you're reading...
persone, tribù

Quando Chinaglia rubava il latte

All’età di 65 anni è morto Giorgio Chinaglia, ex gloria della Lazio e della Nazionale azzurra. Chinaglia si trovava ricoverato dallo scorso venerdì in un ospedale della Florida dove era stato ricoverato per un attacco di cuore.

E’ giornata, purtroppo. Un altro pezzo della mia gioventù, quindi un pò di me,  lascia questo mondo. Con Chinaglia ho ricordi lontani, ma molto forti. L’avevo conosciuto subito, appena messo piede in Italia dal Galles. A quei tempi scrivevo per il “Tifone”, un giornale sportivo-satirico molto seguito dai tifosi. Io, naturalmente, mi occupavo della Lazio e dunque avevo accolto con grande interesse quel gigante tutto da raccontare. Raccolsi in una pagina intera la sua storia e lanciai quell’aneddoto ripreso poi da tutti i quotidiani. Svelai cioè la sua gioventù povera, quando Giorgione per sfamarsi andava a rubare le bottiglie di latte fuori delle case inglesi. Diventammo amici. A tal punto che qualche anno dopo, spaventato per l’intervista che doveva concedere a un cattivissimo (allora) Maurizio Costanzo, mi volle a tutti i costi al suo fianco per un conforto più morale che pratico (la foto si riferisce proprio a quell’occasione). Nel frattempo, con le sue inarrestabili cavalcate concluse puntualmente con il gol, regalò alla Lazio di Lenzini e Maestrelli il primo scudetto della storia. Un’impresa che gli valse anche la maglia della Nazionale, esperienza peraltro non fortunata, passata in archivio più per il “vaffa” a Valcareggi che per le imprese sportive. Stavo già ad Ancona e mi arrivò per regalo il gagliardetto. Era il 1974, un anno per me assolutamente irripetibile: lo scudetto, giornalista professionista e…Gabriele, di sicuro la cosa più bella che sono riuscito a fare nella vita. 

About pinoscaccia

già redattore capo Rai inviato speciale Tg1

Discussion

7 thoughts on “Quando Chinaglia rubava il latte

  1. Questo articolo è l’ennesima conferma al motivo per cui, TU, sei mio amico.. Bellissimo e struggente. Io adoravo Giorgione….

    Posted by Angela Nicoletti | 1 April 2012, 18:48
  2. Mi piaceva tantissimo, è stato veramente un grande del calcio, anche se facevano più notizia le sue intemperanze.

    Posted by Patrizia M. | 1 April 2012, 20:38
  3. Complimenti Pino, rimpiango i tuoi pezzi di allora per il calcio e per la Lazio, altra pasta di giornalisti.

    Posted by Giancarlo | 1 April 2012, 22:44
  4. ineccepibile, come sempre il tuo pezzo.riferito ai ricordi di quegli anni.
    I figli sono un dono per noi genitori.
    Ma Chinaglia si era cacciato in un bel guaio da un po’ di tempo. o no?

    Posted by madamepina | 2 April 2012, 10:17
  5. Reblogged this on i cittadini prima di tutto.

    Posted by icittadiniprimaditutto | 2 April 2012, 14:03
  6. :( mi dispiace che se ne sia andato.

    Posted by ceglieterrestre | 4 April 2012, 11:44

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s

Anno 18

[dal 18 ottobre 2001]
Visite totali circa 7 milioni

Categories

Archives

L’ultimo libro

Hitler e Mussolini tra passioni e potere: i tranelli della storia rivisti da un reporter di guerra e da una professoressa di lettere.

Le verità e le bugie intorno ai due dittatori che hanno segnato le sorti del secolo breve. Da una parte il führer, con sangue ebraico e forse origini berbere. Dall’altra il campione della famiglia italiana, il duce, che si innamorò di Claretta Petacci, forse una probabile spia degli inglesi. Poi la fine, ancora avvolta da misteri. Hitler e Mussolini, uniti dall’odio, dall’illusione di una conquista universale, da una fine tragica e da due amori maledetti. Sicuramente feroci, ma con infinite debolezze, spietati, ma fragilissimi.

%d bloggers like this: