you're reading...
fermate il mondo voglio scendere

L’isola che non c’era

In attesa del nuovo anno, dopo le devastanti previsioni dei Maya arriva una notizia che in qualche maniera risolleva il morale. Quei portasfiga dicono che le acque invaderanno la terra? Bene, intanto è la terra che emerge dall’acqua. Una nuova isola è comparsa all’antivigilia di Natale nell’arcipelago Zubair, nel mar Rosso. Il satellite della Nasa ha fissato i primi straordinari vagiti. Quel grande fiocco bianco è il segno di una nuova vita, evento sempre gioioso. Il papà è uno smisurato vulcano sottomarino e la mamma è l’ennesima eruzione. Le sorelline sono Haycock e Rugged,  le isole vicine, lui non ha ancora un nome. Il bebè è piccolino (appena 500 metri di diametro) e ha visto la luce in una delle zone più pericolose del mondo, tra lo Yemen e l’Eritrea. Gli scienziati dicono che avrà vita breve, ma i pescatori sono convinti al contrario che resisterà, perchè chi nasce da quelle parti ha la scorza dura. E anche il fatto di fissare il confine tra la placca africana e quella araba avrà pure qualche significato. Alla faccia dei Maya, insomma, la vita continua. Tiè!

About pinoscaccia

già redattore capo Rai inviato speciale Tg1

Discussion

9 thoughts on “L’isola che non c’era

  1. Intanto per adesso è nata, in barba agli scienziati che dicono che la sua vita sarà breve.
    Vale la pena nascere anche se la luce che si vede alla nascita è breve.

    Posted by ceglie | 31 December 2011, 15:16
  2. Come nel 1883 con il vulcano Krakatoa che generò Anak Krakatau (figlio di Krakatoa). Chi nasce, chi muore….. chi torna da dove è venuto. Cribbio questa frase mi fà venire in mente i nostri militari in Afghanistan. Tornate presto e intanto accettate il mio piccolo augurio di trascorrere una fine d’anno serena. In culo alla belena.

    Posted by barbaincampagna | 31 December 2011, 15:21
  3. Un paio d’anni fa stavo con loro. Auguri a tutti (e a chi li aspetta).

    Posted by pinoscaccia | 31 December 2011, 15:28
  4. Alzerò a mezzanotte il mio bicchiere e saluterò il nuovo anno insieme a voi. Adesso mi preparo per partire, Buon anno, anche a tutte le persone sole e a chi soffre ;)

    Posted by ceglie | 31 December 2011, 16:48
  5. Augurissimi e Buon Anno a tutti proprio tutti senza dimenticare nessuno!
    Auguri a l’isola che stavamo aspettando chissà se resisterà ,se ce la fara’
    un bel tie’ allora a chi gia’ come sommersa la fa, noi incrociamo le dita!

    Posted by Irisilvi | 31 December 2011, 18:50
  6. Beh è nata in una posizione non certamente facile, quindi può essere che abbia la scorza dura e che invece duri molto a lungo.
    Buon Anno Nuovo a tutti

    Posted by Patrizia M. | 31 December 2011, 19:43
  7. ..posso solo dire:grazie della”marcia “sempre bella, ….. che ascolto solo ora ; ieri notte ero troppo impegnata a verificare a quale degrado umano e animale (se così si può dire, senza offesa per gli animali) siano arrivate la masse di gente, nelle piazze nelle ultime ore dell’anno vecchio…..intere greggi di ubriachi, immersi nei loro vomiti, con l’unico divertimento : bere, bere, e ancora bere, scalmanarsi rompendo bottiglie, migliaia di colli rotti e vetri fra i piedi , gente che ci si rotolava sopra, fra sangue ed escrementi…….e questo è “festeggiare “???
    tanto c’è chi ripulisce…

    Posted by RENZA MARTINI | 2 January 2012, 11:52

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s

Anno 18

[dal 18 ottobre 2001]
Visite totali circa 7 milioni

Categories

Archives

L’ultimo libro

Hitler e Mussolini tra passioni e potere: i tranelli della storia rivisti da un reporter di guerra e da una professoressa di lettere.

Le verità e le bugie intorno ai due dittatori che hanno segnato le sorti del secolo breve. Da una parte il führer, con sangue ebraico e forse origini berbere. Dall’altra il campione della famiglia italiana, il duce, che si innamorò di Claretta Petacci, forse una probabile spia degli inglesi. Poi la fine, ancora avvolta da misteri. Hitler e Mussolini, uniti dall’odio, dall’illusione di una conquista universale, da una fine tragica e da due amori maledetti. Sicuramente feroci, ma con infinite debolezze, spietati, ma fragilissimi.

%d bloggers like this: