you're reading...
cassino, reporter

Cassino, festival del racconto audiovisivo

Cominciata oggi la rassegna internazionale “Conflitti”: durerà fino a domenica. Tre giorni di dibattiti, workshop, concorsi e incontri. In programma anche un convegno sui giornalisti embedded moderato da Pino Scaccia. Il cartellone

About pinoscaccia

già redattore capo Rai inviato speciale Tg1

Discussion

3 thoughts on “Cassino, festival del racconto audiovisivo

  1. Il programma di oggi

    Posted by pinoscaccia | 13 April 2012, 14:04
  2. Ieri ho scaricato il pdf sono tutti molto interessanti sopratutto domani l’intervento in sala di Silvio Orlando che raramente lo si vede. Difatti, lo apprezzo molto per questo sicuramente anche per la sua bravura ma è veramente un artista serio. Ed anche interessante la giornata dedicata ai cameraman freelance. Purtroppo non posso andarci mi spiace molto ma la manifestazione c’è ogni anno quindi… posso sperare in tempi migliori per me con meno impegni da sostenere in modo da concedermi viaggi culturali per me solo tale può essere l’interesse non professando l’attività

    Posted by Rosaria | 13 April 2012, 15:15
  3. ho guardato la locandina, ci sono argomenti molto interessanti. Peccato non poter essere presente :-(

    Posted by Patrizia M. | 13 April 2012, 22:24

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s

Anno 18

[dal 18 ottobre 2001]
Visite totali circa 7 milioni

Categories

Archives

L’ultimo libro

Hitler e Mussolini tra passioni e potere: i tranelli della storia rivisti da un reporter di guerra e da una professoressa di lettere.

Le verità e le bugie intorno ai due dittatori che hanno segnato le sorti del secolo breve. Da una parte il führer, con sangue ebraico e forse origini berbere. Dall’altra il campione della famiglia italiana, il duce, che si innamorò di Claretta Petacci, forse una probabile spia degli inglesi. Poi la fine, ancora avvolta da misteri. Hitler e Mussolini, uniti dall’odio, dall’illusione di una conquista universale, da una fine tragica e da due amori maledetti. Sicuramente feroci, ma con infinite debolezze, spietati, ma fragilissimi.

%d bloggers like this: