you're reading...
tribù

Buon Natale, semplicemente

Un segno con il passato è la gif dell’alberello che ho messo anche quest’anno nel blog. Capisco che qualcosa per Natale bisogna pur scrivere perchè è una festa vera, forse l’unica che tutti sentiamo. Ma proprio per questo mi mancano le parole per dire qualcosa di diverso dagli anni passati. Ho sempre ricordato i Natali in terre difficili e già stare qui, in pace, è per me un evento straordinario. Qualcosa di nuovo comunque c’è. E’ la prima volta che non devo difendermi dai “turni” natalizi, nè scansare trasferte insidiose: è una novità piacevole ma anche triste perchè segna l’avanzare del tempo. Un altro segno (personale) è che ad ogni Natale manca sempre qualcuna fra le persone care. Ricevo tanti auguri ma sono pochi quelli degli amici sinceri, in genere arrivano quelli “obbligatori”: comunque è cambiato tutto, si usa soprattutto il web (ah, cara vecchia cartolina). Auguri a tutta la tribù dunque, a quelle e a quelli che sono rimasti, ma auguri se permettete a quelli che non conosco e che oggi lavorano, come fosse un giorno qualsiasi. Gli auguri più grandi, nel finale, li lascio però a quelli che oggi non festeggiano. Perchè non hanno proprio nulla da festeggiare. A quelli che soffrono le guerre oppure la fame, anche sotto casa nostra, proprio vicino a noi.

About pinoscaccia

già redattore capo Rai inviato speciale Tg1

Discussion

49 thoughts on “Buon Natale, semplicemente

  1. Auguri a te e tutti i tuoi cari e agli affezionati del blog

    Posted by RoDiGi | 24 December 2011, 11:27
  2. Sono gli auguri più belli che ho letto, perché volgono il pensiero a coloro che del Natale non conoscono nemmeno l’esistenza e soprattutto perché vengono dal cuore.
    Buon Natale e serenità
    Patrizia

    Posted by Patrizia M. | 24 December 2011, 11:31
  3. Grazie Pino ! un abbraccio virtuale ………….marcello

    Posted by marcello | 24 December 2011, 11:36
  4. Buon Natale a: gli umili di cuore, a chi è solo e a chi è disperato, a quelli che al posto delle Stelle filanti e dei botti di fine anno sentono fischiare proiettili e bombe di una guerra che non hanno chiesto, a chi è senza lavoro, senza una casa, a chi è rimasto con la ruota bucata nel bel mezzo di un temporale, quelli che hanno sempre una parola di conforto per chiunque, a tutti coloro che rifiutano ogni tipo di violenza ma non solo su se stessi, agli ammalati e a chi con coscienza si prende cura di loro, ai bambini che sono il futuro, a chi riesce a far ridere e sorridere, ai giovani perché ci aiutino a cambiare in meglio quello che resta del mondo, a chi scrive le poesie sui palloni colorati e li fa volare in cielo, a quello che deve prendere il tram delle 6 e 40 ma arriva sempre alle 6 e 50, a chi non ha regali sotto l’ albero e manco l’ albero, a quelli che non si arrendono, a chi non riesce a trovare mai l’ altra pantofola, per quelli che hanno smesso di buttare soldi in gratta e perdi, a chi si emoziona davanti un tramonto, agli anziani testimoni del passato, ai sognatori, a chi si impegna per tentare di aggiustare seriamente non solo il suo lavandino che non funziona, ma tutto il pianeta, a chi ancora crede nella sostanza e non all’ apparenza del Natale.

    Buon Natale a tutta la Torre!

    Posted by Walter | 24 December 2011, 11:48
  5. Grazie per queste parole…
    Sono parole vere, espresse con semplicità, ma potenti e forti!
    Grazie, contraccambio con l’augurio di un Natale “migliore” per coloro senza voce.

    Posted by salvatore | 24 December 2011, 12:18
  6. Carissimo Pino…… che dire….le tue parole , espresse qui sopra, valgono per tutti…il tempo avanza, imperterrito, subdolo, traditore.. ogni volta , ogni Natale, ogni “primo dell’anno”, ogni stagione, sempre più ravvicinati , e i nostri giorni sempre più corti… anche se qualcuno , tanto tempo fa, ci ha insegnato che “così è la vita”,,,,ma a noi ce ne può importare di meno, quando ci riguarda…. allora cerchiamo di “vedere” un pò di luce, un pò di “vita” negli occhi vispi dei nostri figli , nei sorrisi gioiosi dei nostri nipoti , dove cerchiamo di leggervi il nostro passato, di ritrovarvi un pò di noi , di carpire un frammento della loro giovinezza , per ritrovare la nostra ,oramai così lontana..
    E forse di più, a Natale, il” miracolo” si rinnova, per poi annullarsi all’affacciarsi del “nuovo anno” che preme alle porte….
    Ma siamo qui, ad appagarci comunque del miracolo della vita, a discapito di chi, invece, lotta ogni giorno per la vita, o riposa altrove..
    Pino, un grande abbraccio, con affetto e ammirazione, e che anche questo Natale sia solo uno in più da gioire e da “vivere” in serenità , nell’affetto dei tuoi cari e dei tanti amici che ti vogliono bene….. renza
    ..

    Posted by RENZA MARTINI | 24 December 2011, 12:36
  7. Bellissimo il tuo augurio semplice, caro Pino ! Ti auguro un Natale in pace ,senza doverti preoccupare di lavoro, ma soprattutto nella massima serenità possibile!

    Posted by LucioGialloreti | 24 December 2011, 12:53
  8. e io sento un coro a cui mi unisco, Auguri Gabbianoooooooooooooooooooo….

    ps, mentre voli vedi quelli sulla torre della stazione centrale di Milano? Sono i licenziati per soppressione dei treni della notte. Gli hanno promesso una nuova assunzione tra 24 mesi, cioè fra due natali. E’ un pò lunga…

    Posted by mcc43 | 24 December 2011, 13:00
  9. Auguri naturalmente a tutti.
    Auguri anche alla famiglia della casa sventrata a Gorizia, proprio oggi vigilia di Natale. E auguri ai vigili del fuoco che adesso stanno lavorando per salvarli.
    Auguri a una vecchia che stamattina grattava una schedina con occhi colmi di speranza. E a quel barbone che davanti al negozio di alimentari si saziava nel vedere gli altri carichi di buste della spesa.

    Posted by pinoscaccia | 24 December 2011, 13:17
  10. e auguri ai 3 che stanno sulla torre faro del binario 23 di Milano Centrale, simbolo dei 1000 dipendenti delle società esterne, che hanno perso il posto a causa della soppressione o riorganizzazione dei treni notturni.
    Auguri Pino

    Posted by gianluca | 24 December 2011, 16:34
  11. Gesù, nasci debole
    perché io non abbia mai paura di te.
    Nasci povero perché io ti consideri
    la mia unica ricchezza.
    Nasci piccolo perché io non cerchi
    di dominare gli altri.
    Nasci in una grotta perché ogni uomo
    sia libero di incontrarti.
    Nasci nella semplicità perché io smetta
    di essere complicata.
    Nasci per amore perché io non dubiti
    mai del tuo amore…
    Auguri alla Tribù.Vecchi , pochi :-( , e nuovi abitanti.E a te Gabbiano,amico di tanti bei voli.

    Posted by franca | 24 December 2011, 19:13
  12. Caro Pino tanti cari auguri anche a te e ai tuoi
    ,Che il Signore ti accompagni nel tuo cammino.

    Posted by Maria Silvia Beneforti | 24 December 2011, 20:08
  13. un Buon Natale anche da me , questa mattina il mio piccolo Georges mi abbracciava strisciandomi addosso, Georges cosa fai? “scodinzolo nonna come i cagnolini quando sono felici e io sono felice con te ” questo è la festa , ma vorrei ricordare anche tutte le persone malate che in queste ore si sentono piu’ soli .
    Rivedo la mia giovinezza negli occhi dei nipoti , soprattutto di Margherita che piu’ cresce piu’ mi assomiglia ,
    Auguri Pino a tutta la tua famiglia e agli amici della rete pure io ho nostalgia delle belle cartoline , ma i tempi cambiano purtroppo o per fortuna chi puo’ dire .
    Un abbraccio a tutti

    Posted by lorena | 24 December 2011, 20:19
  14. auguri e un abbraccio a tutti

    Posted by pinoscaccia | 24 December 2011, 21:59
  15. Caro Pino, vorrei augurare a te ed a tutta la tribù un Natale sereno.

    Posted by barbaincampagna | 25 December 2011, 09:14
  16. Buon Natale…semplicemente a tutti.

    Gli auguri più belli…quelli di Walter e Franca: grazie, per i vostri pensieri.
    ..Con affetto, a tutta la Tribù.

    Posted by Sissi | 25 December 2011, 10:50
  17. Un altro Natale, altri semplici auguri.
    Formali che sembrino lavati con lavanda oppure sanguigni , di terre pietrose , sudati di lavoro o disperati d’attesa.
    Auguri di rimpianti , auguri di rimorsi , auguri di teneri sorrisi , di innocenti labbra.
    Auguri di inutili attese, di sguardi sfuggenti, di ansie da futuro.
    Auguri di strada, con la mente perduta dentro labirinti riscaldati da sogni artificiali .
    Auguri a chi detesta gli auguri, a chi cammina appiccicato al muro della vita, sordo, cieco , muto.
    Auguri a chi ne ha veramente bisogno, a questo mondo da ospedale.
    Semplici auguri, semplicemente auguri.

    Posted by Irisilvi | 25 December 2011, 11:55
  18. auguri anche da qui, una terra quest’anno davvero martoriata in cui il natale non si festeggia. io cerco di farlo, per mia figlia, e anche per me, ma è difficile quando il giorno di natale si lavora (quest’anno per fortuna è domenica, ma l’anno prossimo ci tocca). insomma un buon natale di cuore a tutti voi!
    alice da tokyo

    Posted by alice | 25 December 2011, 12:51
  19. E’ molto bello ricevere gli auguri dall’altra parte del mondo: unisce! Auguri anche a te Alice e naturalmente a tutti gli altri amici della tribù.

    Posted by pinoscaccia | 25 December 2011, 12:53
  20. E’ così piacevole la lavanda…così fresca che sa di pulito…e sembra lavar via tutte le formalità ingessate e anche un po’ ipocrite di questa ricorrenza annuale all’insegna del buonismo, come un vuoto…a perdere.
    Evviva la lavanda ;-)
    …e soprattutto Auguri…. LIBERTA’.

    Posted by Sissi | 25 December 2011, 12:59
  21. Grazie! ;-)
    Auguroni anche a te.

    Posted by Sissi | 25 December 2011, 15:26
  22. Auguri di buon anno alla tribu e una piccola segnalazione di queste ultime ore, svista su YouTube:

    Ma siam così “italians” da ridurre la metro di Roma in queste condizioni?!? :-(

    Posted by giorgiusgam | 27 December 2011, 18:02
  23. …e che vogliamo dire di un africano…che commentando un ospedale ha esclamato incredulo: ma neanche in Africa!!

    (ed è niente ancora…vediamo se l’anno prossimo avremo ancora la fornitura del gas, e troviamo ancora pane e caffè nei supermercati – con un pensiero affettuoso alle cialde, squisite, di Mr.decaffeinato…Clooney :-(

    Posted by Sissi | 27 December 2011, 20:28
  24. Forse quell’africano ha dimenticato l’Africa.

    Posted by pinoscaccia | 27 December 2011, 20:31
  25. No, l’ho sentito sincero…veramente, perchè l’ha esclamato proprio…stupito! cioè non stava facendo una battuta, era serio.
    (e comunque non che ci serva il suo giudizio comunque, ma che è civiltà questa…allora è Africa!)

    Posted by Sissi | 27 December 2011, 20:41
  26. Ci fa sicuramente bene, ma non esageriamo. Conosco l’India e conosco soprattutto l’Africa. Ci dobbiamo comunque vergognare, ma non è proprio il caso di fare confronti.

    Posted by pinoscaccia | 27 December 2011, 20:48
  27. Anche perchè a dirla tutto da un pò di tempo frequento la Metro di Roma e non è assolutamente nelle condizioni mostrate dal filmato. Probabilmente è passata…un’orda di barbari. Ma neppure la stazione Termini, che è la più frequentata, è ridotta così.

    Posted by pinoscaccia | 27 December 2011, 20:53
  28. A proposito di confronti l’africano mi ricorda tanto certi nostri conterranei quando vanno, andavano :( , in vacanza. Sempre pronti a trovare la pagliuzza nell’occhio altrui…

    Posted by Irisilvi | 27 December 2011, 20:53
  29. E allora lasciamo perdere i confronti perchè non è proprio il caso di rapportarsi sempre al peggio come se fosse un parametro, ma la sostanza resta: in ospedale si continua a morire, per negligenza, per ignoranza, soprattutto per superficialità…. di diagnosi e di attenzione, e poi di infezioni, coi topi e tutto il resto.
    A proposito: tempo fa invece sentivo di un ospedale a Torino, nel quale un Medico, evidentemente dotato di intelligenza e anima, si è reso conto che i malati in terapia intensiva avevano un grande bisogno (reciproco) dei loro familiari, e ha aperto le porte…dell’isolamento. Bravo, non ‘soltanto’ per questo, ma per l’immedesimazione…nel paziente – che a sua volta diventerà paziente ;-)

    Posted by Sissi | 27 December 2011, 20:54
  30. Ecco, non facciamo confronti. Vergogniamoci e basta per quelle che sono le nostre carenze. E battiamoci per far prevalere la civiltà.
    Ma un africano che fa riferimento all’Africa probabilmente ha dimenticato da dove viene.

    Posted by pinoscaccia | 27 December 2011, 21:03
  31. …io non mi sono dimenticata la sua espressione sbalordita però ;-)
    ma “battiamoci per far valere la civiltà” è bellissima: ‘comeee’??? con la calata dei nuovi barbari?!! :-)

    Posted by Sissi | 27 December 2011, 21:07
  32. Lo sbalordimento è un problema suo: forse soffre di amnesia.
    Per quanto riguarda la civiltà, i barbari non la conoscono. Dunque spetta a noi.

    Posted by pinoscaccia | 27 December 2011, 21:12
  33. Comunque tenderei pure io a giustificare alcune carenze della mia citta’ e dei miei concittadini, pure troppo credo… ma credo sia normale… Certo bisognerebbe capire in quale stazione della metro sia stata fatto il video, sai se si vuole pubblicare su youtube bisogna accentuare un po’ i toni… Sempre senza nessuna giustificazione e mestamente…

    Posted by Irisilvi | 27 December 2011, 21:13
    • io mi limito a giustificare…le mie! và ;-)
      ho una faccia tosta…. ero la disperazione di mio padre per il Disordine, con la maiuscola. Beh perlomeno ho l’idea… di come dovrebbe essere (e non essere) però, è già qualcosa… no?

      Posted by Sissi | 27 December 2011, 21:19
    • La stazione è quella di Ottaviano, fra le zone più tranquille di Roma, non certo in periferia.
      Non giustifico assolutamente, faccio solo il cronista. Ultimamente prendo spesso la metropolitana per andare a termini a prendere il treno, cambiando tre volte: neppure nelle stazioni più affollate (per esempio magliana o piramide) ho mai visto scene simili. E considera che le metro sono sempre pienissime di gente. Un conto è denunciare gli scandali, un conto è fare qualunquismo.

      Posted by pinoscaccia | 27 December 2011, 21:24
      • Allora e’ solamente uno dei tanti falsi che girano in internet! Giorgius!!!!!

        Posted by Irisilvi | 27 December 2011, 21:31
        • Non dico che è falso. Solo che la verità non sta mai sul web: minimo è parziale. Non ho parlato casualmente di barbari. Ottaviano è fra le stazioni della metro che prendono i tifosi. Magari è un dopopartita….

          Posted by pinoscaccia | 27 December 2011, 21:37
          • Ok, allora parzialmente vero… Certo che se fai qualche ripresa a piazza San Marco o lungo le calli che portano a Rialto durante il carnevale..
            (OT) su SKY stanno facendo uno speciale sulla caduta di Gheddafi.

            Posted by Irisilvi | 27 December 2011, 21:47
  34. (Irisilvi)
    Ahhh…allora vabbè. (no per gli altri, paradossalmente, ho più rispetto in effetti)

    Posted by Sissi | 27 December 2011, 21:25

Leave a Reply to salvatore Cancel reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s

Anno 18

[dal 18 ottobre 2001]
Visite totali circa 7 milioni

Categories

Archives

L’ultimo libro

Hitler e Mussolini tra passioni e potere: i tranelli della storia rivisti da un reporter di guerra e da una professoressa di lettere.

Le verità e le bugie intorno ai due dittatori che hanno segnato le sorti del secolo breve. Da una parte il führer, con sangue ebraico e forse origini berbere. Dall’altra il campione della famiglia italiana, il duce, che si innamorò di Claretta Petacci, forse una probabile spia degli inglesi. Poi la fine, ancora avvolta da misteri. Hitler e Mussolini, uniti dall’odio, dall’illusione di una conquista universale, da una fine tragica e da due amori maledetti. Sicuramente feroci, ma con infinite debolezze, spietati, ma fragilissimi.

%d bloggers like this: