you're reading...
mafia, terrorismo

Adesso spunta la “pista paramafiosa”

L’ultima parolina magica per definire l’ancora invisibile matrice dell’attentato di Brindisi è “pista paramafiosa”. Che praticamente non significa niente ma è per spiegare quello che un poule di cento investigatori non riesce a spiegare. Significa in sostanza una via di mezzo, un mafiosetto con motivazione personali. Il preside dice: ha le ore contate. Forse intuisce chi è quello che ce l’ha con la scuola mentre s’intrecciano storie di bidelli e professori che ricordano minacce e rivalse. Certo è che finchè il bombarolo è in giro nessuno sta tranquillo.

About pinoscaccia

già redattore capo Rai inviato speciale Tg1

Discussion

22 thoughts on “Adesso spunta la “pista paramafiosa”

  1. Ha le ore contate… Speriamo che il timer funzioni.

    Posted by vincenza63 | 24 May 2012, 18:33
  2. Per dichiarare che ha le ore contate o sospetta veramente di qualcuno come ipotizzi tu, oppure ha la speranza che sia veramente così…

    Posted by Patrizia M. | 24 May 2012, 18:46
  3. io credevo esistessero le PARAFARMACIE, i PARACULI, la PARANOIA ma la PARAMAFIA mi mancava…

    Posted by marcelloululilupoulula | 24 May 2012, 18:59
  4. Bisogna sempre adeguarsi… Vedrai, visto che non ci capiscono niente, adesso inventeranno anche il paraterrorismo per dire che sì, sono terroristi ma solo a metà… Il guaio è che ormai vivacchiamo tra parainquirenti e paraservizi.

    Posted by pinoscaccia | 24 May 2012, 19:02
  5. …posso aggiungere sottovoce i parapolitici ?….. :)

    Posted by marcelloululilupoulula | 24 May 2012, 19:04
  6. Ma certo! Pensavo rientrassero già nella categoria paraculi. Però la lista è lunga: personalmente aggiungerei anche i parasantoni e i paraprofeti. Insomma, è proprio una povera paraItalia.

    Posted by pinoscaccia | 24 May 2012, 19:08
  7. ahahahahahah grandioso !!!

    Posted by marcelloululilupoulula | 24 May 2012, 19:11
  8. Rivolta più a chi prepara le veline per la stampa e a chi le recita, piuttosto che a chi sta (realmente) indagando.
    Ci sono alcuni fatti:
    – una scuola,
    – delle ragazze,
    – la probabilità di uccidere,
    – un presunto esecutore maldestro.
    Nulla porta alle piste di routine.
    E’ tanto difficile ammettere che il caso potrebbe essere estraneo a schemi precotti?

    Posted by pipistro | 24 May 2012, 19:16
    • Sono d’accordo. Sembra evidente a questo punto che è un caso assolutamente a se stante…appunto forse hanno inventato il neologismo investigativo. Comunque potrebbe non essere nuovissimo se si fa strada l’ipotesi di una specie di unabomber.

      Posted by pinoscaccia | 24 May 2012, 19:19
  9. Infatti. E in più mi concentrerei sulla allucinata scelta delle vittime.

    Posted by pipistro | 24 May 2012, 19:24
  10. Purché non finisca come la storia infinita dell’unabomber …

    Posted by marisamoles | 24 May 2012, 19:40
  11. …se è, come io credo, un avvertimento mafioso finito male non sarà difficilissimo prenderli considerando la schiera di informatori di cui si avvalgono le forze dell’ordine.. se viceversa fosse un cane sciolto la cosa si complica di più perchè le indagini devono gioco forza avvalersi anche della fortuna o magari di qualche mossa incauta dello stronzo bombarolo…

    Posted by marcelloululilupoulula | 24 May 2012, 19:53
  12. Due fotogrammi inediti del responsabile dell’attentato davanti all’istituto professionale «Morvillo Falcone» di Brindisi, sono stati mostrati dalla trasmissione «Quarto Grado». Si tratta di un uomo in giacca scura e camicia chiara parzialmente abbottonata; chiari anche i pantaloni, sportive le scarpe. I capelli sono corti e scuri e porta un paio di occhiali da sole. L’uomo avrebbe trasportato le bombole usate come esplosivo con un pickup.

    Posted by pinoscaccia | 26 May 2012, 00:05
  13. SUSPECT MONACO PACKAGE DETONATED

    A bomb disposal expert was called in to undertake a controlled explosion of a suspect package in the paddock for the Monaco Grand Prix on Thursday night…

    MORE: http://bit.ly/JsXDQj

    Posted by GiorgiusGam | 26 May 2012, 10:39
  14. ecco il video integrale del presunto attentatore di brindisi guarda

    Posted by roberto altavilla | 29 May 2012, 00:45
  15. Comunque io sono contraria alla diffusione di questi video, a momenti viene condannato e linciato un innocente.
    E basta…..facessero lavorare (seriamente) gli inquirenti!

    Posted by sissi | 29 May 2012, 11:14
  16. Le indagini sull’attentato alla scuola «Morvillo» di Brindisi in cui è morta la 16enne Melissa Bassi potrebbero essere ad una svolta. Secondo indiscrezioni, non confermate dagli inquirenti, una persona è da alcune ore sotto torchio e sottoposta ad accertamenti stringenti per verificare se è l’attentatore ripreso dalle telecamere di un chioschetto mentre preme il telecomando. Stando sempre alle indiscrezioni si tratterebbe di un uomo originario del Salento che avrebbe fatto tutto da tutto da solo, fabbricando e poi facendo esplodere il rudimentale ordigno composto da tre bombole del gas collegate tra di loro. Non ci sarebbe dunque alcun coinvolgimento della criminalità organizzata, ma di una «vendetta privata». La polizia si mantiene comunque estremamente cauta per evitare di ripetere gli stessi errori fatti nei giorni successivi alla strage.

    Posted by pinoscaccia | 6 June 2012, 20:08

Trackbacks/Pingbacks

  1. Pingback: Brindisi, c’è una svolta? « La Torre di Babele - 6 June 2012

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s

Anno 19

[dal 18 ottobre 2001]

“Quando si è scoperto che l’informazione era un Affare, la verità ha smesso di essere importante.” (Ryszard Kapuscinski)

L’ultimo libro

TRADITORI: l’incredibile intreccio tra i Kennedy, Marilyn Monroe, Jackie Onassis e Maria Callas. Più la sconvolgente storia di Lady D.

Amori Maledetti

Hitler e Mussolini tra passioni e potere: i tranelli della storia rivisti da un reporter di guerra e da una professoressa di lettere.

Archives

%d bloggers like this: