you're reading...
web

Com’era il mondo prima di internet?

Brevemente perchè sono sconvolto. Ho passato tutta la giornata a smanettare nel tentativo di ripulire il pc. Un bastardo che chiede soldi (100 euro attraverso tal paysafe) mi ha infestato tutto, bloccando di fatto ogni azione. Sono riuscito, dopo molte ore di lavoro duro, a crearmi faticosamente un varco e, come vedete, a connettermi. Ma il mio ormai inseparabile compagno di viaggio è ancora infetto. Menomale che con quel sant’aggeggio infernale del blackberry sono riuscito comunque a mantenere un minimo di contatto, ma non sono riuscito a fare nient’altro, men che meno a seguire i blog. Mi sono sinceramente sentito perso e vien da chiedersi come facevamo prima. Una sensazione sgradevole che ho riscoperto a Bengasi quando Gheddafi aveva oscurato internet. Ho un’età tale da ricordare l’era pre-pc. Per non parlare degli smartphone. Si telefonava la mattina dall’albergo prima di uscire e poi alla sera quando si rientrava. Ricordo ancora le saccocciate di gettoni che appesantivano le tasche: per telefonate d’emergenza in Italia, dall’estero manco a parlarne, in alcuni posti ci volevano giorni per prendere la linea. Beh, in conclusione: non sono mica sicuro che stiamo meglio adesso.

About pinoscaccia

già redattore capo Rai inviato speciale Tg1

Discussion

39 thoughts on “Com’era il mondo prima di internet?

  1. no, decisamente non è meglio adesso! Notte

    Posted by gianluca | 27 March 2012, 00:22
  2. Pino….quasi sempre aiuta, e tanto anche; solo che poi c’è qualche imbecille che ci rovina la vita, ma quelli purtroppo ci sono, indipendentemente da internet!!!!

    Posted by Royma Ta | 27 March 2012, 01:28
  3. Quando internet governa buona parte del tuo lavoro e all’improvviso ti viene a mancare(vuoi per problemi di connessione,vuoi per un virus),ti accorgi che,involontariamente,anche tu avevi dato per scontate molte cose e ti devi riadattare,in fretta,ad un metodo alternativo. A me capitava con la connessione del POS e ogni volta la mole di lavoro.bastava che si bloccasse 30 minuti (sempre tra le 7 e le 8,orario di check out),e la mole di lavoro dopo il ripristino aumentava in maniera esponenziale.

    Posted by Barbara Brunati | 27 March 2012, 07:02
  4. Prima di internet la Polizia Postale non si occupava di queste cose, sentili e vai a fare denuncia, magari hanno fortuna e riescono a risalire (con molte altre migliaia di denunce) ai ricattatori. Che fanno conto dello sfinimento delle vittime che pagano il riscatto della macchina. Solidarietà

    Posted by Massimo R. | 27 March 2012, 07:55
  5. Né meglio né. Peggio, forse. Come per l’auto, il supermercato o il rasoio elettrico.
    Forse…

    Posted by Marco Alici | 27 March 2012, 10:11
  6. io non so se stiamo meglio o peggio. Ogni società si adegua al suo momento storico. Certo è che la nostra privacy si è andata a far friggere. Mi sembra te ne parlai aulche tempo fa.

    Posted by pina | 27 March 2012, 10:14
  7. Reblogged this on i cittadini prima di tutto.

    Posted by icittadiniprimaditutto | 27 March 2012, 10:49
  8. Forse tra meglio e peggio, si può dire che si sta in modo diverso.
    Questa foto… è emblematica.

    Posted by Walter | 27 March 2012, 12:04
  9. hai ragione ci sarebbe molto da dire anzi aumenta la diffidenza e il contatto umano …vado via a stasera ho il treno buon lavoro a tutti

    Posted by Rosaria | 27 March 2012, 13:06
  10. E’ capitato a molte persone ultimamente. Purtroppo non so indicarti esattamente dove trovarlo, ma so che c’è un software apposito da scaricare per sbloccare il pc e a quanto pare tutto ritorna come prima, senza che siano stati fatti danni. Molti hanno pagato quanto richiesto purtroppo, convinti di essere incappati in qualche cosa di illegale e quindi di essere in torto.

    http://www.aostaoggi.it/2012/marzo/23marzo/news26114.htm

    Forse però ti può essere utile questo link

    http://bellalollo.blogspot.it/2011/12/virus-guardia-di-finanza-che-chiede-100.html

    Posted by Patrizia M. | 27 March 2012, 15:09
    • Confermo. Conosco almeno due casi di analoga infezione. Direi che stavolta gli antivirus hanno fatto una clamorosa cilecca.

      Posted by Marco Alici | 27 March 2012, 15:42
      • Gli antivirus non servono in questi casi. Attenti , bisogna formattare il pc.
        Spiego brevemente cosa succede. L’antivirus trova l’nfezione , l’utente segue le istruzioni per eliminare i files che generano il problema. Ma in realtà non si fa altro che disattivare il “programma pirata” solo fino al prossimo riavvio. Successivamente , quando si riaccende il pc i files dei virus ci sono ancora ma rinominati come un file di sistema che l’antivirus non è in grado di riconoscere e il programma indesiderato si riattiva. Ovviamente in modo “silente” ingannando il povero malcapitato e l’antivirus :)
        Quindi bisogna formattttaaaaarreeeeeeeee. E’ fondamentale.
        E poi la cosa è logica , se si è stati infettati vuol dire che l’antivirus non ha funzionato :)

        Posted by Mouse On Mars | 31 March 2012, 15:36
  11. Pino forse lo conosci già ma te lo dedico volentieri visto il tema del post.

    Posted by marcelloululilupoulula | 27 March 2012, 17:22
  12. ciao riprendendo il discorso internet e media in realtà gli hacker intervengono clonando anche gli sportelli dei bankomat …è cosa nota sono specializzati apposta Ma talvolta purtroppo la cosa che sconvolge è quando queste azioni non sono vere Cioè il mondo internauta è una piattaforma di sfogo per tutti i nostri settori e momenti della vita dando anche spazio ai folli e delinquenti nel vero senso della parola che per questo motivo difficilmente distingui. Infine c’è chi ha profili falsi , mogli che rispondono alla posta dei mariti per controllarli pedofili che si fingono ragazzi ma sopratutto megalomani alla ricerca del successo Su fb ognuno difende lo spazio della bacheca del proprio profilo in maniera assurda come bambini Questi spazi liste di amicizie community sono un ottimo sistema per controllarci e studiarci Ma in questo momento è passata l’imamgine di uno degli esponenti del movimento dei forconi col testa rotta dai poliziotti E’ proprio vero nonostante la mia povertà sono privilegiata a dopo vado a scrivere la sintesi dell’incontro della Beat Generation sono tornata da poco ciao grazie

    Posted by Rosaria | 27 March 2012, 20:00
  13. Infatti li ho chiamati bastardi. Grazie della solidarietà e anche degli aiuti.

    Posted by pinoscaccia | 27 March 2012, 23:31
  14. Comunque prima di internet la vita era sicuramente meno stressante: fa male… tutto questo straparlare su una macchina!
    il rilassamento per me è spegnere il cervello, e ‘sentire’ di più.

    Posted by sissi | 28 March 2012, 08:40
  15. Caro Pino ho seguito il tuo problema e, anche se ci ho scherzato sopra per sdrammatizzare, capisco in pieno l’incazzatura.
    Purtroppo come ben sai la rete è un colabrodo, così come lo i nostri amati/odiati pc.
    Non ci sono difese sicure contro questi idioti !!! :(
    Mi permetto di dare qualche piccolo consiglio per il futuro.

    1) non lasciare MAI il computer acceso senza la vostra presenza poichè attraverso l’indirizzo ip si può facilmente entrarne in possesso a distanza e o formattarlo o entrare in possesso di dati sensibili.
    2) proteggete la connessione WIFI con una password lunga e difficile da estrapolare.
    3) utilizzate se possibile, software che monitorizzano le eventuali intrusioni perchè a volte gli antivirus sono facilmente aggirabili.
    4) OCCHIO alle mail perchè sono ancora il veicolo più usato dagli hacker per spararvi dentro il pc qualsiasi cosa.
    5) In rete purtroppo non ci si può fidare di nessuno quindi non date MAI ( neanche ad amici) dati che possano agevolare la vita a chi si diverte così.
    6) Cestinate immediatamente le MAIL SPAM, anche quelle che vengono da indirizzi noti. Sono usate per raccogliere informazioni di ogni tipo.
    7) Pulite giornalmente con CCLEANER (gratis) il vostro terminale.

    un caro saluto a tutti
    marcello

    Posted by marcelloululilupoulula | 28 March 2012, 11:44
    • Beh, a questo punto, se ci mettiamo a dar consigli, ne avrei uno anch’io:
      http://www.ubuntu.it/
      ;)

      Posted by Marco Alici | 28 March 2012, 21:24
    • Ottimo :)
      Seguendo questi semplici consigli si riduce al 90% il rischio di una infezione. Il veicolo principale rimangono le mail. Aprire un messaggio di posta di uno sconosciuto ( in particolar modo lo spam — mai aprire gli spam anche solo per curiosità –) è come aprire la porta ad un possibile criminale.

      Posted by Mouse On Mars | 31 March 2012, 16:05
      • Ma và! Francè ma ormai neppure i principianti lo fanno, sono talmente evidenti le email sporche. Gli hacker veri non usano certo quei sistemi ormai patrimonio di qualche deficiente che chiede con i soliti ridicoli stratagemmi il numero della carta di credito o del conto corrente bancario con la scusa di farti vincere un sacco di soldi… Non mi pare che qui ci siano allocchi.

        Posted by pinoscaccia | 31 March 2012, 19:42
  16. Pino, qualche tempo fa accadde qualcosa di analogo ad un mio amico. Sul sito della guardia di finanza trovammo tutte le indicazioni per risolvere il problema.
    Vedi se è lo stesso virus.
    Anche quello era un ricatto, 100 euro per il disturbo.

    Posted by jeneregretterien (Claudia) | 28 March 2012, 14:23
  17. Mai provato panico prima? Non ti sembrano già vecchie quelle che oggi chiamano ‘ultim’ora’?
    Sembra sempre di averle già lette.

    Posted by vincenza63 | 28 March 2012, 17:34
  18. Pino, vedi se ti può essere utile. Qui ci sono i link al sito della GdF
    http://jeneregretterien-bis.blogspot.it/2012/01/volte-ritornano.html

    Posted by jeneregretterien (Claudia) | 28 March 2012, 18:11
  19. [OT Twitter] “Fiorello Lost in Internet”…

    Valerio Staffelli: “A proposito di Fiorello, quando avrà voglia tornerà, la libertà ragazzi… La libertà.”

    Posted by giorgiusgam | 30 March 2012, 14:10
  20. Confermo quanto scritto da Marcello, e consiglio AdAware della Lavasoft.. E’ ottimo. :3

    Posted by apheniti | 30 March 2012, 18:21
  21. @ Pino
    Ti consiglio di cambiare tutte le password ( mail , wordpress , carte di credito , tutto insomma ) E soprattutto attento ai codici delle carte di credito. Spero che tu non abbia inserito in qualche form il codice di carte di credito o bancomat. Ma non credo.

    Comunque per ripristinare tutto senza che rimanga attivo il virus devi formattare l’ hard-disk reinstallando nuovamente il sistema operativo.
    Cosa banale ma nesessaria.

    Un attacco di questo tipo ( veramente pesante ) generalmente apre una backdoor e se non formatti, quello che ti ha infettato potrebbe riavere il pieno controllo del tuo pc. E quando dico pieno controllo intendo dire che da remoto può fare tutto quello che fai tu quando sei seduto d’avanti al tuo pc.
    Può sembrare esagerato , ma meglio prevenire che curare.
    In fondo si tratta solo di reinstallare tutto. Ma se non sei capace non fare da solo.

    Posted by Mouse On Mars | 31 March 2012, 15:19
  22. @ Tutti

    Gli antivirus non servono in questi casi. Lo ripeto ma è necessario. Gli hacker si basano proprio sul fatto che l’utente pensa di aver risolto il problema solo perchè l’antivirus non rivela l’infezione. Provate a chiedervi come mai , solo in Europa, ci sono 12 milioni di pc infetti senza che gli utenti se ne rendano conto.

    Mentre voi scrivete sul blog magari un pedofilo usa il vostro pc per andare sui siti porno senza che voi vi rendiate conte di niente. Funziona così.

    Posted by Mouse On Mars | 31 March 2012, 15:44
    • Sono d’accordo sul fatto che gli se gli antivirus non riconoscono l’infezione non vuol dire che il virus non ci sia.
      Però non è detto che sia sempre necessario reinstallare il sistema. Se in qualche modo è noto il meccanismo di azione del virus si può percorrere – spesso con successo – la strada della rimozione manuale. Ma è materia da utenti esperti o da assistenza.

      La reinstallazione del sistema butta via il bambino con l’acqua sporca: a chi piace dover reinstallare tutti i programmi, programmini, utilities, impostazioni e personalizzazioni che negli anni hanno ritagliato il PC a nostra immagine e somiglianza? È come dover cambiare casa. ;)

      Se vogliamo trovare del positivo, queste esperienze insegnano l’importanza di fare back-up sistematici, meglio se immagini dell’intero disco. Una gran mole di dati da archiviare, ma che permette di ripristinare l’intero sistema ad uno stato precedente (si suppone “sano”).

      Posted by Marco Alici | 31 March 2012, 16:04
      • @ Marco

        Si ma l’utente medio di un pc non sa accedere al registro di sistema e compiere tutte le altre operazioni necessarie per eliminare manualmente il virus. Oltretutto se non lo sai fare con una certa dimestichezza rischi comunque di compromettere il sistema operativo. Quindi , se non si ha la possibilità di avere l’aiuto di una persona che lo sa fare l’unica soluzione sicura è la formattazione. E poi ti posso assicurare che ci sono dei trojan che li cancelli solo se formatti completamente l’hd. E lasciamo perdere se poi i files infetti si siano “replicati” su chaivette usb , hd esterni ecc….

        E poi come dici tu , l’immagine dell’HD è fondamentale. Al minimo dubbio in 10 – 20 minuti massimo reinstalli l’immagine ed il pc torna “come nuovo”. :)

        Posted by Mouse On Mars | 31 March 2012, 16:23
        • Infatti io ho precisato che “è materia da utenti esperti o da assistenza” e che “si PUÒ percorrere – SPESSO con successo – la strada della rimozione manuale”. A detta della letteratura informatica relativa a questo virus, sembrerebbe essere questo il caso. In tutti gli altri casi, ovviamente non c’è alternativa.

          Infine ho qualche dubbio che l’utente “medio” abbia mai installato un sistema operativo Windows (che è sempre tacitamente fornito preinstallato, salvo espressa richiesta) e che sappia farlo, anche perché spesso e volentieri non ha nemmeno il CD di installazione.

          Posted by Marco Alici | 31 March 2012, 16:35
  23. Noooooooo…….. ma com’è possibile che basta scrivere su un blog…perchè qualcuno si impossessi del tuo pc????
    e.un pc “morto”, perchè mezzo rotto, e che quindi rimane sempre spento…pure spento è a rischio che qualcuno se ne impossessa? oppure da spento…non è utilizzabile neanche per gli altri? no perchè quasi quasi stacco tutto, internet tutto sommato riconfermo: lo odio.
    E poi come si fa a non accorgersene mai? E allora perchè Pino se n’è accorto? insomma uno dovrebbe portarlo in continuazione a controllare-formattare… e se neanche quelli esperti degli antivirus, quando..”riprogrammano” insomma, se ne accorgono che in realtà è infetto?

    Posted by sissi | 31 March 2012, 16:29
  24. @ Sissi
    Ciao Sissi.
    hahaha adesso non ti spaventare. Basta che non apri mail strane e che quando vedi siti sospetti te ne allontani rapidamente. Pino è stato infettato perchè ha aperto qualche mail che non avrebbe dovuto aprire. Un’altra causa potrebbe essere il fatto che ha molti siti attivi con tanti contatti. Tra l’altro wordpress stesso è una fonte da cui gli hacker attingono informazioni perchè è facilmente hackerabile. Comunque senza scendere nei dettagli non ti preoccupare.

    Posted by Mouse On Mars | 31 March 2012, 16:42
  25. Ciao Francesco, grazie… ma tanto andrò a farlo controllare allora, (che non ci sto mai appresso a queste cose…e invece bisogna farlo) e gli faccio tutte le domande. (basta che lo sanno pure loro! grazie).

    Posted by sissi | 31 March 2012, 16:55
  26. io finora con il macbook non ne ho mai beccato uno. Altra storia con il notebook con windows che spesso ho dovuto formattare (ed è una vera impresa)

    Posted by jeneregrette | 31 March 2012, 17:16

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s

Anno 18

[dal 18 ottobre 2001]
Visite totali circa 7 milioni

Categories

Archives

L’ultimo libro

Hitler e Mussolini tra passioni e potere: i tranelli della storia rivisti da un reporter di guerra e da una professoressa di lettere.

Le verità e le bugie intorno ai due dittatori che hanno segnato le sorti del secolo breve. Da una parte il führer, con sangue ebraico e forse origini berbere. Dall’altra il campione della famiglia italiana, il duce, che si innamorò di Claretta Petacci, forse una probabile spia degli inglesi. Poi la fine, ancora avvolta da misteri. Hitler e Mussolini, uniti dall’odio, dall’illusione di una conquista universale, da una fine tragica e da due amori maledetti. Sicuramente feroci, ma con infinite debolezze, spietati, ma fragilissimi.

%d bloggers like this: