you're reading...
malasanità, persone

L’indifferenza colpisce più della violenza

Oggi, giorno di Pasqua, voglio raccontarvi la storia di un’altra donna bionda. Si chiamava Claudia ed aveva quattro figli. Bella, malata. Lei è morta perchè probabilmente qualcuno rispettato e riverito l’ha uccisa.  Non ci sono balordi stavolta, nessuno urla ai criminali ma intanto lei non c’è più perchè qualcuno non ha avuto coscienza. Già, il suo caso va ad ingolfare la sempre più nutrita statistica della malasanità. Chissà se quei medici hanno davvero sbagliato, ma sicuramente nessuno per loro chiederà punizioni esemplari e con ogni probabilità si salveranno.  Come sempre. Fatico a trovare le parole, ma mi rendo conto quanto l’indifferenza (e l’incapacità) siano più pericolose della violenza. Anche questo è un pezzo difficile, me ne rendo conto, ma anche questo serve a riflettere. Un bandito che sfida il destino sa quello che rischia. E anche un commerciante mette in conto i pericoli. Lui (loro) invece è il solone che ha in mano la vita e la morte degli altri ma che non si può disturbare. Cosa rischia insomma quel radiologo che per ore (!) stava in riunione? Il risultato è identico: quattro bambini sono rimasti senza madre. I risvolti invece sono molto diversi: per il rapinatore s’invoca il cappio perchè è senza dubbio il cattivo in un mondo di buoni, il medico può continuare invece tranquillamente a fare “riunioni”.  Sempre riverito e rispettato, troverà scuse, insisterà sulle carenze (sapete gli ospedali,no?), e poi tanto paga l’assicurazione. Appunto, la coscienza.  La storia

About pinoscaccia

già redattore capo Rai inviato speciale Tg1

Discussion

7 thoughts on “L’indifferenza colpisce più della violenza

  1. Oggi è assurdissimo morire per una perforazione del colon senza un intervento chirurgico d’urgenza.

    Posted by quarchedundepegi | 8 April 2012, 10:55
  2. quanta tristezza..solo tanta tristezza e senso d’impotenza. proprio perchè si sa già come andrà a finire.. un pensiero dolce per questa mamma, che non ha avuto il tempo di esserlo fino in fondo…e ai suoi piccolini…

    Posted by RENZA MARTINI | 8 April 2012, 12:21
  3. Non si capisce più se l’allucinante quadro degli ospedali italiani sia dovuto all’indifferenza che ha prodotto questa totale insussistenza, o se è l’insussistenza che ha prodotto via via sempre più indifferenza.
    So che alcuni medici, molto seri e umani, si sono nel corso della propria vita ritirati…dall’ambito ospedaliero. Proprio perchè così: sporco, dove non ne funziona mezza di cosa…impossibile per agire veramente con quella ‘sacralità’..che questo tipo di lavoro più di tutti richiede, come una vocazione.

    Per il resto l’elenco è lungo: questo stava in riunione…con una marea di pazienti che avevano bisogno di lui. Altri pensano all’abbronzatura in barca..nel giorno magari di ferragosto. Altri ancora hanno maturato una sorta d’indifferenza…da “deformazione professionale”, come dire: cioè talmente assuefatti a morte e malattia che agiscono e operano con quella freddezza ‘impermeabilizzata’ – forse anche come autodifesa per il proprio impatto emotivo. Pare che siano tanti i medici che si danno poi all’alcol..magari la sera, quando rientrano a casa, proprio perchè è pesante tutto ciò che vedono. (non sto giustificando, ma spiegando: è un’ipotesi).
    E altri ancora, come dicevo, si trovano magari davvero impossibilitati….per mancanza di personale, di strutture, di macchinari guasti o al momento inutilizzabili per qualche motivo, o macchinari del dopoguerra, mancanza di barelle e letti per il ricovero, e così via.

    Certo è, che proprio un lavoro del genere che più di tutti richiede serietà, amore e immedesimazione…di pari passo con l’epoca si svolge sempre più solo per gli splendidi guadagni. Oppure senza “scelta”….senza averlo veramente scelto – magari le mansioni infermieristiche: come un’occupazione qualsiasi, un lavoro come un altro, in alternativa ai call-center.
    Insomma in breve: come al solito è quell’appello a una coscienza morale….che manca. Qui, ma come ormai mi sembra in quasi tutti gli ambiti (lavorativi e non, della vita).

    Posted by sissi | 8 April 2012, 12:38
  4. Vogliamo i nomi degli inquisiti! Non solo quelli da mettere sulle lapidi. Abbiamo bisogno di sapere di chi NON fidarci e da chi NON farci assistere!

    Posted by vincenza63 | 8 April 2012, 15:24
  5. Reblogged this on i cittadini prima di tutto.

    Posted by icittadiniprimaditutto | 9 April 2012, 17:54
  6. OT – quando si dice la differenza tra atti “cristiani”….. e atti cristici

    http://bologna.repubblica.it/cronaca/2012/04/11/news/nega_la_comunione_a_un_bimbo_non_capace_di_intendere_e_volere-33073267/

    Posted by sissi | 11 April 2012, 12:21
  7. Un post che mi fa riflettere e mi spaventa. Ho patito per la boriosità di un medico. Spero solo di non incontrarlo più per la mia strada.

    Posted by ceglieterrestre | 11 April 2012, 13:13

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s

Anno 19

[dal 18 ottobre 2001]

“Quando si è scoperto che l’informazione era un Affare, la verità ha smesso di essere importante.” (Ryszard Kapuscinski)

L’ultimo libro

TRADITORI: l’incredibile intreccio tra i Kennedy, Marilyn Monroe, Jackie Onassis e Maria Callas. Più la sconvolgente storia di Lady D.

Amori Maledetti

Hitler e Mussolini tra passioni e potere: i tranelli della storia rivisti da un reporter di guerra e da una professoressa di lettere.

Archives

%d bloggers like this: