you're reading...
acid camera

Parole

1. Carlà Sarkozy: “Siamo gente modesta”. 2. Ann Romney: “Non mi sento affatto ricca” (patrimonio dichiarato 250 milioni di dollari). 3. Mara Carfagna all’ennesima battuta della Costamagna sui rapporti dell’ex ministro con Berlusconi: “Anche su di lei sono circolati molti pettegolezzi per la sua rapida carriera televisiva grazie a Santoro, ma io sempre creduto ai suoi meriti, mai alla sua avvenenza”.

Giorgio Faletti per difendersi dalle critiche si paragona a Totò, Scott, Dumas e Mark Twain (e cita pure Giovanni Paolo II). Non è che si sta allargando un pò troppo?

About pinoscaccia

già redattore capo Rai inviato speciale Tg1

Discussion

29 thoughts on “Parole

  1. parole… parole… parole…
    occasioni perse per un bel silenzio dorato

    Posted by senza filtro | 10 March 2012, 18:51
  2. Un bel tacer non fu mai scritto.

    Posted by pinoscaccia | 10 March 2012, 18:56
  3. a volte le donne, quando parlano, lo fanno un pò troppo!

    Posted by gianluca | 10 March 2012, 19:32
  4. 1.strano che non si sia riferita a se stessa come ad un esempio di virtù,oltre che di modestia -2.forse si sente “povera di spirito”- 3 beh,indubbiamente ha saputo rispondere con diplomazia. Faletti: gli ci vorrebbe un flop per rinsavire.

    Posted by Barbara Brunati | 10 March 2012, 20:01
  5. Riesco a rispondere solo alle battute intelligenti…
    Je suis desolè

    Posted by sissi | 10 March 2012, 20:36
  6. MISSION IMPOSSIBLE

    Posted by rosaria71 | 10 March 2012, 20:38
  7. Per le tre bambole di porcellana messe sul podio in ordine sparso, viene da dire:
    1) Si lima le unghie con le corde della chitarra. Ma per fortuna, si occupa all’Eliseo di questo modesto problema istituzionale. – “Si, semo gente modesta. Basta ‘n par de scarpe nove e poi girà tutto er monno.”
    2) Ovvio che non si sente affatto ricca se, la ricchezza la considera non come valore aggiunto, ma al pari di un asino che vola. Ricorda tanto quel tipo che diceva: -“Io non ho mai provato urrà!”
    3) Cosa crede Signora ex Ministro, di essere stata eletta per i suoi meriti intellettuali?

    Per Faletti un discorso a parte, lui almeno, bene o male ha scritto e fatto diverse cose piacevoli, ma anche no.
    Caro signor Faletti, quando a scuola mi sono beccato un bel 4 in compito di matematica in epoche remote, non ho detto: – “è successo pure ad Einstein”. Perché tanto il 4 mi resta, ma ho cercato di capire gli errori e rimediare. Faccia lo stesso, la sua poliedricità glielo consente.

    Vero, un bel tacer non fu mai scritto.

    Posted by Walter | 10 March 2012, 22:21
  8. d’accordo su tutto meno che sulle due signore in tv: stavolta la carfagna ha dato una lezione di stile alla tanto celebrata costamagna figlia putativa del profeta

    Posted by roberto altavilla | 10 March 2012, 22:29
  9. Si è difesa bene l’ ex Ministro, ma entrambe le carriere, più fulminanti che illuminanti , dicono tutto.

    Posted by Walter | 10 March 2012, 23:03
  10. appunto due ipocrite: piu ipocrita quella che attacca, convinta che lei e’ brava bravissima ultrabrava, molto efficace a difendersi l’altra, non a parolacce ma con l’ironia

    Posted by roberto altavilla | 10 March 2012, 23:12
    • Insomma, la felicità di Roberto D’ Agostino. ;-)

      Posted by Walter | 10 March 2012, 23:20
    • Ma quella che “attacca”, che poi poneva semplicemente domande, è una giornalista qualificata; la monaca di monza è la tipica espressione di un finta ingenuità…chè a pensar male si fa peccato…
      (comunque non mi interessa: per me tutto ciò è davvero…robetta, come tutte le piccinerie).

      Posted by sissi | 10 March 2012, 23:28
      • ma pensa quanto e’ brava coraggiosa e originale l’intervistatrice: chiede alla carfagna dei rapporti con berlusconi
        ha fatto bene l’intervistata a rispondere sui rapporti con santoro

        Posted by roberto altavilla | 10 March 2012, 23:31
  11. infatti…

    Posted by roberto altavilla | 10 March 2012, 23:24
  12. siccome è tanto brava perchè la luisella mostra sempre le gambe? l’aiutano a fare domande più intelligenti?

    Posted by sergio managone | 10 March 2012, 23:33
  13. BELLA FAMIGLIA…

    Una donna poliziotto, in servizio davanti all’Eliseo, la residenza del presidente della Repubblica francese a Parigi, giovedì scorso, è stata colpita da biglie e raggiunta al volto da schizzi di pomodoro. L’agente ha protestato con i gendarmi di guardia all’ingresso del palazzo presidenziale, che, secondo la radio Rtl, avrebbero puntato il dito contro il figlio più piccolo di Nicolas Sarkozy, Louis, 15 anni, che in quel momento si trovava nell’edificio assieme a un amico. La donna, che non è rimasta ferita, ha redatto un rapporto, ma non ha presentato alcuna denuncia, sottolinea la radio. Venerdì, il capo dello Stato, ha incontrato la poliziotta per porgere le proprie scuse. Secondo la radio, «l’incidente» sarebbe dovuto rimanere confidenziale.

    Posted by roberto altavilla | 10 March 2012, 23:38
  14. Che poi, dovendola dire onestamente tutta, la Carfagna era il ministro che preferivo fra tutte, visto che in ogni caso, per quel che c’era….. davvero venendo dall’ambito dello spettacolo forse si è meno ingessati.
    (finalmente una legge sullo stalking…ad esempio, viene da lei mi sembra). Per correttezza.

    Posted by sissi | 11 March 2012, 00:01
  15. Forse la Costamagna, sulla scia di Santoro, è stata troppo incensata. E’ bella e sveglia ma non prendiamola come un fenomeno. Ho visto la trasmissione, si è posta in maniera veramente antipatica, con la puzzetta sotto il naso delle intellettuali e invece ha fatto una figuraccia. Una che si ritiene seria come fa a domandare “Ma Berlusconi allora non è bello?” Cos’è, una domanda provocatoria? Robetta, proprio robetta.

    Posted by maria | 11 March 2012, 00:14
  16. Certo…lo share, questo le ha insegnato il suo maestro. Fare casino per raccogliere attenzione. Le è andata male, ascolto bassissimo ma intanto tutti ne parlano

    Posted by maria | 11 March 2012, 00:18
    • Lo ammetto: sono per la Carfagna. Ho visto il video, si è difesa bene, la Costamagna l’ho trovata in questo caso sull’aggressivo e incalzante, oltre che non è mai bello infierire sui “vinti”. O forse è un’istintiva simpatia per la Carfagna, come ho detto sopra, che comunque istintivamente prevale…anche su certe qualità intellettuali ma che a volte non mi piacciono.
      (poi se dovessimo parlare di tutto il do-ut-des in base a cui ruota il mondo…si aprirebbe un discorso a parte)

      Posted by sissi | 11 March 2012, 12:24
  17. Reblogged this on i cittadini prima di tutto.

    Posted by icittadiniprimaditutto | 11 March 2012, 00:31
  18. Aho! dopo ‘na diménica de fatica’ mica so che devo scrive’. ‘N Abruzzo dicono che queste so “Vernecchie”.
    A Roma se dice so parole de fregnac-ciari.
    Vabbè… ma che ce frega de sti quadrinòsi. Rega famose le bèghe nostre ch’è mejo e ce guadàmbiamo ‘n indignità.

    Posted by ceglieterrestre | 11 March 2012, 20:10

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s

Anno 18

[dal 18 ottobre 2001]
Visite totali circa 7 milioni

Categories

Archives

L’ultimo libro

Hitler e Mussolini tra passioni e potere: i tranelli della storia rivisti da un reporter di guerra e da una professoressa di lettere.

Le verità e le bugie intorno ai due dittatori che hanno segnato le sorti del secolo breve. Da una parte il führer, con sangue ebraico e forse origini berbere. Dall’altra il campione della famiglia italiana, il duce, che si innamorò di Claretta Petacci, forse una probabile spia degli inglesi. Poi la fine, ancora avvolta da misteri. Hitler e Mussolini, uniti dall’odio, dall’illusione di una conquista universale, da una fine tragica e da due amori maledetti. Sicuramente feroci, ma con infinite debolezze, spietati, ma fragilissimi.

%d bloggers like this: