you're reading...
armir

Pranzo di Natale in tempo di guerra

Millerovo – Costantin Makuala ha 92 anni e qualche problema con le gambe, non riesce ad alzarsi dal divano. Gli sta accanto la moglie senza dire una parola. “E comunque lei non stava qui, stava a Voronezh, non sa nulla di quello che succedeva qui” spiega Costantin. La voce è stanca ma i ricordi lucidi. E ci regala una storia commovente. “Era il Natale del ’42. Io abitavo a Bochonok, un villaggio qui vicino. Gli italiani erano tristi ma cercavano di scherzare per non pensare alla casa così lontana. Chiesero aiuto a noi ragazzini per quello che sembrava un gioco. Dovevamo cacciare i passerotti, cioè i passerotti stavano nel fienile, noi dovevamo accendere una torcetta così i passerotti uscivano e loro li prendevano. Alla fine ne facemmo insieme un sacco pieno di passerotti. Li spennarono, li bollirono e ne facero un piatto natalizio”.  da “Lettere dal Don”

“Abbiamo preso più di cento uccellini e già sono appesi. Li teniamo per il giorno di Natale. Sarà festa grossa e avremo un piatto squisito. Così ora discorrendo si tenta di passare bene Natale e sebbene così soli potremo essere contenti”. Lettera dal fronte, il 20 dicembre 1942, di Gianni Camerlingo, 22 anni di Giugliano (Napoli), caporale degli alpini, divisione Cuneense, batteria Celere. Secondo i dati di Onorcaduti risulta deceduto il 19 marzo del 1943, presumibilmente nel lager di Tambov.

About pinoscaccia

già redattore capo Rai inviato speciale Tg1

Discussion

3 thoughts on “Pranzo di Natale in tempo di guerra

  1. ….perchè ogni storia, ogni frammento di vita di “qualsiasi” di loro, ci riporta immancabilmente a rivivere i gesti, le emozioni, gli attimi struggenti di questi ragazzi , quasi il passato non fosse più tale……
    perchè riusciamo a penetrare , coi poteri della mente, attraverso le strade del cuore, valicare confini, superare pianure e orizzonti , sconfiggere le ragnatele del tempo….e trovarci lì, nel bosco di betulle o fra i tetti impagliati delle isbe, ad assistere invisibili ai loro gesti, alle loro azioni quotidiane, ai momenti di sofferenza e di ricerca di cibo….
    ai momenti di attesa, di rimpianti, di paura….
    perchè , dunque, noi pure ci troviamo ad avvertire le stesse emozioni, le stesse intense e maledette sensazioni d’impotenza e rabbia , semplicemente discorrendo parole scritte da un albo di ricordi….
    Loro non ci sono più, polverizzati nel tempo , nemmeno più buoni a concimare la terra scura dei campi di granturco…
    ,Parole semplici intrise di lacrime e sangue, dove forse persiste ancora il dna di chi le ha scritte…
    Parole di vita vissuta , che non temono il tempo nè la disattenzione dei posteri…
    perchè noi, figli di coloro che “acchiappavano gli uccellini”, non lo permetteremo….

    Posted by RENZA MARTINI | 25 December 2011, 01:07
  2. Sarà festa grossa, ma tanti di loro non hanno più vissuto un altro Natale

    Posted by Patrizia M. | 25 December 2011, 01:16
  3. quanto è importante che queste parole rimangano… quelli della mia generazione (ho 31 anni) conoscono la guerra solo dai racconti dei nonni, e questo ovviamente vale solo per chi li ha conosciuti. ma i nostri figli? cosa ne sapranno? questa cosa mi fa stare un po’ in ansia.

    Posted by alice | 25 December 2011, 12:54

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s

Anno 18

[dal 18 ottobre 2001]
Visite totali circa 7 milioni

Categories

Archives

L’ultimo libro

Hitler e Mussolini tra passioni e potere: i tranelli della storia rivisti da un reporter di guerra e da una professoressa di lettere.

Le verità e le bugie intorno ai due dittatori che hanno segnato le sorti del secolo breve. Da una parte il führer, con sangue ebraico e forse origini berbere. Dall’altra il campione della famiglia italiana, il duce, che si innamorò di Claretta Petacci, forse una probabile spia degli inglesi. Poi la fine, ancora avvolta da misteri. Hitler e Mussolini, uniti dall’odio, dall’illusione di una conquista universale, da una fine tragica e da due amori maledetti. Sicuramente feroci, ma con infinite debolezze, spietati, ma fragilissimi.

%d bloggers like this: