you're reading...
persone

Il pastore che difende il paradiso

Un paradiso terrestre stava per diventare il maxi resort in cemento, prima che Ovidio Marras, un pastore sardo di 81 anni, è riuscito a fermare la speculazione edilizia grazie ad un cavillo legale. Lungo la costa sud-occidentale dell’isola, tra Pula e Capo Spartivento, un variegato team imprenditoriale che comprendeva Silvano Toti, il gruppo Benetton e la Sansedoni (gruppo Montepaschi), stavano costruendo  un insediamento turistico da 190 mila metri cubi destinato alla Mita Resort di Emma Marcegaglia. Ma Ovidio Marras si era da subito schierato contro quelli che chiama i “padovani”, dicendo che non avrebbe rinunciato alla sua piccola impresa agricola per far spazio al resort. Il pastore si è rivolto al Tribunale di Cagliari con un ricorso d’urgenza e ben presto la sua azione è stata supportata dal sostegno di ambientalisti e associazioni come Italia Nostra. Fino alla sentenza definitiva, che rende tutto l’insediamento abusivo. Ovidio è diventato ormai il beniamino degli attivisti locali, quello che ha sconfitto le multinazionali. [ fonte ]

About pinoscaccia

già redattore capo Rai inviato speciale Tg1

Discussion

8 thoughts on “Il pastore che difende il paradiso

  1. Ovidio Marras e il “suo” paradiso.

    Posted by pinoscaccia | 9 February 2012, 17:02
  2. OVIDIO, “piccolo GRANDE UOMO!!

    Posted by RENZA MARTINI | 9 February 2012, 17:04
  3. Quando vuole, la magistratura va veloce. Per fortuna. :)

    Posted by marisamoles | 9 February 2012, 19:20
  4. bravo Ovidio la libertà non ha prezzo , grazie da tutti noi

    Posted by lorena | 9 February 2012, 20:50
  5. Grande Ovidio, ne servirebbero molti di più con il suo amore per la natura, per la terra vera e viva

    Posted by Patrizia M. | 9 February 2012, 22:35
  6. Reblogged this on i cittadini prima di tutto.

    Posted by icittadiniprimaditutto | 9 February 2012, 22:37
  7. Obbrigazzione

    Fimarménte…finarménte
    ‘na notizzia bòna!
    Sta vòrta la giustìzzia
    ha pesato e misuràto giusto.
    Fimarménte…finarménte
    ‘na notizzia bòna!
    Ammazza Ovi’ che cappòtto
    che cappòtto che jai fatto
    mica cavoli!
    Puro se te cojonàno
    da pecoraro e te vonno
    acciaccà istesso ‘na formica
    nun je dà rètta!
    Esse omo da tre ce
    “cervello”, “core” e “coscenza”
    nun è da tutti.
    Aho! jai fatto sto cappòtto
    grazzie Ovi’ grazzie de còre
    pe ave’ indiféso la terra
    e commatte sti quadrinosi
    tutto te fa onorabbilità.
    Che cappòtto…che cappòtto
    che j’hai ammollato
    mica cavoli!
    Ovì sta sera te penzo
    e sbatto le mano ‘n onore tuo.
    Me riccomanno a sti milòrdi
    faje ‘na sparpagnàccola
    granne…granne… granne
    granne istésso la terra
    e da sentisse fino su la luna.

    franca bassi

    Posted by ceglieterrestre | 10 February 2012, 01:51
  8. Non serve essere giovani per avere grinta e tenacia.

    Posted by barbaincampagna | 10 February 2012, 10:10

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s

Anno 18

[dal 18 ottobre 2001]
Visite totali circa 7 milioni

Categories

Archives

L’ultimo libro

Hitler e Mussolini tra passioni e potere: i tranelli della storia rivisti da un reporter di guerra e da una professoressa di lettere.

Le verità e le bugie intorno ai due dittatori che hanno segnato le sorti del secolo breve. Da una parte il führer, con sangue ebraico e forse origini berbere. Dall’altra il campione della famiglia italiana, il duce, che si innamorò di Claretta Petacci, forse una probabile spia degli inglesi. Poi la fine, ancora avvolta da misteri. Hitler e Mussolini, uniti dall’odio, dall’illusione di una conquista universale, da una fine tragica e da due amori maledetti. Sicuramente feroci, ma con infinite debolezze, spietati, ma fragilissimi.

%d bloggers like this: