you're reading...
sequestri

Adesso bisogna liberare Rossella e Giovanni

“Meno due!”, commentano con gioia in Farnesina alla conferma della liberazione della Enrico Ievoli. Dopo aver riportato a casa Sandra Mariani, la lista degli italiani sequestrati si riduce a quota due. Le speranze dell’Unità di crisi sono ora tutte proiettate su Rossella Urru, la cooperante rapita in Algeria, e Giovanni Lo Porto catturato in Pakistan nella regione del Punjab. Intanto a Montecitorio affiora un primo retroscena: “pressing per riportare a casa i 18 membri dell’equipaggio della Enrico Ievoli – indiani compresi – in cambio di un’accelerazione di New Delhi sulla liberazione dei marò“. Si è conclusa dopo quattro mesi l’odissea dei marinai del mercantile Enrico Ievoli, partito dagli Emirati Arabi Uniti il 27 dicembre scorso, direzione Mediterraneo, e assalito nel Golfo dell’Oman da alcuni pirati armati di kalashnikov e Rpg a bordo di un barchino. Un equipaggio di 18 uomini tra cui 6 nostri connazionali, e di cui non facevano parte i Nuclei militari di protezione: l’unità specializzata delle Forza Armate italiane creata nel 2011 come ulteriore misura di contrasto alla pirateria internazionale. segue Fra i sequestrati ci sarebbe anche Bruno Pelizzari, italo-sudafricano, rapito con la moglie sudafricana Deborah Clitz il 10 ottobre del 2010 mentre veleggiava nell’Oceano Indiano. Il nome di Pelizzari però non compare negli elenchi ufficiali della Farnesina.

About pinoscaccia

già redattore capo Rai inviato speciale Tg1

Discussion

8 thoughts on “Adesso bisogna liberare Rossella e Giovanni

  1. Ciao come mai Pelizzari non è presente nella lista? anche se si conosce la sua persona?

    Posted by Rosaria | 23 April 2012, 19:29
  2. Un’altra bella notizia, anche se non è dato sapere veramente quali sono i retroscena che hanno portato a questa nuova liberazione, ma l’importante è che tornino tutti a casa sani e salvi. Però non trovo giusto che non si faccia nulla anche per Bruno Pelizzari, o il semplice fatto di avere la cittadinanza sudafricana lo esclude dal prendersi a cuore la sua salvezza??
    Speriamo che ora avvengano in breve tempo anche la liberazione di Rossella e Giovanni

    Posted by Patrizia M. | 23 April 2012, 21:49
  3. Visto che in India, dopo che è stata fornita elemosina di qualche dollaro, le considerazioni sulla competenza territoriale hanno preso piega diversa, perché non considerare i due militari italiani come persone sottoposte a sequestro?

    Posted by Walter | 23 April 2012, 23:41
  4. Per fortuna arrivano anche le belle notizie, ogni tanto. Forse,ora, gli Indiani capiranno che gli Italiani aiutano, non uccidono.

    Posted by barbara brunati | 24 April 2012, 08:52
  5. Reblogged this on i cittadini prima di tutto.

    Posted by icittadiniprimaditutto | 24 April 2012, 12:27
  6. Mali, rapitori Urru chiedono 30 milioni di euro di riscatto

    Posted by pinoscaccia | 2 May 2012, 15:19

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s

Anno 18

[dal 18 ottobre 2001]
Visite totali circa 7 milioni

Categories

Archives

L’ultimo libro

Hitler e Mussolini tra passioni e potere: i tranelli della storia rivisti da un reporter di guerra e da una professoressa di lettere.

Le verità e le bugie intorno ai due dittatori che hanno segnato le sorti del secolo breve. Da una parte il führer, con sangue ebraico e forse origini berbere. Dall’altra il campione della famiglia italiana, il duce, che si innamorò di Claretta Petacci, forse una probabile spia degli inglesi. Poi la fine, ancora avvolta da misteri. Hitler e Mussolini, uniti dall’odio, dall’illusione di una conquista universale, da una fine tragica e da due amori maledetti. Sicuramente feroci, ma con infinite debolezze, spietati, ma fragilissimi.

%d bloggers like this: