storie diverse? Forse. 

La battaglia per l’introduzione del reato di omicidio stradale

About pinoscaccia

già redattore capo Rai inviato speciale Tg1

Discussion

17 thoughts on “I pirati della strada

  1. che ne pensi pino de http://www.litaliavera.it/. solo altre belle parole?

    Posted by pina | 15 July 2012, 15:01
  2. magariiiiiiiii allora pubblichiamolo ;)

    Posted by pina | 15 July 2012, 15:08
  3. Non era in provincia di Vicenza ma sulla statale per Vicenza. Mestrino si chiama il paese a pochissimi km da Padova. Un paese sulla provinciale, lo stesso paese di quel ragazzo ucciso da un suo coetaneo,un pò di mesi fa, sotto l’effetto di droghe e alcol. La madre non ce la fece a superare il dolore.
    Il marito di Elena, una mia collaboratrice,che è della stradale ha raccontato che avrebbe potuto fermarsi l’autista del camion. Gli era passato sopra con la ruota sulla gamba, magari gliela avrebbe maciullata ma non uccisa…. e poi tutti si sbracciavano e urlavano, impossibile non avesse visto che aveva investito quella povera ragazza.Così ha continuato la sua corsa e gli è passato sopra con tre ruote.
    Mestrino credo sia uno dei paesi della zona con il più alto numero di morti investiti.

    Posted by irisilvi | 15 July 2012, 15:17
  4. Si doppiamente. Una signora in auto dietro al camion l’ha seguito, ha preso il numero di targa , dove fosse andato e ha chiamato la polizia.Questa usanza di seguire gente che combina disastri o delinquenti sta sempre più prendendo piede dalle mie parti. Un pò pericolosa ma efficace.

    Posted by irisilvi | 15 July 2012, 15:24
  5. La macchina è un’arma e chi la conduce senza responsabilità è un assassino.

    Posted by ceglieterrestre | 15 July 2012, 15:31
  6. Omicidio stradale? Sì.

    Posted by vincenza63 | 15 July 2012, 16:06
  7. Ma in attesa che i nostri superpagati e superbeneficiati parlamentari si decidano a inserire nel codice penale il reato di omicidio stradale , nessun Giudice di buona volontà , valutati i presupposti di fatto e la consapevolezza dell’autore dell’omicidio, oltre all’omissione di soccorso, se la sente di imputare l’omicidio volontario tout court?

    Posted by Lucio Gialloreti | 15 July 2012, 19:37
    • Ma il problema è proprio questo. Nessun giudice se la sente… Appunto ci vuole una legge, un nuovo reato.

      Posted by pinoscaccia | 15 July 2012, 19:42
      • Certo ,ovviamente una legge che preveda specifico reato , sarebbe l’ottimale. Ma con i presupposti del dolo (consapevolezza e comportamento tale e prevedibile di arrecare incidenti) e un pò di coraggio l’omicidio volontario si potrebbe sostenere nei casi più eclatanti , come se ne verificano e troppi ormai!

        Posted by Lucio Gialloreti | 16 July 2012, 19:53
  8. fa impressione il fatto che questa nota tu l’abbia archiviata nel file “giustizia”…..

    Posted by Ninni | 15 July 2012, 22:23
  9. Daccordo con Pino al 100%. La discrezionalità del giudice va abolita e si può fare solo introducendo l’omicidio stradale. Chi non si ferma è automaticamente colpevole e prende un minimo di 8 anni. Scommettiamo che gli stronzi incivili che non si fermano diminuiscono?
    Italia Vera al momento è composta di persone ancora pulite e con idee chiare, che io trovo sostanzialmente condivisibili. Chi ritiene belle le parole che ha letto gli dia una mano concreta ad aggregare persone per metterle in pratica. In pochi non è facile ma con più seguito diventa possibile incidere sulla società e sul parlamento. Credo che persino Gandhi e Mandela abbiano cominciato con pochi amici che gli hanno dato credito. E qualcosa hanno cambiato

    Posted by Pier Andrea Morolli | 16 July 2012, 01:57
  10. …la “giustizia” si fonda sulle leggi…e molte delle nostre leggi fanno acqua da per tutto… in più spesso la “discrezionalità” fa il resto….uno schifo!

    Posted by marcelloululilupoulula | 16 July 2012, 11:20
  11. E’ morta per arresto cardiaco Nicole Landry, la 24enne di Aosta travolta da un’auto pirata sul Viale delle Cascine, a Pisa. La giovane in vacanza in città con alcuni familiari è stata investita, mentre attraversava la strada sulle strisce pedonali insieme allo zio, che è tuttora ricoverato in gravi condizioni nel reparto di rianimazione dell’ospedale pisano. La ragazza aveva subito ferite gravissime nell’impatto con un’Alfa 156 scura che è poi fuggita. Nicole Landry era stata sottoposta a due interventi chirurgici nel tentativo di salvarle la vita, ma le lesioni riportate le sono state fatali.

    Posted by pinoscaccia | 2 August 2012, 18:45

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s

Anno 18

[dal 18 ottobre 2001]
Visite totali circa 7 milioni

Categories

Archives

L’ultimo libro

Hitler e Mussolini tra passioni e potere: i tranelli della storia rivisti da un reporter di guerra e da una professoressa di lettere.

Le verità e le bugie intorno ai due dittatori che hanno segnato le sorti del secolo breve. Da una parte il führer, con sangue ebraico e forse origini berbere. Dall’altra il campione della famiglia italiana, il duce, che si innamorò di Claretta Petacci, forse una probabile spia degli inglesi. Poi la fine, ancora avvolta da misteri. Hitler e Mussolini, uniti dall’odio, dall’illusione di una conquista universale, da una fine tragica e da due amori maledetti. Sicuramente feroci, ma con infinite debolezze, spietati, ma fragilissimi.

%d bloggers like this: