you're reading...
persone

Un’altra madre che cerca la verità

La polizia francese ha intimato di allontanarsi e di togliere le foto del figlio che ha appese al collo a Cira Antignano, la madre di Daniele Franceschi il viareggino morto il 25 agosto 2010 nel carcere francese di Grasse. La donna, giunta a Parigi nei giorni scorsi, si è presentata stamani davanti all’Eliseo a Parigi con la cugina Maria Grazia per chiedere che sia fatta chiarezza sulla morte del figlio in circostanze ritenute poco chiare. È stato l’avvocato Aldo Lasagna, che assiste Cira Antignano e presente anche lui a Parigi, che ha dato la notizia di quanto è avvenuto davanti all’Eliseo, dove sono presenti anche troupe televisive. La donna si era presentata alle nove davanti all’Eliseoper chiedere di essere ricevuta dal presidente Sarkozy e per avere la restituzione degli organi del figlio, che non sarebbero stati restituiti alla famiglia dopo l’autopsia. Nei giorni scorsi Cira Antignano non ha escluso lo sciopero della fame ed altre iniziative per attirare su di sè l’attenzione dell’opinione pubblica francese. fonte

About pinoscaccia

già redattore capo Rai inviato speciale Tg1

Discussion

10 thoughts on “Un’altra madre che cerca la verità

  1. I FRANCESI POPOLO STRAVAGANTE!! ,COSì BUONI, ACCOGLIENTI E TOLLERANTI CON CESARE BATTISTI E COSI’ POCO COMPRENSIVI CON UNA POVERA MAMMA IN CERCA DI VERITA’ ;DOMANDA : – DOVE SONO GLI INTELLETTUALI ?….

    ( CHIEDO SCUSA PER IL MAIUSCOLO MA STO URLANDO ) marcello

    Posted by marcelloululilupoulula | 2 May 2012, 15:27
  2. E Carlà che le aveva promesso aiuto… Ma sotto elezioni forse non lo ritiene più conveniente…

    Posted by pinoscaccia | 2 May 2012, 15:29
  3. …Pino credo che forse Le si rovina il trucco….

    Posted by marcelloululilupoulula | 2 May 2012, 15:34
    • Sai, poi ricordavi Battisti… Lì era facile e produttivo: i cattivoni erano gli italiani,, pensa volevano addirittura mandare in galera un bravo ragazzo che ha ammazzato quattro persone… Qui invece come fa a prendersela con una manica di poliziotti francesi che hanno ammazzato di botte un povero ragazzo italiano? Ma andasse a cagà! Con l’accento sulla “a”.

      Posted by pinoscaccia | 2 May 2012, 15:39
  4. …esatto Pino !! andasse in quel FAMOSO POSTO….

    Posted by marcelloululilupoulula | 2 May 2012, 15:46
  5. Marcè, qui nun c’abbasta scrive co le majuscole, ce vonno le parolacce. Ciao Gabbià, so solo promesse da marinaro…

    Posted by ceglieterrestre | 2 May 2012, 15:47
  6. “Ma andasse a cagà! Con l’accento sulla “a”. e puro su ‘n campo d’urtica

    Posted by ceglieterrestre | 2 May 2012, 15:53
  7. Un’altra madre che chiede la verità e che “disturba”, quindi viene allontanata.
    Se aspetta che Carlà l’aiuti, aspetterà invano. Spero che qualcuno riesca ad aiutarla veramente. Qui non è sufficiente urlare, concordo con chi mi ha preceduta, servirebbero parole molto più forti…

    Posted by Patrizia M. | 2 May 2012, 18:21
  8. Non abbiamo fatto alcun progresso… l’omicidio di Stato impera. Fino a quando? Che voglia di andare in Francia che ho…

    Posted by vincenza63 | 4 May 2012, 15:13

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s

Anno 18

[dal 18 ottobre 2001]
Visite totali circa 7 milioni

Categories

Archives

L’ultimo libro

Hitler e Mussolini tra passioni e potere: i tranelli della storia rivisti da un reporter di guerra e da una professoressa di lettere.

Le verità e le bugie intorno ai due dittatori che hanno segnato le sorti del secolo breve. Da una parte il führer, con sangue ebraico e forse origini berbere. Dall’altra il campione della famiglia italiana, il duce, che si innamorò di Claretta Petacci, forse una probabile spia degli inglesi. Poi la fine, ancora avvolta da misteri. Hitler e Mussolini, uniti dall’odio, dall’illusione di una conquista universale, da una fine tragica e da due amori maledetti. Sicuramente feroci, ma con infinite debolezze, spietati, ma fragilissimi.

%d bloggers like this: