you're reading...
terrorismo

Lui ha schiacciato il telecomando, ma è ancora oscuro il movente. Probabilmente non era solo o sta coprendo qualcuno

Manca il movente. E senza movente l’indagine non può dirsi conclusa perchè potrebbe nascondere ancora molti segreti, a cominciare da quello principale: il bombarolo era solo? Sicuramente ha confezionato lui l’ordigno (lo ha descritto minuziosamente) tuttavia restano molte ombre sul gesto. Giovanni Vantaggiato sicuramente era sul luogo della tentata strage, sia la sera prima che la mattina dell’attentato: lo dimostra il passaggio di due auto che gli appartengono riprese dalle telecamere di sicurezza di ingresso in città (non solo quelle del chiosco, dunque: ormai siamo in pieno villaggio globale). E non solo: anche i controlli sul suo telefonino che lo hanno localizzato nei dintorni della scuola. Insomma non ci sono dubbi sulla sua partecipazione, anche perchè l’ha confessata. E bisogna fare i complimenti per un lavoro certosino che ha “vivisezionato” la posizione di 1400 possibili sospetti, a riprova che tornare alle vecchie investigazioni produce effetti. Ma perchè lo ha fatto? Vantaggiato non è un benzinaio, ma un piccolo imprenditore: ha un deposito di carburante, anche per riscaldamento. Si è detto che sta in crisi economica, si è detto che ce  l’ha con la giustizia per un presunto torto, si è detto che voleva in realtà colpire il tribunale che sta a duecento metri, c’è chi parla di vendetta personale contro il preside (personaggio contorto) e anche di rapporti con la criminalità di Mesagne. Di sicuro ci sono due elementi incontrovertibili. Intanto che mafia e terrorismo non c’entrano niente, come non c’entrano…i servizi deviati che subito qualcuno ha evocato irridendo alla pista isolata che invece si è rivelata quella giusta. E poi resta incredibile soltanto pensare che ha schiacciato quel bottone uccidendo Melissa e sfiorando tante altre ragazze uno che è padre di due figlie. No, non ci si può credere. E allora forse c’è qualcos’altro.

About pinoscaccia

già redattore capo Rai inviato speciale Tg1

Discussion

24 thoughts on “Lui ha schiacciato il telecomando, ma è ancora oscuro il movente. Probabilmente non era solo o sta coprendo qualcuno

  1. …guardava e riguardava nervosamente il punto dove aveva messo la bomba…non può non avere sottovalutato cosa stava per fare…vedeva perfettamente che la deflagrazione avrebbe ucciso o ferito qualcuno. Effettivamente, escludendo il gesto di follia, è una storia parecchio strana !!!

    Posted by marcelloululilupoulula | 7 June 2012, 13:50
  2. OT Pino come mai hai messo la moderazione ? hai avuto dei problemi per colpa di qualche cretino ?

    Posted by marcelloululilupoulula | 7 June 2012, 13:51
    • Da un pò di tempo affronto argomenti delicati e girano per il blog molte “facce” nuove che vanno controllate (e anche qualcuna vecchia). Commenti indecenti e talvolta pericolosi: visto che la responsabilità è mia preferisco leggerli prima. A parte gli scazzi sulla politica, mi hanno dato grattacapi soprattutto due post: quello sul Vaticano (e affini) e quello su Buffon (con gli ultrà juventini scatenati). Non mi posso più permettere di lasciare il campo libero. Quando ci sono passo il commento in tempo reale, quando non ci sono (e non posso stare sempre attaccato al pc) ci vuole un pò di pazienza: comunque ho sempre chiara la situazione con il blackberry . Del resto, ricordo che tutti i blog hanno la moderazione, compreso quello del grilletto della verità…Il giorno che tutti capiranno che il web non è un bar privato ma un luogo pubblico, dove anche il linguaggio deve essere consono, forse ci ripenserò. Mi ero illuso che tutti sapessero gestire la libertà assoluta, ma la Rete è troppo grande e … preferisco vivere tranquillo.

      Posted by pinoscaccia | 7 June 2012, 14:06
  3. ..a me non da per niente fastidio :) ….era solo mera curiosità…;)

    Posted by marcelloululilupoulula | 7 June 2012, 14:13
  4. Io trovo molto strano che abbia confessato ma senza dare una motivazione, nemmeno uno strampalata. Che sia stato veramente lui o come giustamente hai scritto c’è dell’altro dietro a questo ignobile gesto ??

    Posted by Patrizia M. | 7 June 2012, 14:57
  5. ??? ;(

    Posted by Rosaria | 7 June 2012, 16:59
  6. Nei ritagli di tempo, dopo la strage, ha continuato a coltivar il suo hobby principale: la cura dello yacht da 50 piedi ormeggiato nella darsena di Porto Cesareo. A raccontarlo è un artigiano di Copertino, un tappezziere, che fa molti lavori sulle barche della zona e che un anno fa aveva avuto come cliente anche Giovanni Vantaggiato, in carcere per l’attentato esplosivo alla scuola di Brindisi. “Più che dalla somiglianza, che c’è – dice il tappezziere – l’ho riconosciuto dal portamento e da quell’abitudine di portare la mano in tasca”.

    Posted by pinoscaccia | 7 June 2012, 17:03
  7. Caro Pino, nella mia vita ho ricevuto tantissime violenze, ma non mi è mai passato per la mente la vendetta. Ho patito e patirò ancora. Quando ricevo violenza mi si rattrista il cuore. Purtroppo il cervello l’equilibrio delle persone spesso può vacillare e reagire senza il minimo criterio. Questa volta la povera fanciulla innocente, ha pagato con la sua vita un conto troppo alto. Un caro saluto a tutta la torre :(

    Posted by ceglieterrestre | 7 June 2012, 17:33
  8. Nel provvedimento si contesta il concorso nel reato «per coprire ogni eventualità», ha precisato il procuratore di Brindisi.
    «Quanto tempo dovrò stare qui?’: è l’unica domanda che Giovanni Vantaggiato ha fatto la scorsa notte all’arrivo nel carcere di Lecce. L’uomo – riferisce chi ha potuto vederlo – mantiene «un atteggiamento remissivo, passivo».

    Posted by pinoscaccia | 7 June 2012, 18:28
  9. «Quanto tempo dovrò stare qui?’ S’è corpevole, visto l’anni che cià ‘n galèrra ce dovrebbe restà pe sempre! Ma ho i miei dubbi! Sicuro lo libberano prima.

    Posted by ceglieterrestre | 7 June 2012, 19:28
  10. Nel decreto di fermo il pm scrive: “In sede di interrogatorio Vantaggiato ha ammesso la sua diretta partecipazione all’azione criminale, ma non ha voluto indicarne il movente, mantenendo un atteggiamento tendente evidentemente ad occultare il concorso di altri”.

    Posted by pinoscaccia | 7 June 2012, 23:14
  11. Vantaggiato aveva subito in passato una truffa da oltre 300mila euro per forniture di combustibile non pagate, e una delle ipotesi sul movente del gesto è che abbia agito per vendetta nei confronti della giustizia, per ‘protestare’ contro il Tribunale di Brindisi, al quale si sarebbe rivolto senza, a suo giudizio, ottenere giustizia. Il presunto responsabile della truffa, un imprenditore agricolo di Torre Santa Susanna, nel Brindisino, avrebbe poi subito due attentati. Il primo nel 2008, scampando all’esplosione di un ordigno realizzato con una bombola di gas, collocato nel giardino della sua abitazione. L’uomo rimase ferito gravemente al torace e all’addome. Il secondo episodio risalirebbe allo scorso anno, con un incendio della sua autovettura, un’Audi A8, in sosta nel centro di Torre Santa Susanna. Ora gli investigatori starebbero nuovamente indagando anche sulle due vicende.

    Posted by pinoscaccia | 7 June 2012, 23:15
  12. Il bombarolo e lo yacht.

    Posted by pinoscaccia | 8 June 2012, 00:23
  13. Non si può architettare tutto questo in un attimo. Ci sono voluti giorni e giorni e anche aiuto di altri.
    Non ci si può vendicare e uccidere innocenti per la giustizia (a dire suo) ingiusta.

    Posted by ceglieterrestre | 8 June 2012, 08:41
  14. Il bersaglio – dice – scelto a caso. Ma nessuno gli crede corriere.it

    Posted by pinoscaccia | 8 June 2012, 11:13
  15. Anche perchè i benzinai di solito hanno questi yacht, mmh sì

    Posted by sissi | 8 June 2012, 12:16
  16. la barca dovrebbe essere un motoryacht Camuffo 50, lunghezza 16.50 metri, serbatoi, ca. 2200 litri gasolio, prezzo dell’usato … boh, una mezza milionata di euro…

    Posted by pipistro | 8 June 2012, 12:45
  17. non dirmelo… io vado in giro col vespino (ca. 5 lt di benzina verde, ed è anche troppo)

    Posted by pipistro | 8 June 2012, 12:48
  18. bellissimo il vespino!!
    l’hanno rifatto, quello bellissimo è l’original..ma è troppo pesante per me, non ce la farei a mettere il cavalletto ecc.
    (vabbè parentesi.. ;-)

    Posted by sissi | 8 June 2012, 13:16

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s

Anno 18

[dal 18 ottobre 2001]
Visite totali circa 7 milioni

Categories

Archives

L’ultimo libro

Hitler e Mussolini tra passioni e potere: i tranelli della storia rivisti da un reporter di guerra e da una professoressa di lettere.

Le verità e le bugie intorno ai due dittatori che hanno segnato le sorti del secolo breve. Da una parte il führer, con sangue ebraico e forse origini berbere. Dall’altra il campione della famiglia italiana, il duce, che si innamorò di Claretta Petacci, forse una probabile spia degli inglesi. Poi la fine, ancora avvolta da misteri. Hitler e Mussolini, uniti dall’odio, dall’illusione di una conquista universale, da una fine tragica e da due amori maledetti. Sicuramente feroci, ma con infinite debolezze, spietati, ma fragilissimi.

%d bloggers like this: