you're reading...
web

Gli “indivanados”, ultimi ribelli

Il movimento degli “inDIVAnados” è la versione comoda, low cost e last minute di quello più noto degli “indignados”. Sono i rivoluzionari del sofà che, armati di telecomando, partecipano attivamente a momenti televisivi pubblici come Ballarò, Servizio Pubblico, Piazza Pulita. Per i più pignoli e attenti c’è anche Report. Per i più giovani ci sono Le Jene e per chi ha deficit dell’attenzione Striscia la Notizia. Snobbano Porta a Porta perché Vespa fa i plastici del “luogo del delitto”, perché è servo del regime, perché…beh, insomma, perché è Vespa. Single precari in casa dei genitori e coniugi mutuo-accasati protetti da plaid multicolore conducono sul loro divano a tre posti accese battaglie a video aperto contro il signoraggio, la casta, gli sprechi statali, le frodi alimentari, gli abusi edilizi, equitalia e via dicendo. Poi ci sono anche gli #indivanados 2.0 che si indignano pesantemente su Twitter e Facebook ; dicono di non guardare la Tv ma poi se la guardano eccome, in streaming o, a spizzichi e bocconi, su YouTube. Il #giornodopononsuccedemaiuncazzo (cit. Masotti) e gli InDIVANados si ritrovano come ogni giorno al lavoro, a condividere di fronte alle macchinette del caffè le gesta rivoluzionarie della sera prima.

“Noi esistiamo, siamo tanti e veniamo da lontano (21 ottobre 1987, prima puntata di Samarcanda)”.  Gabriel Ektorp, portavoce (leader sarebbe troppo impegnativo). Il sito

About pinoscaccia

già redattore capo Rai inviato speciale Tg1

Discussion

11 thoughts on “Gli “indivanados”, ultimi ribelli

  1. Pino sono entrato in crisi……..non so più cosa sono….. :)
    è brutto ?

    Posted by marcelloululilupoulula | 26 May 2012, 13:48
  2. Lo dicevo io che siamo un popolo di poltroni. Per risanare l’Italia bisognerebbe sequestrare tutti i divani. :roll:

    Posted by Mouse On Mars | 26 May 2012, 15:06
  3. L’intervista “scomoda” al povero pensionato romano (er Magara):

    Romani o non romani, i poveri pensionati italiani sotto i 600 Euro sono molto indignati (aka inc..zati) come l’intervistato romano. – “Call Island”.

    Posted by GiorgiusGam | 26 May 2012, 22:18
  4. E’ seria …quanto il pensiero della candidatura di Berlusconi a Presidente della Repubblica No dico l’ultima è un pensiero già da qualche anno agnato ma la prima ..ti lascia ridere come dire “quasi per il nervoso” …:)
    DICE IL SAGGIO ( e qui ci vorrebbe un fotina di un cinesino):
    “I sazi hanno malafede nei confronti di chi dice di aver digiunato “

    Posted by Rosaria | 26 May 2012, 22:18
  5. Sono assolutamente d’accordo. Io, che non mi vorrei far etichettare, mi incazzo seduta sul mio ‘trono’, scrivo, viaggio, protesto pubblicamente e riporto, sul blog e con le persone in giro… Che abbia sbagliato posto?
    Ciao Pino, troppo pungente :-D

    Posted by vincenza63 | 27 May 2012, 09:53
  6. Tranquilla Vincenza, riguarda (quasi) tutti ma secondo la formula del “presenti esclusi” :-D

    (pungente per pungente…)

    Posted by sissi | 27 May 2012, 10:53
    • Presenti inclusi, perchè no?

      Posted by pinoscaccia | 27 May 2012, 10:55
      • …certo, se si possiede autoironia….
        (di solito la gente si diverte quando può proiettare su altri difetti e carenze, ma un po’ meno se deve fare autocritica).

        Comunque, io non faccio parte nemmeno di quest’altro “gruppo” natureillement… soltanto a Voi l’onore delle mie caxxate ;-)

        Posted by sissi | 27 May 2012, 11:01

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s

Anno 18

[dal 18 ottobre 2001]
Visite totali circa 7 milioni

Categories

Archives

L’ultimo libro

Hitler e Mussolini tra passioni e potere: i tranelli della storia rivisti da un reporter di guerra e da una professoressa di lettere.

Le verità e le bugie intorno ai due dittatori che hanno segnato le sorti del secolo breve. Da una parte il führer, con sangue ebraico e forse origini berbere. Dall’altra il campione della famiglia italiana, il duce, che si innamorò di Claretta Petacci, forse una probabile spia degli inglesi. Poi la fine, ancora avvolta da misteri. Hitler e Mussolini, uniti dall’odio, dall’illusione di una conquista universale, da una fine tragica e da due amori maledetti. Sicuramente feroci, ma con infinite debolezze, spietati, ma fragilissimi.

%d bloggers like this: