you're reading...
acid camera

Nigeria, un altro schiaffo all’Italia

La vicenda nigeriana non solo è dolorosa, soprattutto è avvilente. Quando ancora è in corso la questione dei marò, ecco un altro schiaffo internazionale all’Italia. Nessuna scusa potrà mai cancellare l’incredibile decisione inglese di avviare il blitz senza consultarsi preventivamente con il Paese di uno degli ostaggi. A parte il fallimento militare, in ballo c’è il rapporto con la Gran Bretagna. Da sempre gli inglesi, ancora ubriachi dell’antica gloria imperiale, sono convinti di avere il diritto di operare in maniera autonoma, figuriamoci in una vecchia colonia come la Nigeria. Non sentono nessuno se non gli Stati Uniti, anche perchè le loro idee coincidono specie in casi come questo. Gli anglo-americani non hanno mai negato di non accettare trattative con i rapitori, a differenza nostra che pur negando in effetti trattiamo. Questione di punti di vista: fossi un familiare dell’ingegner Franco Lamolinara sarei furioso contro questi rambo che continuano a collezionare sconfitte. E’ pure vero che non si capisce bene cosa ci stiano a fare i diecimila uomini dei servizi segreti italiani se sappiamo le cose sempre dopo: viene il sospetto che siano troppo impegnati negli intrallazzi interni per pensare a quello che è il loro lavoro. Inutile girarci intorno: a credibilità internazionale siamo ormai ridotti a zero e non aiuta certo il passaggio di un ambasciatore a ministro degli esteri. Non è con la diplomazia che ci si impone, ma con l’autorevolezza. Non vorrei insomma che l’idea sull’Italia sia sempre la stessa: splendido territorio, gente simpatica ma insomma capaci solo di pizze e mandolino. Non a caso il premier Cameron sceglie l’Italia per le vacanze. Ricordate quando si offese perchè non fu riconosciuto da una cameriera? Bene, stia tranquillo che d’ora in poi lo riconosceranno tutti. Ma non so quanto gli conviene. [Ancora nove ostaggi italiani]

About pinoscaccia

già redattore capo Rai inviato speciale Tg1

Discussion

59 thoughts on “Nigeria, un altro schiaffo all’Italia

  1. ma come cavolo si fa a cliccare su “mi piace”!?
    beh insomma: mi piace… questo post.
    Molto.

    (nel rispetto alla tragedia, ovviamente)

    Posted by sissi | 9 March 2012, 14:22
  2. un tempo scherzosamente ( ma è realtà !! ) si diceva :
    SI E’ SEMPRE TERRONI RISPETTO A QUALCUNO!! ma qui il problema è un altro e ben più grave!! non siamo considerati neanche più il SUD DEL MONDO…non siamo proprio considerati !! qualcuno riesce seriamente a capire perché ?
    cosa abbiamo fatto di male ? cosa nasconde questo comportamento nei nostri confronti. Se ogni tanto leggete i miei post, non sono certo un tipo che si piange addosso ed ho ben chiari tutti i limiti di noi italiani.Questo però non giustifica una tale disattenzione nei nostri confronti!! . Giorni addietro Pino disse che da Cermis in poi la situazione è peggiorata. mah!!
    Non è che qualcuno ci vuole ancora far pagare moralmente gli sbagli degli anni 40 ? o è banalmente il frutto degli ultimi anni politici ? …..non capisco proprio….

    Posted by marcello | 9 March 2012, 14:27
    • Gli anni 40 sono lontani…e poi allora il nazismo? Il bunga bunga è troppo recente, gli schiaffi arrivano da prima. Allora? Allora forse siamo troppo cazzari per essere presi sul serio. E adesso abbiamo tanti bravi ragionieri.

      Posted by pinoscaccia | 9 March 2012, 14:31
  3. si mi piace , gli inglesi credono ancora di essere un impero , e fanno disfano a loro piacimento, ma un sospetto mi assale , e se i servizi nostri segreti avessero saputo e taciuto?, non so, certo , gli inglesi gente strana .
    Vediamo come si muoverà il nostro governo per uscire da questo ed altri problemi

    Posted by lorena | 9 March 2012, 14:31
    • Con gli inglesi la questione è più complicata (e grande). Ma si è visto con gli indiani… abbiamo addirittura paura di urtarli (parole del nostro ministro degli esteri).

      Posted by pinoscaccia | 9 March 2012, 14:33
  4. Il fatto è che tutti hanno un nazionalismo esasperato, mentre noi siamo bravissimi a sputarci addosso. Ecco il risultato. Avete visto la stampa inglese? Tutta comunque schierata con il governo. Il nostro esercizio preferito invece è scannarci.

    Posted by pinoscaccia | 9 March 2012, 14:35
  5. Non credo ai nazionalismi, ma solo alla trasparenza di rapporti, la buonafede, e l’incontro tra culture.

    Posted by sissi | 9 March 2012, 14:39
  6. Cito : “In America hanno trasmesso un programma, i cui partecipanti sono italoamericani e il loro compito sarà quello di trascorrere un’estate tutti insieme e mostrare al pubblico com’è lo stile di vita italiano. Fin qui è ok, ma, da quando ho scoperto perché sono stati scelti loro, considero quel programma un pò offensvo. Sapete perchè sono stati scelti? Perchè sono “assolutamente truzzi, coatti, narcisi, abbronzati, bellocci e decisamente pop,”, gli uomini “pensano solo ai muscoli, gel sui capelli, magliette aderenti, tatuaggi d’ordinanza, abbronzatura da lampada” e le donne “seno finto, trucco pesante e parolaccia facile”, quindi sono tutti “Veri coatti, in buona sostanza, capaci solo di bere, litigare e urlare”.

    Ma il mondo intero ha davvero questa considerazione degli Italiani? cazzari e basta ?

    Posted by marcello | 9 March 2012, 14:41
  7. …ma no, la domanda è un’altra: si rendono conto che avevamo tutti altri trascorsi filosofici e artistici e culturali, e che la “plastica” è stata una LORO eredità??
    (sempre grazie per la Liberazione, per carità, ma insomma…pur sempre un’eredità italo-americana quella che rappresentano).

    Posted by sissi | 9 March 2012, 14:45
  8. Noi però, la sbornia della Gloria Imperiale colonialista l’ abbiamo assorbita.
    E’ anche da vedere se l’ Italia, a dire del Governo britannico è stata avvertita, e come.
    All’ estero come italiani, non si è più sicuri.

    Posted by Walter | 9 March 2012, 15:00
  9. L’ora è venuta di tentare tutte le rivoluzioni per liberare il popolo italiano da tutti i pesi morti e da tutti i ceppi (matrimonio e famiglia cattolica soffocatrice, pedantismo professorale, elettoralismo, mentalità pessimistica, provinciale, mediocrista e quietista).
    Filippo Tommaso Marinetti, Democrazia futurista, 1919

    Posted by marcello | 9 March 2012, 15:06
  10. ..che dire, Pino, condivido tutto il tuo pensiero.. tutto ciò è demoralizzante, mortificante , a prescindere dal fattore puramente politico-burocratico-diplomatico, e in primo luogo tragico, per le vittime …ma mi spieghi, con questo clima , come si fa a partire tranquilli per missioni , volontarie e non,(operatori umanitari vari, o giornalisti) nel dubbio costante che ti possa capitare altrettanto?
    Io personalmente non rinnego nè annullo i miei progetti in tal senso, ma , ti giuro, che ..ho paura….

    Posted by RENZA MARTINI | 9 March 2012, 15:13
  11. Analisi limpidissima, cristallina.
    Ci affianco una riflessione asciutta asciutta che potrebbe mettere in moto qualche collegamento e farci capire quanto siamo appiattiti su noi stessi da apparire innocui a chiunque là fuori: http://bit.ly/x2fAFH

    Posted by Marco Alici | 9 March 2012, 16:06
  12. A me la “perfida Albione”, come la definì Mussolini., non mi piace e non mi è MAI piaciuta Loro hanno fatto di tutto per condizionare la nostra politica, con la scusa di anti-comunismo solo per salvaguardare la loro politica petrolifera! e non solo ……….
    Da Matteotti a Moro: le prove della guerra segreta per il controllo del petrolio e dell’Italia” in un libro da leggere http://www.chiarelettere.it/libro/principio-attivo/il-golpe-inglese.php

    Posted by madamepina | 9 March 2012, 16:41
    • Anche questo c’è. Ma nello specifico non volevano condizionarci, non ci si sono filati di pezza.

      Posted by pinoscaccia | 9 March 2012, 17:18
      • Beh l’hai detto no? Si sentono superiori. Non guardano in faccia a nessuno. E poi si , dobbiamo noi rialzare la testa. Ma con chi ci ha rappresentato finora come potremmo!!!!!!!!!!

        e intanto ancora una volta
        blitz inglese, sangue italiano..

        Posted by madamepina | 9 March 2012, 17:40
  13. Certo queste sono cose che toccano nell’orgoglio anche il singolo cittadino. E a me, che mi vanto di essere italiano, mi viene da chiedermi se davvero siamo come gli altri ci valutano o se in qualche modo diamo fastidio proprio pechè non siamo come ci dipingono. E visto che a dispetto di tutto siamo un grande popolo, con una classe politica ….., forse sarebbe ora di smetterla di bearci nel pensare solo che siamo un popolo di santi, poeti e navigatori e cominciare a tirare fuori le palle.

    Posted by barbaincampagna | 9 March 2012, 17:41
  14. Ognuno nel proprio campo deve dimostrare che… gli italiani lo fanno meglio. Parlano sempre tutti male dei giornalisti, beh forse siamo l’unica categoria che all’estero sente lo spirito di gruppo, insomma l’orgoglio nazionale. E da italiani cerchiamo di fregare quelli di altri Paesi, specie anglo-americani (e francesi). Senza distinzioni di testata e… spesso riuscendoci. Sapete come? Con la passione, cioè con il cuore, materia in cui siamo sicuramente superiori.

    Posted by pinoscaccia | 9 March 2012, 17:50
    • Certo loro Anglosassoni, noi Latini.
      Ma la vostra categoria, Pino, ne convieni, che è avvantaggiata.
      Ma noi, noi tutti gli altri che agiscono con la passione e con il cuore come possono rendersi visibili. l’unico modo è quello di farsi rappresentare da coloro che fanno politica per passione e con il cuore. Ma ancora non ce ne è data la possibilità.

      Posted by madamepina | 9 March 2012, 18:09
      • Ci sono dei noi, la Comunità di Sant’egidio tanto per fare un caso, che ha fatto più politica estera dei governi italiani negli ultimi trent’anni

        Posted by barbaincampagna | 9 March 2012, 18:13
        • Ne convengo Barba. Ma lo Stato non si può fondare solo su associazioni, volontariato, opere umanitarie..
          E’ lo Stato in quanto tale che deve ottenere credibilità primo fra tutti dal suo popolo.

          Posted by madamepina | 9 March 2012, 18:22
  15. Oggi registriamo anche abbracci e baci a Putin ( ma in forma privata e sulla neve!! )…ma questa non è pure politica estera ?!! e se si, non è, per così dire, una forma tutta personale di portarla avanti a dispetto di tutto e di tutti ? e che conclusioni possono trarre i politici esteri di queste “affettuose” aperture ?
    mi pare che in Italia ci sia una sorta di “anarchia diplomatica” che non credo porti molto lontano. O No ?

    Posted by marcello | 9 March 2012, 18:23
  16. Quello che volevo dire, e poi chiudo per non rubare troppo spazio, è che non siamo proprio degli inetti. Abbiamo contribuito fattivamente, ad esempio, a far cessare una guerra civile come quella del Mozambico. Il problema è che non siamo capaci di venderci e allora tutti ci trattano come il ragazzo del bar che porta caffè e pasticcini nell’ufficio dove si prendono grandi decisioni.

    Posted by barbaincampagna | 9 March 2012, 18:26
  17. Non è questione di essere fissati. E’ che la questione è molto più antica e profonda. Troppo facile prendersela solo con l’ultimo rappresentante che a suo modo oltretutto cercava di fare qualcosa. Ha fatto un sacco di casini, ma almeno c’era sempre. Adesso mi pare che ci siano fantasmi: la prima mossa per i marò è arrivata un mese dopo, a patatrac consumato. Non basta saper far bene di conti per governare. Ma non vorrei ricominciare.

    Posted by pinoscaccia | 9 March 2012, 18:36
  18. …anche perché il mio discorso paradossalmente andava un pochino oltre un nome…anche se mi pare parecchio singolare che un politico italiano se ne vada autonomamente in giro per il mondo a festeggiare risultati elettorali di altri politici non particolarmente limpidi (trattasi forse di interessi personali velati da diplomazia politica ) che figura ci fa l’Italia intera?…ma concordo con Pino chiudiamola qui…

    Posted by marcello | 9 March 2012, 18:44
  19. Anche perchè si rischia di non andare mai oltre.

    Posted by pinoscaccia | 9 March 2012, 18:48
  20. Anche perchè, non vorrei deludere gli orgogli nazionali, ma quando mai abbiamo contato qualcosa.
    Mah, io mi chiedo invece se il contare sempre di meno, proprio per quei poteri ‘anglosassoni’….e proprio in un momento come questo, sia ‘un caso’…o se ci considerano già rottamati, al pari della stessa fine che sta per fare tutta l’Europa.

    Posted by sissi | 9 March 2012, 19:37
  21. So appena rientrata dal lavoro, leggo che avete scritto tutto. A me resta lasciarvi un caro saluto.

    Posted by ceglieterrestre | 9 March 2012, 19:51
  22. Ciao Ceglie… ;-)
    (io pure tornata adesso, beh hanno già scritto tutto…più comodo così!)

    Posted by sissi | 9 March 2012, 19:56
  23. pigrissime! ;)))

    Posted by pinoscaccia | 9 March 2012, 20:20
  24. Franco Lamolinara e Christopher McManus, gli ostaggi morti durante un blitz condotto giovedì pomeriggio in Nigeria da forze britanniche e nigeriane «non sono stati uccisi da fuoco incrociato» ma dagli stessi rapitori. Lo ha dichiarato uno dei portavoce di Downing Street durante un briefing con la stampa a Londra. «Il governo italiano non ha intrapreso nessuna protesta formale nei confronti di quello britannico :- ha proseguito il portavoce – sono stati contattati , nel momento in cui stava iniziando l’operazione ma la situazione si è poi evoluta con grande rapidità». E alla domanda se il primo ministro David Cameron si fosse davvero «scusato» con il presidente del Consiglio Mario Monti per le modalità con cui è stata condotta l’operazione, il portavoce ha risposto: «No».

    Posted by pinoscaccia | 9 March 2012, 20:24
  25. Ciao Sissi, me sa che er Gabbiano ‘gni tanto se scorda ‘ l’anni che ciò su le spalle. ;)

    Posted by ceglieterrestre | 9 March 2012, 20:53
  26. Grazzie…mo me riposo e dimani se ricomincià. Ammazza che vaganze da crocera.
    Vabbe! fino a dimani, eppoi vado da l’arberi che m’aspettano, sinno l’orco se nun me vede fa er macello. ;)

    Posted by ceglieterrestre | 9 March 2012, 21:25
  27. Avvertire proprio mentre si esegue un’operazione significa solo mettere un governo (o governello) davanti al fatto compiuto. Procedura simile a quella per la presunta cattura ed esecuzione di bin Laden, o dei giapponesi a Pearl Harbor. Il vizio si ripete. Ma a Pearl harbor hanno tirato fuori gli attributi.
    L’Italia che fa? Manda un Ambasciatore ad ascoltare le favole di quattro sergenti Garcia col turbante e poi ritornare a casa. Fine. C’ è lo Spread da controllare, carte di Banca da passare. Il resto non interessa, non lo sappiamo fare. Il popolo dimenticherà (?) pure questa. Altri Capi di Stato avrebbero detto: o ci ridate i nostri uomini e subito, oppure vi rimandiamo a calci i vostri. Ma noi per uscire dal pantano economico abbiamo bisogno della Casa Reale. Per ora abbiao bisogno di tutti e di fare buon viso a cattivo gioco. Vabbè, ma la dignità? In India ci hanno incantato come i serpenti, in Nigeria chissà.

    Posted by Walter | 9 March 2012, 23:12
  28. Peggio, l’ambasciatore che nel frattempo è diventato ministro ma che continua a fare l’ambasciatore è andato lì solo per fare affari con i locali, come se i marò non esistessero. Ho troppa esperienza di ambasciate per non saperlo: nate e cresciute non per difendere i connazionali ma per stringere accordi.

    Posted by pinoscaccia | 9 March 2012, 23:17
  29. Reblogged this on i cittadini prima di tutto.

    Posted by icittadiniprimaditutto | 9 March 2012, 23:50
  30. Intanto si è appreso oggi che nelle stesse ore in cui giovedì mattina Franco Lamolinara veniva ucciso nel blitz nel nord della Nigeria, un altro italiano è scampato a un rapimento nel sud del Paese africano. A darne notizia è la stampa locale. Il tentativo di sequestro è avvenuto a Asaba, capoluogo dello stato federato del Delta del Niger e ha riguardato Renzo Galvagni un ingegnere di 65 anni, da lungo tempo impegnato in Nigeria per conto di una compagnia locale. L’uomo è stato bloccato mentre era alla guida di una Toyota da un commando armato che lo ha caricato su un altro veicolo. Poco dopo, però, la vettura è stata intercettata da una volante della polizia che era stata avvertita da alcuni testimoni. “Nell’operazione”, ha spiegato ai media locali Charles Muka, portavoce della polizia del Delta del Niger, “siamo riusciti ad arrestare un solo rapitore che ha confessato di aver agito con altri complici”.

    Posted by pinoscaccia | 10 March 2012, 18:58
  31. Ma io non mi stupisco di questo comportamento nei confronti dell’ Italia. Monti andò da Cameron qualche mese fa a trattare l’abbassamento dello Spread ( la speculazione finanziaria è in mano agli inglesi e agli americani ) in cambio della cessione di sovranità. Non siamo più l’Italia , ma una colonia Inglese e il 52 esimo stato degli USA. La nuova politica globale è questa : ridurre i consumi di petrolio in Europa e spostare il lavoro in Cina ed India affamati sia di greggio che di occupazione. Con la crescita della Cina e dell’India si compra il bebito USA , che altrimenti fallirebbe in meno di un paio di anni. In cambio gli USA “spostano volumi” di greggio e lavoro in favore di questi a scapito dell’Europa. Gli inglesi intanto fanno il lavoro sporco con la speculazione per coprire i debiti delle banche e delle finanziarie anglo-americane. Monti è il curatore fallimentare dell’Italia. Siamo falliti ma ce lo diranno piano piano … :)

    Posted by Mouse On Mars | 10 March 2012, 19:54
  32. Ci sta, è esattamente come la vedo anch’io. (l’analisi politica globale).
    E fra tante cose a dir poco particolari, l’ho pensato anche quando una volta hai detto che o andavano giù gli States o l’Europa – e non capivo bene, pensando che fossimo “collegati”….
    Allora poi ho capito che ci stavano offrendo in sacrificio alla Cina, come la vergine al drago, per salvare l’America.
    Siamo falliti, e i Professori sono i curatori fallimentari… esattamente, tant’è che non hanno fatto nè stanno facendo nessuna manovra per la crescita e lo sviluppo.

    Del resto sono coerenti: come tutte le manovre, cioè i tagli, sono in funzione dei più ricchi, che diventano sempre più ricchi, mentre i più poveri, compreso l’ex ceto medio, sempre più poveri, altrettanto lo scopo era una potente oligarchia nel Mondo, tra cui i soliti noti – banche, multinazionali – e due tre Paesi in tutto.
    A livello strategico-militare non saprei, ma non mi stupirebbe se il nuovo conflitto mondiale ora ricadesse su suolo europeo (ancora non ho capito se sarà ‘solo’ una guerra economica, o c’è il rischio proprio di uno scontro planetario – che poi è il grande scontro Oriente-Occidente).

    Comunque in Grecia non lavora più nessuno. La gente sta in piazza tutto il giorno, così ho sentito, negozi chiusi con le vetrine rotte e le saracinesche abbassate, tutti disoccupati, tutti alla fame (stipendi ridotti fino a 350 euro……….. mensili). E ancora parlano…se la Grecia ce la fa o non ce la fa…..nell’ottica del LORO spread…delle LORO borse…. e con “i prestiti alla Grecia” che vanno in realtà alle BANCHE.

    Vediamo che succede a primavera, luglio… quando la gente i soldi per le tasse non-li-avrà. Vediamo!

    Posted by sissi | 10 March 2012, 20:28
  33. @ SIssi
    Innanzitutto ciao , da tanto che non ci si sente. :)
    Comunque hai espresso bene quello che è il mio pensiero e che mi pare coincida esattamente con il tuo. :)

    L’unica nostra salvezza è che siamo in una posizione geo-politica troppo strategica. L’Italia rimarrà nel limbo com’è sempre stata dopo il ’45. Ci terranno in vita artificialmente dandoci il minimo indispensabile per non farci ribellare. In fondo le testate nucleari e le basi americane nel nostro Paese sono “troppo importanti”. Lasciare andare alla deriva l’Italia sarebbe troppo pericoloso per tutti.
    Una cosa è certa : diventeremo un Paese molto più povero e più ingiusto.

    Posted by Mouse On Mars | 10 March 2012, 21:07
  34. Ciao Francesco!! :-) (ti ho letto ora) e ma che ne so sei sparito, poi arrivi ma non mi parli e non mi saluti più! :-P
    ….ma come al solito ci troviamo sulla stessa lunghezza d’onda…. ;-)

    Comunque, l’Italia sta morendo come la Grecia per me, mentre il problema è veramente…europeo. Se hanno deciso di sabotare tutta l’Europa…mentre nel frattempo si ‘salvano’ gli States. (per modo di dire, perchè tanto il grande scontro oriente-occidente va drammaticamente delineandosi lo stesso). Cioè temo che vogliano lasciare andare alla deriva tutta l’Europa…non solo l’Italia, che comunque ci sta andando già, e che questa sia la loro idea di “nuovo ordine mondiale”…. boh poi capire tutti i loro equilibri è impossibile.

    Beh, non sparire di nuovo eh! anzi ricominciamo a fare un po’ di casino sennò mi annoio:))))

    Posted by sissi | 10 March 2012, 22:45
  35. Questa è una barzelletta.

    Chirurghi a confronto su chi sia il soggetto migliore da operare:

    un chirurgo dice: ‘i commercialisti. Li apri e hanno tutto in ordine, tutto al loro posto, come i conteggi sempre perfetti’.
    un altro dice ‘ma no, gli elettricisti! hanno tutti gli organi colorati come i fili che maneggiano ogni giorno…’
    e un altro, sostiene : meglio gli insegnanti perchè hanno gli organi tutti in ordine alfabetico, a,b,c,d….
    e arriva un quarto chirurgo che esclama: ma non avete capito niente….i migliori sono i politici! Non hanno cuore, non hanno cervello, non hanno fegato, e soprattutto culo e faccia sono intercambiabili.

    :-) :-) :-) carina?

    Posted by sissi | 11 March 2012, 13:31

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s

Anno 19

[dal 18 ottobre 2001]

“Quando si è scoperto che l’informazione era un Affare, la verità ha smesso di essere importante.” (Ryszard Kapuscinski)

L’ultimo libro

TRADITORI: l’incredibile intreccio tra i Kennedy, Marilyn Monroe, Jackie Onassis e Maria Callas. Più la sconvolgente storia di Lady D.

Amori Maledetti

Hitler e Mussolini tra passioni e potere: i tranelli della storia rivisti da un reporter di guerra e da una professoressa di lettere.

Archives

%d bloggers like this: