you're reading...
acid camera

Rai, l’illusione infinita

Punto primo: se i partiti si scannano per promuovere i consiglieri Rai come si fa a dire che la politica non c’entra più con la Rai? Punto secondo: se dev’essere il consiglio d’amministrazione (ancora non eletto) a nominare il direttore generale come si fa a dire che Gubitosi sta già lavorando alacremente in sintonia con la presidente Tarantola? Saltate tutte le regole, vuol dire semplicemente che i nuovi consiglieri, nominati dalla commissione di vigilanza, sanno già chi votare dietro indicazioni del premier. E questa sarebbe la nuova Rai libera e indipendente? Basterebbe citare, fra i nuovi consiglieri in pectore, il nome di Luisa Todini, frutto di un rinnovato accordo Pdl-Lega e amica di persone che contano. Ha ammesso onestamente: “Sono incompetente. Ma ho letto molto e girato il mondo”. A chi lo dici, ragazza mia. 

[Poi mi hanno spiegato: è un commissariamento mascherato]

About pinoscaccia

già redattore capo Rai inviato speciale Tg1

Discussion

32 thoughts on “Rai, l’illusione infinita

  1. Caro Pino, due punti due contraddizioni ad evidenziare come la RAI sia tutt’altro che libera. Ma le scelte di un Governo tecnico non dovrebbero essere solo tecniche? Ahimè che ingenuo !

    Posted by Lucio Gialloreti | 4 July 2012, 18:16
  2. Non sarà mai completamente libera in questa maniera, ogni volta c’è sempre tutto predisposto e già programmato. Alla faccia del Governo tecnico che doveva essere totalmente fuori della politica.. e se ne era dentro allora?? Mah…

    Posted by Patrizia M. | 4 July 2012, 18:52
  3. Lo dico quasi sottovoce e ancora da suddito (che altro non siamo), perché le urla con questi saranno definitive: che si vergognino.

    Posted by pipistro | 4 July 2012, 19:20
  4. Rai: scontro tra Fini e Schifani. Il presidente del Senato sostituisce Amato (che non se ne vuole andare) in commissione. Fini: perché ora? leggi Certo, la politica non c’entra più…

    Posted by pinoscaccia | 4 July 2012, 20:48
  5. Inconcepibile che gente che non ne capisce niente di televisione, di spettacolo, di cultura, prenda a gestirla con tanta sfacciata grossolana naturalezza.
    Chi tratta la cultura con una zappa meriterebbe di usarne una…

    Posted by sissi | 4 July 2012, 22:48
  6. La soluzione ? boicottaggio totale di RAI e MEDIASET. La televisione andrebbe lanciata giù dal balcone. . Le generazioni future metteranno definitivamente il sigillo a questa TV che produce solo disinformazione , manipolazione e spazzatura. I giovani si allontanano progressivamente sia dalla politica che dal loro megafono : la TV. Esistono perché noi li votiamo , esistono perché noi guardiamo le loro televisioni. Bisogna smettere :-)

    Posted by Mouse On Mars | 4 July 2012, 23:04
  7. Io non guardo nemmeno la/. Guardo solo lo sport. Ecco RAI Sport é l’unica cosa fatta veramente bene insieme a la buona RAI3. Il resto tutto da cestinare.

    Se parliamo di realtà – finzione non c’é niente di peggio che la televisone. Fa pure rima :-)
    Mi sbaglio o i “Reality Show” sono un prodotto puramente televisivo ?

    Posted by Mouse On Mars | 4 July 2012, 23:18
  8. A mio modo di vedere è l’esatto opposto. Ma so che su questo tema le nostre opinioni divergono :-)

    Posted by Mouse On Mars | 4 July 2012, 23:38
    • Assolutamente. Anche perchè, a differenza tua, ho avuto modo di verificare direttamente le fandonie del web. Poi, se come ho messo in un trafiletto, il controllo di internet passa nelle mani di Cina, Russia e arabi stiamo freschi.

      Posted by pinoscaccia | 4 July 2012, 23:41
  9. …Blackout elettrici estivi – Dalle 03:15 alle 04:00 un “palloso” blackout a macchia di leopardo in zona, Se c’è una cosa che non sopporto la notte sono le sirene degli allarmi dei negozi e delle banche; figuriamoci quando tutte contemporaneamente fanno il concertone live notturno…

    Posted by GiorgiusGam | 5 July 2012, 04:21
  10. “Rai, l’illusione infinita”
    A ciccio de sèllero!
    Gabbià bongiorno, ma solo drénto la “Rai, l’illusione infinità”? Me sa che indove ce sta da magnà gira gira la pulenta e sti potenti se la cantano e se la sonàno e ce ciancicàno come je pare.
    Puro Fra Mauro ciaveva messo co la capoccia sottosopra e me sa che se la sòrfa nun cambia nun annamo da nisuna parte.
    Co sta crisi noiantri c’arimanemo pe ‘n ber pò.
    Come cantava Arbertone ”Ve cianno mai mannato a quer paese, sapessi quanta gente che ce sta, er primo cittadino è amico mio diteje che ve ciò mannato io… “

    Posted by ceglieterrestre | 5 July 2012, 08:32
  11. Scusate, a parte la tv spazzatura sulla quale concordo con Francesco – e comunque “bisogna meritarsela”! la gestione rai da parte di chi non ne capisce niente – ma ne vogliamo parlare di Cinecittà che rischia di chiudere per diventare….un hotel?!?!?
    ohssignore ma con questi si cancellano anni di gloria, di CINEMA, di registi grandiosi, tutti tutti ma proprio tutti i SOGNI….!!!!!

    Giù le mani da Cinecittà!! palazzinari e immobiliaristi e cafonal andate altrove please…………………..

    Posted by sissi | 5 July 2012, 09:01
  12. Che VERGOGNA……VERGOGNATEVI!!!
    Questi si stanno spartendo tutto, fette di torta tra posti di potere e soldi, UN ARRAFFAMENTO GENERALE A DESTRA E A MANCA E INTANTO IL PAESE VA A PICCO!!!
    Guardate che ieri parlavo con un architetto docente universitario che ha detto che finirà a rivoluzione eh!!
    Poi una signora poverina che ha chiesto la rateizzazione dell’IMU, e ha detto: “io ho solo questa casetta e mi hanno massacrato così, ma IO NON HO LE BARCHE DI D’ALEMA, LE VILLE DI BERLUSCONI !!(si vede che per par-condicio li ha messi entrambi, PERCHè E’ COSI’).

    Ora Cinecittà che sfama milioni e milioni di famiglie…. altri mega affari per i soldacci loro di sti CAFONI ARRICCHITI mentre la gente è ridotta alla FAME!!!!!
    TAGLI DI 200.000 PERSONE AI MINISTERI, L’ECONOMIA ITALIANA E’ CASCATA, QUESTA E’ LA VERITA’. E LORO CON VILLE E YACHT,. come ce li avranno pure quelli delle Entrate….con vacanze a Cortina……

    VERGOGNA.

    Ne hanno di persone sulla coscienza……

    Posted by sissi | 5 July 2012, 09:37
  13. Ultim’ora. Eletti i consiglieri Rai.

    La commissione di Vigilanza ha eletto i sette membri del cda Rai. Si tratta di Antonio Pilati, Maria Luisa Todini, Guglielmo Rositani tutti con cinque voti, da parte di Pdl e Lega; Gherardo Colombo e Benedetta Tobagi con cinque voti, indicati dal Pd; Rodolfo De Laurentiis, con cinque voti, per il Terzo Polo. Ci sono stati quattro voti per Flavia Nardelli, non ha votato Beltrandi. Nei prossimi giorni la commissione dovrà votare con la maggioranza di due terzi il nuovo presidente della Rai, indicato dal governo nell’attuale vice direttore della Banca d’Italia Anna Maria Tarantola.

    Se non è spartizione questa…

    Posted by pinoscaccia | 5 July 2012, 10:05
  14. Hanno distrutto tutto praticamente.
    Distrutto tutto.
    Hanno tagliato statali, parastatali, sanità, università, scuole, militari, cultura. Hanno ucciso un Paese, una mazzata totale e definitiva su TUTTO.
    E loro che fanno? Si spartiscono i posti di potere.
    Il Paese va a picco… e loro continuano a gozzovigliare.

    Hanno ammazzato di tasse la povera gente, LEVANDOGLI PURE IL LAVORO, e non si sono tolti un centesimo dai loro stipendi dorati.
    Hanno avuto la faccia di parlare di “spettacolarizzazione dei suicidi”, mentre questo, lo dico agli ipocriti dell'”etica”, sapete come si chiama per l’esattezza?
    l’indegno spettacolo dei parassiti…. arricchiti sul sangue della povera gente e di tutti quegli imprenditori morti suicidi.

    Devo ‘necessariamente’ concludere col mio monologo preferito, scusate, lo sopporterete ancora una volta, di NASTASIJA FILIPPOVNA una grande Donna con la maiuscola:

    “Il tale è ancora un bambino, e già si mette a far l’usuraio!
    Via….. sei uno svergognato.
    Io sono una svergognata, ma tu sei peggio di me”.

    (da immaginarsi recitato….carico di disprezzo).

    Natascia aveva una morale che I MERCANTI fondati sull’ipocrisia e sul tornaconto non conoscono neppure minimamente.
    Gli altri comprano vendono barattano….sull’ipocrisia la prepotenza la menzogna, mentre l’autenticità di Natascia SI VEDE, con una DIGNITA’ CHE GLI ALTRI SE LA SOGNANO DA LONTANO.

    Posted by sissi | 5 July 2012, 10:17
  15. Ciao Sissi, allora nun è ‘na pàppola de Sor Braciòla che se stanno a venne Cinecittà, nun ce posso crede’. Mo questi se svenneno puro er Culisèo pe mettece drénto le giostre.
    :(

    Posted by ceglieterrestre | 5 July 2012, 10:35
  16. Ciao Ceglie, sì da quel dì che lo avevo sentito ma ora lo stanno facendo sul serio… Pure Verdone ultimamente lo hanno intervistato e ha detto che non si deve fare.
    ma renditi conto se proprio lì devono andare a costruire alberghi….ma come è possibile distruggere un Paese in questa maniera, levandogli tutto!
    …pure le parole…senza parole.

    Posted by sissi | 5 July 2012, 11:17
    • Beh , Sissi, rimangono solo le parolacce e di quelle più sconce e velenose!

      Posted by Lucio Gialloreti | 5 July 2012, 13:40
      • Sì Lucio, ma neanche ne vale la pena…dagli impiegatucci in su tutti quanti pensano solo al potere che hanno e a come esercitarlo, fine.
        Ormai chi è onesto è un perdente, non bisognerebbe dirlo ma è la realtà.
        Sono piccini… ma guarda e passa ;)))

        Posted by sissi | 5 July 2012, 20:09
        • Già , Sissi cara, forse meglio non sprecare e non scendere nel turpiloquio! L’onesto è un perdente e anche sfigato, purtroppo! Direi guarda , passa e…sputa!

          Posted by Lucio Gialloreti | 6 July 2012, 10:03
          • ;)))
            io no, chè non sta bene per una fanciulla…ma rompicoglioni sìììì! :))

            Fu un giorno fatale quello nel quale il pubblico scoprì che la penna è più potente del ciottolo, e può diventare più dannosa di una sassata…..

            (il mio preferito, caustico dandy ma amante dell’eleganza e della bellezza, Oscar degli oscar WILDE ;)))))

            Posted by sissi | 6 July 2012, 14:11
  17. stendo un velo pietoso su questa ennesima, triste, patetica buffonata che va avanti da decenni davanti agli occhi di tutti noi italiani, popolo di evasori e di gran paraculi….la lottizzazione ormai è nel DNA di ogni luogo strategico…non c’è proprio niente da fare..

    Posted by marcelloululilupoulula | 5 July 2012, 11:53
  18. QUASI OT:

    Lo «Zapping» su RAI radio 1 di Aldo Forbice rischia di sparire.
    La sua ultima campagna radio, «sforbiciamo i costi della politica», probabilmente ha infastidito qualcuno, ed è andata a battere dove il dente duole di più, se non altro perché ha raccolto ben 530mila adesioni, roba da legittimare un referendum popolare. Infatti, nonostante Forbice sia stato ricevuto anche dai presidenti di Senato e Camera (entusiasti), la politica si è trasversalmente indignata……hanno il coraggio di indignarsi LORO…ma mi facciano il piacere!!….comunque il direttore generale della Rai Lorenza Lei, si è fatta carico del problema (problema?)…mah!!!

    Posted by marcelloululilupoulula | 5 July 2012, 12:55
  19. Rai, secondo me deve andare tutta sul mercato, abolizione dell’odioso canone, così la pagnotta la deve sudare ogni giorno, secondo me sarebbe la via giusta..Non se ne può più di questi balletti attorno alla Rai che oramai è ostaggio della politica, non ditemi il contrario, allora? privatizzarla, come Canale 5

    Posted by Giovanni Farzati | 5 July 2012, 21:59
    • Sono d’accordo anche perchè sarebbe tolto l’iniquo tetto della pubblicità, a differenza di Mediaset per esempio che non ha limiti. E non avrebbe più alcun obbligo di “servizio pubblico”.

      Posted by pinoscaccia | 5 July 2012, 22:36

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s

Anno 18

[dal 18 ottobre 2001]
Visite totali circa 7 milioni

Categories

Archives

L’ultimo libro

Hitler e Mussolini tra passioni e potere: i tranelli della storia rivisti da un reporter di guerra e da una professoressa di lettere.

Le verità e le bugie intorno ai due dittatori che hanno segnato le sorti del secolo breve. Da una parte il führer, con sangue ebraico e forse origini berbere. Dall’altra il campione della famiglia italiana, il duce, che si innamorò di Claretta Petacci, forse una probabile spia degli inglesi. Poi la fine, ancora avvolta da misteri. Hitler e Mussolini, uniti dall’odio, dall’illusione di una conquista universale, da una fine tragica e da due amori maledetti. Sicuramente feroci, ma con infinite debolezze, spietati, ma fragilissimi.

%d bloggers like this: