you're reading...
persone

Quanti pettegolezzi

Non capisco perchè da quando è morto c’è la corsa a violare l’intimità di Lucio Dalla. Grande artista e persona riservatissima ora tutti si affannano a discutere sulla sua sessualità (che da vivo ha sempre tenacemente protetto) e come se non bastasse anche sulle sue origini. Si fanno ipotesi sul suo padre biologico come se fosse poi così importante. Frutto di un amore proibito? Affari suoi: lo erano prima e lo sono soprattutto adesso che non c’è più. Di lui ci resta quel “4 marzo 1943” che è un omaggio alla sua nascita e un inno alla vita. Il resto non conta. Mi torna alla mente quell’appunto di Cesare Pavese lasciato sul comodino prima di suicidarsi: “Mi raccomando, non fate pettegolezzi”.

About pinoscaccia

già redattore capo Rai inviato speciale Tg1

Discussion

34 thoughts on “Quanti pettegolezzi

  1. Tipicamente italiano…Non si parla mai di cose utili all´informazione ma di gossip “spietato “poiché incolla al televisore milioni d´italiani …Personalmente abolirei trasmissioni come Vita in diretta settimanali “Chi” e quant´altro…

    Posted by leonardo | 12 March 2012, 13:38
  2. Dalla era davvero un grande, uno che non si è mai venduto (molti artisti hanno strizzato l’occhio all’industria) e che qualsiasi cosa facesse gli veniva bene.
    Ma è possibile che si debba infangare la memoria di un grande cantante-poeta con simili stronzate?
    Se era omosessuale erano fatti suoi, non l’ha mai sbandierato, non si è mai fatto fotografare mano nella mano con un suo compagno, viveva la sua vita come cavolo
    gli pareva senza dar noia a nessuno.

    Posted by minù | 12 March 2012, 13:45
  3. U curtigghiu.

    Cumpari i viri
    a ddi dui,
    mizzica ‘nca
    avemu a stari
    a cura
    picchi,
    tri passi facemu
    e nu libbru
    iddi scrivunu,
    sti curtigghiari
    nun annu nenti
    a chi fari.

    Traduco per quei pochi che non hanno capito :-)

    Il pettegolezzo

    Compare li vedi
    quei due,
    mizzica ( cavolo ? ) adesso
    dobbiamo stare
    attenti
    perchè,
    tre passi facciamo
    e un libro
    loro scrivono,
    questi pettegoi
    non hanno niente
    da fare.

    Posted by franca | 12 March 2012, 13:59
    • hai ragione , ci nutriamo di pettegolezzi purtroppo , io amo il poeta che c’è in Dalla il resto sono chiacchere e nulla piu’

      Posted by lorena | 12 March 2012, 14:20
    • Do ut des, oppure: domanda e offerta.
      Si fanno pettegolezzi perché qualcuno li ascolta.
      Quando caleranno numero di copie e share sul “curtigghiu” (cortile), allora non se ne farà più.
      Intanto…

      Posted by Walter | 12 March 2012, 14:40
  4. Come scriveva Pavese… “Mi raccomando, non fate pettegolezzi”. E come cantava Ivan Graziani “Maledette malelingue”.
    A sti fregnac-ciari, prima de parla’ ‘na sciacquàttina drénto er gargaròzzo co l’acido, mica je farebbe male.
    A Lu’, nun te preoccupa’, chi sputa pe l’aria, prima oppoi je ricade addosso.
    Seppoi… chiedi a Gesu-cristo ‘na trasferta e torna’ a canta’ pe noantri.

    Posted by ceglieterrestre | 12 March 2012, 14:34
  5. perché, questi idioti, non hanno fatto una puntata su qualche rotocalco televisivo o cartaceo, quando era vivo ? perché nessuno ha mai provato a chiedergli nulla in VITA ?…rispondo io: forse perché avevano paura di essere mandati a fanc…..

    Posted by marcello | 12 March 2012, 14:44
  6. Di gente pettegola ne trovi a grappoli. e mica solo su Dalla…
    Grande Pavese. e grande un certo Ivan Graziani

    Posted by madamepina | 12 March 2012, 15:01
  7. Per citare un altro dell’ambiente: “Francamente, me ne infischio”. ;)

    Una volta posato il polverone, di lui resterà finalmente “solo” la sua opera artistica. Per adesso ci basta cambiare canale.

    Posted by Marco Alici | 12 March 2012, 15:03
  8. Claudio Lolli
    Borghesia

    Posted by sguardirodigi | 12 March 2012, 15:27
  9. Bravo Claudio Lolli ;)

    Posted by madamepina | 12 March 2012, 15:53
  10. Pettegolezzi, appunto,solo” pettegolezzi “…
    ..e cosa sono i pettegolezzi’?
    I0, senza scomodare il dizionario di lingua italiana, li definisco solo sterili e stupide chiacchiere di “galline”….
    –a quanto pare i pollai sono sempre numerosi…

    ( ma non hanno altri interessi più onorevoli, a cui dedicarsi ?)

    Posted by RENZA MARTINI | 12 March 2012, 16:55
  11. Reblogged this on i cittadini prima di tutto.

    Posted by icittadiniprimaditutto | 12 March 2012, 17:39
  12. C’è tutto, caro Pino , in quel “4 marzo 1943”!! Sacrileghe direi tutte queste insulse discussioni dopo la sua morte!

    Posted by luciogialloreti | 12 March 2012, 18:20
  13. Perché moltissima gente ama i pettegolezzi, senza quelli si sentirebbe male e perché c’è anche chi deve sempre sporcare tutto a tutti i costi….

    Posted by Patrizia M | 12 March 2012, 21:12
    • Già………… in competizione col mondo intero, hanno la fissa di “tirare giù” l’altro.

      ..allora gli dedico questa ;-)

      (P.s. rispondo qua a Lorena: tranquilla! mica volevo farti un ‘appunto’, assolutamente, non ti preoccupare!)

      Posted by sissi | 12 March 2012, 21:20
  14. Ehi Sissi ;)

    Posted by madamepina | 12 March 2012, 21:47
  15. ehi Pina! :-)
    no, sto bene eh…. ;-)

    però nostalgicamente con vecchie canzoni, ora le metto di là, dedicate a noi…e ai politicanti! ora le metto, le senti?…

    Posted by sissi | 12 March 2012, 21:57
  16. certo !! di là dove?

    Posted by madamepina | 12 March 2012, 22:20
  17. ..sotto “Parole 2”!

    Posted by sissi | 12 March 2012, 22:26
  18. visto e ascoltato cherie ;)

    Posted by madamepina | 12 March 2012, 22:28
  19. ;)))

    Posted by sissi | 12 March 2012, 22:37
  20. Buonanotte…a tutti

    Posted by sissi | 12 March 2012, 23:20
  21. ..vs maestà, monsieur…vs. maestà
    :-P
    !

    Posted by sissi | 12 March 2012, 23:29
  22. Ciè servita ‘na serata, pe leva li virus dar picci. Pe furtuna ce so li folletti der macchione a risorve pemme. Speramo che co sti du taja-calli, nun me vengono a distrugge pèggio quelo che scrivo. Mo, drénto sto schermo me ce trovo bene co voiantri.
    Aho! speramo che oggi tira er vento bbono, armeno lavoramo ‘n santa pace. Me riccomammo Gabbia’ puro se nun è corpa tua, acchiappa ner celo quarche bona notizzia grazzie.
    Amichi… ve vojo bbene, ve saluto a presto ;)

    Posted by ceglieterrestre | 13 March 2012, 08:57
  23. OT
    Sono più di 8.000 le persone che sono state uccise in Siria da quando, circa un anno fa, esplose la rivolta contro il regime di Bashar al Assad: lo ha dichiarato il presidente dell’Assemblea generale dell’Onu, Nassir Abdulaziz al-Nasser. Secondo Al-Nasser, citato dai siti di Bbc e Cnn, fra le vittime ci sono molti donne e bambini. La Repubblica
    domanda banale:
    …chi c’è dietro questo sterminio ? e perchè nessuno interviene ?

    Posted by marcello | 13 March 2012, 10:44
  24. http://ceglieterrestre.wordpress.com/2012/03/13/maledette-malelingue/
    vabbé puro se prima era ‘n commento mo è ‘n poste!

    Posted by ceglieterrestre | 13 March 2012, 15:05
  25. Me dispiace gabbia’ nun avevo lello il commento di sopra :(

    Posted by ceglieterrestre | 13 March 2012, 15:06
  26. Forse ne approfittano ora perché l’oggetto del gossip non può più ribattere. Purtroppo le parole di Pavese restano ancora oggi inascoltate.Peccato.

    Posted by barbara brunati | 13 March 2012, 23:18

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s

Anno 19

[dal 18 ottobre 2001]

“Quando si è scoperto che l’informazione era un Affare, la verità ha smesso di essere importante.” (Ryszard Kapuscinski)

L’ultimo libro

TRADITORI: l’incredibile intreccio tra i Kennedy, Marilyn Monroe, Jackie Onassis e Maria Callas. Più la sconvolgente storia di Lady D.

Amori Maledetti

Hitler e Mussolini tra passioni e potere: i tranelli della storia rivisti da un reporter di guerra e da una professoressa di lettere.

Archives

%d bloggers like this: