you're reading...
animal house

Per gli animali non è festa

Sembra che fuochi d’artificio e petardi siano micidiali per gli animali, un vero e proprio incubo per gli amici a quattro zampe che possono avere reazioni istintive e incontrollate, provocate dai forti rumori. Ogni anno, infatti, sono circa 5mila gli animali domestici che, a causa del frastuono dei petardi, fuggono e non riescono più a ritrovare la via di casa, che vengono feriti o che, nel peggiore dei casi, muoiono. L’Aidaa, associazione italiana difesa animali ed ambiente, lancia un appello a sindaci e prefetti affinché in queste ore emettano ordinanze che vietino l’uso dei botti durante la notte di San Silvestro, e che poi si organizzino per fare in modo che queste ordinanze vengano effettivamente rispettate, attraverso il capillare controllo del territorio affidato alla polizia locale. Per cui i primi a doversi sensibilizzare dovrebbero essere proprio i proprietari di animali, che dovrebbero poi aiutare a diffondere l’appello dell’Aidaa. Le raccomandazioni sono semplici: non lasciare soli in casa gli animali che abitualmente si spaventano per i botti, e nel caso non sia possibile sarebbe bene assicurarsi sempre che abbiano uno spazio dove potersi nascondere. fonte  Aumentano i divieti in tutta Italia

About pinoscaccia

già redattore capo Rai inviato speciale Tg1

Discussion

11 thoughts on “Per gli animali non è festa

  1. Era ora….che aumentassero i divieti.
    Ogni anno lo stesso bollettino di guerra, ogni anno: feriti, mutilati, morti, e ancora insistono, ancora non hanno capito.
    E’ inutile, la barbarie dilaga, il divertimento è questo: spari, bombe, proiettili, botti ahhh che sensazione di potenza, è “tempo di grandezza”!
    (aiutooo…..rivoglio la dolce vita…il grande cinema, Brigitte Bardot e Gigi Rizzi a Saint Tropez…basta con la barbarie non se ne può piùùùùùùù!!!

    http://www.corriere.it/inchieste/flash/4572206a-3235-11e1-848c-416f55ac0aa7.shtml

    (..intanto a Bellocchio impediscono il film sulla Englaro, perchè in un mondo di barbari e darwinismi sociali hanno pure il coraggio di parlare di “cultura della morte”…se ti rifiuti di stare inchiodato a un letto per 17 anni).
    Ahh…si sognava la civiltà.

    Posted by Sissi | 30 December 2011, 10:57
  2. (Ot) scusate c’entra niente lo so, ma si vede che oggi è giornata: avevo iniziato a leggere il nuovo libro di Cacciari “AMA IL PROSSIMO TUO” scritto in grande – perchè mi è stato regalato…credo non a caso – da tutti recensito benissimo anche se Augias l’ha trovato “anche un po’ irritante… in certi punti” ;-) e posso immaginare perchè. Beh, Cacciari solitamente mi piace perchè non è schematizzato in un contesto prettamente religioso e teologico ma per fortuna pensa… e ne ricava un Pensiero filosofico. Vediamo se riesco a finirlo che pure è un libricino proprio piccolino…ma intanto spiegatemi l’alfabeto, vi imploro: mi dite come si fa….ad amare l’umanità???
    mi sa che continuo a pensarla come Sartre… :-(

    Posted by Sissi | 30 December 2011, 11:24
  3. Ma neanche per “gli umani” è festa, almeno per i più sensibili di udito. Lo sbracamento pirotecnico di San Silvestro, è ora che giunga al capolinea, vuoi perché da fastidio agli amici a 4 zampe o di numero diverso, vuoi perché si hanno le scatole piene di quella Santa Barbara che si scatena nel momento del “trapasso” verso il nuovo anno ed infine perché se botto proprio deve essere, non sia “accattato” dal primo pusher che sta in strada o cantina a vendere “a bomb ‘e Maradona” o altri inquacchi pirici da terrorismo domestico. Una volta c’ erano tric trac e castagnole, ora se non fa un buco in terra di 2 metri o in un occhio, non si chiama botto.

    Posted by Walter | 30 December 2011, 14:15
  4. Per non parlare di quanto costa quel paio di minuti dopo la mezzanotte al servizio sanitario nazionale…

    Posted by Marco Alici | 30 December 2011, 14:43
  5. …e credo che anche quest’anno faremo la conta di quegli imbecilli che si faranno saltare le dita….

    Posted by marcello | 30 December 2011, 15:59
  6. AIUTOOOO “Il Blog Provoca Dipendenza” !!!!Ed ora come faremo a disintossicarci?
    Rosamicia ringrazia per il post!

    Posted by irisilvi | 30 December 2011, 17:24
  7. Non c’è speranza, ormai siete “fatti” ;)))

    Posted by pinoscaccia | 30 December 2011, 17:33
  8. Via,tutti al sert!!

    Posted by irisilvi | 30 December 2011, 17:46
  9. “siete”?! ;-)

    Posted by Sissi | 30 December 2011, 18:14
  10. Reblogged this on i cittadini prima di tutto.

    Posted by icittadiniprimaditutto | 30 December 2011, 18:20

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s

Anno 18

[dal 18 ottobre 2001]
Visite totali circa 7 milioni

Categories

Archives

L’ultimo libro

Hitler e Mussolini tra passioni e potere: i tranelli della storia rivisti da un reporter di guerra e da una professoressa di lettere.

Le verità e le bugie intorno ai due dittatori che hanno segnato le sorti del secolo breve. Da una parte il führer, con sangue ebraico e forse origini berbere. Dall’altra il campione della famiglia italiana, il duce, che si innamorò di Claretta Petacci, forse una probabile spia degli inglesi. Poi la fine, ancora avvolta da misteri. Hitler e Mussolini, uniti dall’odio, dall’illusione di una conquista universale, da una fine tragica e da due amori maledetti. Sicuramente feroci, ma con infinite debolezze, spietati, ma fragilissimi.

%d bloggers like this: