you're reading...
reporter

Conflitti: un concorso per free lance

Al via il primo Festival Internazionale del Giornalismo e dell’Audiovisivo della Città di Cassino. A curare l’organizzazione l’Assessorato alla Cultura del comune di Cassino, con la direzione affidata al prof. Giovanni Curtis, e in partnership con Rai News24, Zai.Net, Youth Press Italia e l’Associazione Giornalisti Scuola di Perugia. Tema dell’evento, in programma dal 13 al 15 aprile, i “Conflitti” tout court, da quelli generazionali alle guerre tra Stati, dal quotidiano al planetario. Una tre giorni all’insegna di incontri, proiezioni, dibattiti con alcuni dei protagonisti più prestigiosi della comunicazione e non solo. Ad arricchire il Festival, fin dall’edizione d’esordio, un concorso (“La voglia di raccontare”) riservato agli studenti delle scuole medie e superiori, e il Premio Freelance, un riconoscimento non solamente simbolico per una categoria di giornalisti, operatori e fotoreporter, per stessa definizione priva di qualunque garanzia professionale. A chiudere gli appuntamenti che si svilupperanno nel corso del fine settimana, il convegno “Embedded – Inviati di guerra: liberi o sicuri di raccontare?” moderato da Pino Scaccia, già inviato speciale del Tg1 e presidente della giuria che visionerà i lavori ammessi al Premio. Il Festival si pone così l’obiettivo di offrire alla città di Cassino, protagonista dell’evento, ancor maggiore prestigio culturale in occasione della ricorrenza di uno dei più cruenti conflitti della Seconda Guerra Mondiale. Per quanto concerne i concorsi (per studenti, film-maker e freelance), tutte le informazioni sono reperibili sul sito www.conflitti.eu o attraverso un’email da inviare a concorsi@conflitti.eu. I lavori possono essere inviati entro e non oltre il 31 marzo 2012.

About pinoscaccia

già redattore capo Rai inviato speciale Tg1

Discussion

7 thoughts on “Conflitti: un concorso per free lance

  1. Una splendida iniziativa.. in bocca al lupo ai partecipanti, sarà sicuramente una bella esperienza e anche molto interessante.

    Posted by Patrizia M. | 14 March 2012, 14:45
  2. “Confritti” Me dispice Gabbia’che nun ciò l’anni, sinnò ce partecipavo. Vabbè sarà pe ‘n’ antra vòrta. Pe furtuna che ce so sti concorzi, armeno ‘gni tanto damo ‘na spinta a la curtura. Porta li complìmenti a tutti li partecipanti. ciao ;)

    Posted by ceglieterrestre | 14 March 2012, 15:02
  3. [OT] Con tutti i problemi economici “reali” che abbiamo nel Mondo, mancava l’ennesima vecchia bufala (girovagante in rete) delle 3 famose “sòle” astronavi, in lenta rotta verso la Terra… http://bit.ly/zurIlO

    …Nostalgia da Capitan Harlock o Movie in tema entro nel 2012?

    Posted by giorgiusgam | 14 March 2012, 21:10
  4. peccato non sia riuscita a prendere nemmeno il tesserino da pubblicista…avrei partecipato volentieri.

    Posted by barbara brunati | 14 March 2012, 21:13
  5. vero…è un lavoro per cui non è necessario “il pezzo di carta”, ma il talento ;-)

    Posted by sissi | 15 March 2012, 13:54

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s

Anno 18

[dal 18 ottobre 2001]
Visite totali circa 7 milioni

Categories

Archives

L’ultimo libro

Hitler e Mussolini tra passioni e potere: i tranelli della storia rivisti da un reporter di guerra e da una professoressa di lettere.

Le verità e le bugie intorno ai due dittatori che hanno segnato le sorti del secolo breve. Da una parte il führer, con sangue ebraico e forse origini berbere. Dall’altra il campione della famiglia italiana, il duce, che si innamorò di Claretta Petacci, forse una probabile spia degli inglesi. Poi la fine, ancora avvolta da misteri. Hitler e Mussolini, uniti dall’odio, dall’illusione di una conquista universale, da una fine tragica e da due amori maledetti. Sicuramente feroci, ma con infinite debolezze, spietati, ma fragilissimi.

%d bloggers like this: