you're reading...
tribù

Verona bella e impossibile

Torno per la terza volta a Verona nel giro di un paio di mesi. Il motivo stavolta non è editoriale, ma legato alla didattica. Ne sono felice, fin da ragazzo sono stato legato per motivi familiari a questa città sicuramente magica. Paolo Poli dice che Verona era un pò “l’autogrill degli antichi romani”, ma il motivo non è questo. Città difficile, chiusa, estremista, talvolta violenta per alcuni, io la sento invece come la culla dei sogni. Basta prendere la storia di Giulietta e Romeo che l’ha resa famosa in tutto il mondo. Sappiamo tutti che è una storia inventata, ma è troppo bella per non crederci. Io stesso non posso fare a meno di entrare ogni volta nel cortile di Giulietta ed è una fatica perchè c’è sempre la folla e tutti a farsi fotografare con una mano sulla tetta destra che ormai è consumata. Non è mai esistita, ma è proprio questa coscienza a farcela amare perchè possiamo inventare una donna come la desideriamo. “Non c’è mondo al di là delle mura di Verona, c’è solo purgatorio, tortura, l’inferno stesso”. Se  Shakespeare ha scritto il giusto, per un paio di giorni avrò il privilegio di stare in paradiso. 

About pinoscaccia

già redattore capo Rai inviato speciale Tg1

Discussion

17 thoughts on “Verona bella e impossibile

  1. “Che significa Montecchi? Nulla: non una mano, non un piede, non un braccio, non la faccia, né un’altra parte qualunque del corpo di un uomo. Che cosa c’è in un nome? Ciò che noi chiamiamo con il nome rosa, anche se lo chiamassimo con un altro nome, serberebbe pur sempre lo stesso dolce profumo”. William Shakespeare
    “Romeo e Giulietta” . BUON VIAGGIO GABBIANO

    Posted by minurevival | 19 March 2012, 13:59
  2. Buon viaggio…
    …e buon onomastico “papi” ;-)

    Posted by sissi | 19 March 2012, 16:35
  3. Per un lungo periodo ho frequentato il Veneto e quindi anche Verona ! Una tappa sempre al famoso balcone e il cortile sempre pieno di turisti! Lucio

    Posted by luciogialloreti | 19 March 2012, 18:39
  4. Chi non è mai nato… vive per sempre nella mente di chi ama.

    Posted by ceglieterrestre | 19 March 2012, 20:27
  5. un luogo magico l’arena con l’Aida , i lumini accesi un sogno indimenticabile

    Posted by lorena | 20 March 2012, 18:04
  6. Pensa, ho viaggiato con Katia Ricciarelli.
    Ma stavolta Verona non l’ho vista, sono stato sempre a Villafranca, all’aeroporto militare.

    Posted by pinoscaccia | 20 March 2012, 21:39
  7. Verona è davvero un piccolo gioiello architettonico e ricco di atmosfera, grazie ai luoghi che hanno contribuito a renderla magica nel corso dei secoli. L’ultima volta che ci sono stata ho assaporato la gioia di un caffé viennese in un bar del centro. Piaceri che si trasformano in ricordi, senza perderne la dolcezza.

    Posted by barbara brunati | 20 March 2012, 22:41
  8. pensa che qualche giorno fa in un programma della tv qui, giapponese quindi, dicevano che c’è una associazione o non so cosa, che risponde alle lettere che da tutto il mondo la gente scrive a giulietta. in tutte le lingue!! ogni volta che arriva una lettera in una lingua sconosciuta la fanno tradurre e poi fanno tradurre anche la risposta. sono lettere che raccontano problemi d’amore, alcune anche molto tragiche… e loro rispondono seriamente, lettera per lettera!

    Posted by alice | 21 March 2012, 13:29
    • Sì, Alice è il Club di Giulietta. Hanno istituito anche un premio per le migliori lettere d’amore: anni fa ho avuto il privilegio di farne parte.
      Insomma, è come se Giulietta esistesse davvero.

      Posted by pinoscaccia | 21 March 2012, 13:34
      • io questa cosa la trovo tenerissima!!!

        Posted by alice | 21 March 2012, 13:44
        • Questa è una prova…principalmente.
          ma mi è venuto in mente che invece mi sa che sono proprio poco sentimentale io! :-(
          tutti con queste lettere d’amore… e il mito di giulietta… e invece l’insegnante a me diceva esasperata: senti….sentila con il cuore…sentila con la mente…. sentila con la f…. ma per favore fammi giulietta!!!! ;-) mah. oh romeo, romeo… niente sfido chiunque ad essere credibile a meno di non avere 14 anni. Preferisco di gran lunga ruoli più passionali!
          Comunque Verona ha un fascino… da piccola mi ero fissata che volevo andare a vivere là, ma i miei non mi ci hanno mandato.

          Posted by sissi | 21 March 2012, 17:53
  9. [OT Terremoti] “C’è chi dice No” – Storie Assurde dalla Rete: “22 Marzo 2012”, il giorno “sfigato” dei Catastrofisti…

    MORE: http://bit.ly/GCRN95

    Posted by giorgiusgam | 21 March 2012, 14:22
  10. … I soliti catastrofisti Youtuber’s avranno pensato ieri sera di aver sbagliato la data di almeno 2gg. prima (sisma messicano 7.4)…

    Posted by giorgiusgam | 21 March 2012, 14:35
  11. L’ha ribloggato su carlenrico.

    Posted by carlenrico | 19 December 2013, 11:26

Trackbacks/Pingbacks

  1. Pingback: Viaggi « BlogFriends - 19 March 2012

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s

Anno 18

[dal 18 ottobre 2001]
Visite totali circa 7 milioni

Categories

Archives

L’ultimo libro

Hitler e Mussolini tra passioni e potere: i tranelli della storia rivisti da un reporter di guerra e da una professoressa di lettere.

Le verità e le bugie intorno ai due dittatori che hanno segnato le sorti del secolo breve. Da una parte il führer, con sangue ebraico e forse origini berbere. Dall’altra il campione della famiglia italiana, il duce, che si innamorò di Claretta Petacci, forse una probabile spia degli inglesi. Poi la fine, ancora avvolta da misteri. Hitler e Mussolini, uniti dall’odio, dall’illusione di una conquista universale, da una fine tragica e da due amori maledetti. Sicuramente feroci, ma con infinite debolezze, spietati, ma fragilissimi.

%d bloggers like this: