you're reading...
missing

Sono almeno quattro gli ostaggi italiani

Centoventi giorni. E nessuna notizia. O meglio, le ultime risalgono a dicembre quando un gruppo dissidente dell’Aqmi ha rivendicato il rapimento in Algeria. Ma a cercare di tenere alta l’attenzione su Rossella Urru, cooperante del Cisp di 29 anni, ci sta pensando il web con comunicati e dichiarazioni: «Non dimentichiamola. Qualcuno si attivi per la sua liberazione». Ma Rossella non è l’unica italiana rapita. La lista aggiornata non è reperibile dal ministero degli Esteri «non divulghiamo i nomi degli ostaggi». Di certo ci sono Maria Sandra Mariani è ostaggio di Al Qaeda da oltre 13 mesi, sempre in Algeria. Franco Lamolinara, sequestrato il 12 maggio scorso. E Giovanni Lo Porto della ong tedesca Welthungerhilfe, sequestrato da 32 giorni. fonte

About pinoscaccia

già redattore capo Rai inviato speciale Tg1

Discussion

21 thoughts on “Sono almeno quattro gli ostaggi italiani

  1. Reblogged this on i cittadini prima di tutto.

    Posted by icittadiniprimaditutto | 20 February 2012, 18:35
  2. Reblogged this on i cittadini prima di tutto.

    Posted by icittadiniprimaditutto | 20 February 2012, 18:35
  3. va bene non divulgare i nomi, ma farebbe piacere sapere se stanno facendo qualcosa però.

    Posted by alice | 21 February 2012, 00:12
  4. ‘Na vita origginale

    La vita pe quarcheduno
    da matina e séra
    è ‘na vaganza
    pe antri da matina e séra
    è ‘na galèrra.
    Gabbia’ se fa fatica
    puro a commenta’.
    Quanno arrubbano
    quarcheduno tòsto
    se fa’ er diàvolo a quattro
    e se cerca puro su la luna.
    Quanno arrubbano
    ‘n pòro cristo
    se cerca’ pe pieta’
    sortanto sotto er letto.

    franca bassi

    Posted by ceglieterrestre | 21 February 2012, 00:53
  5. Ancora…

    Il vento straniero
    ci porta l’ultimo fiato
    di giovani morti
    lontano da noi.

    Ancora ali spezzate
    grida di dolore
    anime straziate
    lontano da noi.

    franca bassi

    Tra poco fioriranno le ginestre, e gli aquiloni di kabul, voleranno ancora macchiati di sangue.

    Posted by ceglieterrestre | 21 February 2012, 09:07
  6. Caro Gabbiano, ancora non lo so, quando terminerò di scrivere di loro. Ancora tanta tristezza per tante mamme.
    http://ceglieterrestre.wordpress.com/2012/02/21/ancora-3/
    Oggi il mio amico Fabio scriverà per loro note musicali, per accompagnarli lungo la strada..

    Posted by ceglieterrestre | 21 February 2012, 09:44
  7. Reblogged this on i cittadini prima di tutto.

    Posted by icittadiniprimaditutto | 21 February 2012, 10:43
  8. OT
    Online i redditi dei ministri del governo Monti
    Passera “vale” 3,5 milioni di euro.
    AUGURI !

    Posted by marcello | 21 February 2012, 12:12
  9. A questi quattro ci sarebbero da aggiungere anche i due militari italiani arrestati in India, in spregio ad ogni convenzione e Diritto Internazionale. Altrimenti come considerarli?
    E ci fosse uno, che sia uno, di politico italiano che abbia preso una posizione netta e decisa, nei confronti dell’ accaduto.

    Posted by Walter | 21 February 2012, 12:39
  10. ….. :(……

    Posted by marcello | 21 February 2012, 12:39
  11. Il Presidente Napolitano; ” Rossella Ulla sta bene”

    http://www.rai.it/dl/tg3/articoli/ContentItem-30002bd6-592d-47a1-b6f8-7dbb2dbad13c.html

    Posted by madamepina | 21 February 2012, 12:40
  12. Una violazione del protocollo è stata significativa quanto la dichiarazione che Giorgio Napolitano ha voluto fare non alle autorità o alla stampa, ma agli amici, ai compaesani di Rosella Urru che stanno seguendo ogni suo spostamento della visita in Sardegna srotolando un lungo striscione con la scritta a carattere cubitali “Rossella Libera”. Uscendo dall’albergo di Cagliari nel quale aveva incontrato i genitori e il fratello della giovane cooperante che da quattro mesi è nelle mani dei rapitori che l’hanno portata via dal campo profughi saharawi nella zona meridionale dell’Algeria, il Presidente della Repubblica ha attraversato la strada, facendo momentaneamente bloccare il traffico, ed ha raggiunto la folla per dichiarare: “Le autorità italiane stanno seguendo molto bene la vicenda e, dalle informazioni che abbiamo, sappiamo che Rossella sta bene. Inoltre il Ministero degli esteri mi ha assicurato che stanno intensificando i contatti per giungere alla sua liberazione”. Applausi, lacrime, tanta commozione. Pochi minuti prima il padre Graziano, la madre Marisa, il fratello Mauro, passando davanti a quelle stesse persone, non avevano dichiarato nulla, continuando a mantenere il comportamento di grande dignità e coraggio dimostrato fin dal primo momento.

    Posted by pinoscaccia | 21 February 2012, 12:45
  13. Coraggio e dignità contraddistinguono l’azione dei molti italiani che lavorano in ogni angolo di mondo per aiutare la gente a ritrovare una vita pressoché normale. Ma siccome danno fastidio, ogni tanto ne rapiscono qualcuno per scoraggiare altre iniziative umanitarie. Vorrei tanto che ci fosse un lieto fine per tutti i nostri connazionali finiti nelle mani di chi non conosce cosa significhi l parola “diritto” e voglio ancora credere che grazie ad un’azione seria del nostro Governo possa parlare di “ritorno” e non di “dipartita”.

    Posted by barbara brunati | 21 February 2012, 21:41
  14. Gabbia’ mo ce so arivata… indove s’è posàta la farfalla. E so puro quanto se fa paga’ l’ affamosa avocata.
    Mejo tardi che mai! ;) ciao

    Posted by ceglieterrestre | 23 February 2012, 10:04

Leave a Reply to pinoscaccia Cancel reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s

Anno 18

[dal 18 ottobre 2001]
Visite totali circa 7 milioni

Categories

Archives

L’ultimo libro

Hitler e Mussolini tra passioni e potere: i tranelli della storia rivisti da un reporter di guerra e da una professoressa di lettere.

Le verità e le bugie intorno ai due dittatori che hanno segnato le sorti del secolo breve. Da una parte il führer, con sangue ebraico e forse origini berbere. Dall’altra il campione della famiglia italiana, il duce, che si innamorò di Claretta Petacci, forse una probabile spia degli inglesi. Poi la fine, ancora avvolta da misteri. Hitler e Mussolini, uniti dall’odio, dall’illusione di una conquista universale, da una fine tragica e da due amori maledetti. Sicuramente feroci, ma con infinite debolezze, spietati, ma fragilissimi.

%d bloggers like this: