you're reading...
sport

Boicottare gli europei di calcio in Ucraina

«Preoccupazione per la situazione politica». Così la Uefa in un comunicato ha espresso timori per la sicurezza dei visitatori, in vista degli Europei di calcio che si disputeranno in Polonia e in Ucrania. Timori che sono però stati fugati dai governi dei due Paesi che hanno assicurato «di aver preso le misure necessarie per garantire la sicurezza di tutti i visitatori, dai tifosi ai giocatori». Il comunicato arriva dopo che la mobilitazione dell’Ue per l’ex premier ucraina Yulia Tymoshenko che ha dichiarato di essere stata percossa in carcere. Le principali prese di posizione sono arrivate dalla Germania, dove il cancelliera Angela Merkel ha minacciato di boicottare il campionato di calcio. In seguito al trattamento riservato in prigione all’ex premier, dissenso è stato dimostrato anche dal presidente della Commissione europea Manuel Barroso. E non solo. Il commissario Ue per la Giustizia, Viviane Reding, ha nei giorni scorsi declinato l’invito a presenziare alla partita inaugurale di Euro 2012. Anche il ministro italiano Terzi ha espresso grave preoccupazione per le condizioni di  Yulia Tymoshenko. L’articolo

E intanto i bravi ucraini fanno strage di animali randagi

About pinoscaccia

già redattore capo Rai inviato speciale Tg1

Discussion

5 thoughts on “Boicottare gli europei di calcio in Ucraina

  1. Sarebbe il minimo che ogni Nazione partecipante dovrebbe fare, anche se in molti dichiarano (anche i calciatori stessi) che lo sport non ha niente a che fare con queste incresciose situazioni e non è boicottando gli Europei che le cose cambierebbero…

    Posted by Patrizia M. | 30 April 2012, 22:17
  2. Ma i leader europei e i vertici UEFA si accorgono solo ora della situazione politico-sociale dell’Ucraina?Tra avvelenamenti e pestaggi di governanti ed oppositori, mi pare che negli ultimi anni non ci fosse molto da stare allegri. Pensarci prima, no?

    Posted by barbara brunati | 1 May 2012, 11:46
  3. Ok, sono d’accordo. Rispetto sia. Non c’entra con lo sport, però… che ci fa l’Italia che si erge a difendere i diritti umani in paesi come la Bielorussia?
    Meglio gli accordi commerciali dello sport? Non sono esseri umani anche i Bielorussi?
    Qualcosa non mi torna…

    Posted by vincenza63 | 1 May 2012, 20:31
  4. Angela Merkel ha preso una decisa posizione contro il governo dell’Ucraina, Paese che tiene in prigione dall’estate scorsa l’ex premier Yulia Tymoshenko. Berlino sostiene in tal modo i diritti umani e la democrazia. Poi si fanno due conti e viene in mente che, Polonia a parte, l’unico altro Paese oggi in grado di ospitare i campionati europei sarebbe la Germania stessa. E si capisce che cosa intende Frau Angela con difesa dei diritti umani. Un nuovo affare colossale.

    Posted by robertoaltavilla | 2 May 2012, 11:03
  5. Penso anch’io che ne valga la pena.

    Posted by quarchedundepegi | 18 May 2012, 08:02

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s

Anno 18

[dal 18 ottobre 2001]
Visite totali circa 7 milioni

Categories

Archives

L’ultimo libro

Hitler e Mussolini tra passioni e potere: i tranelli della storia rivisti da un reporter di guerra e da una professoressa di lettere.

Le verità e le bugie intorno ai due dittatori che hanno segnato le sorti del secolo breve. Da una parte il führer, con sangue ebraico e forse origini berbere. Dall’altra il campione della famiglia italiana, il duce, che si innamorò di Claretta Petacci, forse una probabile spia degli inglesi. Poi la fine, ancora avvolta da misteri. Hitler e Mussolini, uniti dall’odio, dall’illusione di una conquista universale, da una fine tragica e da due amori maledetti. Sicuramente feroci, ma con infinite debolezze, spietati, ma fragilissimi.

%d bloggers like this: