you're reading...
il segno dei tempi

Questo popolo di evasori

Vale dieci volte la manovra del governo Monti. E quindi basterebbe non solo a evitare le lacrime di un ministro e di milioni di italiani ma anche a mettere per sempre in sicurezza i nostri conti pubblici. Stima l’Istat che in Italia in un anno l’evasione fiscale e il sommerso raggiungano i 275 miliardi di euro. È la stessa cifra che fattura l’industria mondiale del legno, oppure quella nazionale (ma fiorente) della corruzione russa. Tradotta in denaro sottratto al Fisco sono 120 miliardi, secondo il direttore dell’Agenzia delle entrate. In media vuol dire che ogni contribuente nasconde allo Stato 2.093 euro, il 13,5% del proprio reddito, uno stipendio. Solo che anche in campo fiscale bisogna applicare la regola dei polli di Trilussa. segue

Leggerete nel testo di ristoratori, parrucchieri e gioiellieri che fanno una vita da mendicanti (a giudicare dalla dichiarazione dei redditi). Ma non è giusto prendersela come al solito sempre con i commercianti: ci si è dimenticati nell’articolo di approfondire per esempio la situazione di tanti professionisti (medici, avvocati, notai, periti) che non amano certo rilasciare ricevute. Una cosa è certa: nove italiani su dieci l’anno scorso hanno dichiarato meno di 35 mila euro lordi (che al netto fanno più o meno 1500 euro mensili), la metà addirittura meno di 15 mila (un migliaio di euro al mese). Strano per un Paese dove l’anno scorso sono state vendute 206 mila auto di lusso, per non parlare di barche extralarge e financo di jet. Di sicuro negli ultimi dieci anni sono stati scovati 35o mila evasori totali, cioè persone completamente sconosciute al fisco. Ho passato la vita da ingenuo lavoratore dipendente, ma non riesco ancora a capire come sia possibile. Visto che ormai ci vuole il codice fiscale anche per comprare le sigarette come fa a nascondersi uno che acquista un Suv? C’è da chiedersi: lo cercano?

About pinoscaccia

già redattore capo Rai inviato speciale Tg1

Discussion

39 thoughts on “Questo popolo di evasori

  1. “C’è da chiedersi: lo cercano?”
    No, non lo cercano. Però a volte lo trovano, e quando lo trovano a volte… si aggiusta.

    Posted by Marco Alici | 12 December 2011, 17:50
  2. c’è da chiedersi un’altra cosa: perchè non focalizzano l’attenzione solo ed esclusivamente a questo?

    Posted by Ninni | 12 December 2011, 18:10
  3. Sono convinto che ci siano parrucchieri, commercianti etc che dichiarano poco, chi ha una propria attività, ed è serio, spesso e volentieri guadagna meno dei propri dipendenti. Allora perché lo fa? Perché è proprio grazie a queste persone che il tasso di disoccupazione non è dell’80% perché nelle piccole imprese si tiene ai dipendenti, ed allora ci si sacrifica, meglio una vacanza in meno che una famiglia senza lavoro.
    La soluzione anti evasione ha una base di esemplificazione, basterebbe poter dedurre (in parte o in toto) tutto quello che si compra…a questo punto uno si salverebbe anche lo scontrino del cappuccino la mattina…spiegatemi, con la crisi che c’è quanti sono quelli che se un meccanico gli dice “senti il problema è grosso, con 500€ forse te la cavi se prendo qualche pezzo allo sfascio…” preferirebbe invece pagarne 1000 di euro con fattura etc etc? E poi con quale vantaggio? Etico? Con tutto quello chesuccede ingiro…vaticano anti ici incluso? Ci si favenire la crisi etica con il meccanico sotto casa? Certo se la spesa si riuscisse in qualche modo a dedurre allora uno due conti se li farebbe…tra etica e convenienza…ma senza vantaggi…meglio l’etica del proprio portafoglio…povero…

    Posted by Mario bucolo | 12 December 2011, 18:23
    • Non ne vale le pena, tutto inutile… ho pensato leggendo questo post! Poi trovo chi in maniera civile e senza guerre di religione, spiega in maniera semplice e con il cuore in mano com’e la situazione di chi lavora in proprio . Ha la sfortuna di non essere dipendente.
      Un po’ di tempo fa vidi una trasmissione nella quale si chiedeva all’uomo della strada da dove provenisse la maggiore evasione. Dai commercianti o bottegai, come più vi piace, oppure dalle società off shore o come caspita si chiamano?quelle con i capitali all’estero insomma
      Ecco la stragrande maggioranza rispose che erano i bottegai mentre dati alla mano risulta ben maggiore l’evasione di queste società . Come dice il Monti nazionale,troppo difficile e complicato trovarle,quindi diamogli addosso a sti pecoroni che lavorano come muli e vivono alle spalle di chi? E si potrebbe aprire una bella guerra tra poveri.

      Posted by Irisilvi | 12 December 2011, 19:00
  4. Sono d’accordo. Noi copiamo tutto dagli americani meno… le cose giuste.
    Però, vedi, l’errore è di continuare a parlare di commercianti. La loro evasione è piccola cosa rispetto ad altre categorie (che ho citato sopra) di cui nessuno parla.

    Posted by pinoscaccia | 12 December 2011, 18:30
  5. A proposito, è appena nato questo sito: http://www.nonevado.it/
    Raccoglie elementi virtuosi che magari possono essere preferiti ad altri in caso di necessità.

    Posted by Marco Alici | 12 December 2011, 18:40
  6. Ottima iniziativa anche se…mi pare complicato….

    Posted by pinoscaccia | 12 December 2011, 18:54
  7. @ Irisilvi. Mi pare di aver sottolineato sufficientemente che non è giusto prendersela con i bottegai. E, società off shore a parte, ho indicato categorie precise. Professionisti. Non facciamo anche in questo caso di tutta un’erba un fascio. Ma lo sappiamo tutti che ci sono infermiere che…guadagnano molto di più del proprio medico, tanto per dirne una.

    Posted by pinoscaccia | 12 December 2011, 19:19
  8. E infatti ,caro Pino , da questo Governo di “bocconiani” mi aspettavo venisse al primo posto la lotta alla evasione fiscale e non i tagli e misure per i soliti noti! Vero che Petrolini insegnava di prendere ai poveri , perchè sono poveri , ma sono tantissimi!, ma colpire chi paga ancora il mutuo per l’unica casa mi sembra cattiveria. E poi , escluso, chi è passato ai raggi X perchè percepisce stipendio o pensione dallo Stato o altri Enti e quindi con prelievo alla fonte, sono infinite le categorie che evadono ! Giustamente ,oltre ai professionisti varì, anche l’infermiere ha spesso un altro lavoro in nero che gli rende più delle stipendio in ospedale!

    Posted by luciogialloreti | 12 December 2011, 19:33
  9. Cane non morde cane: ma ti pare che i banchieri prendevano ai banchieri?
    L’Ici, o come si chiama adesso, è la tassa in assoluto più immorale. Colpisce chi ha risparmiato.

    Posted by pinoscaccia | 12 December 2011, 20:01
  10. Aoh! Attenzione a non generalizzare, perché nel mondo della libera professione, ancora qualche fesso che fattura tutto c’ è.
    Il fatto è anche un altro: quando il professionista ad esempio, dice al cliente: “questa consulenza le costa 3.000 con fattura, 2.000 in nero.”
    Indovina indovinello, cosa sceglie il cliente?
    E ce ne sono. Oh si quanti ce ne sono di clienti e professionisti, che usano questo sistema in condominio morale!

    Posted by Walter | 12 December 2011, 22:02
    • walter è propio così , i pagamenti sono legati al ricatto, prezzo con fattura, e prezzo senza fattura , io che sono pensionata pago lo sconto e non chiedo la fattura me ne vergogno, ma non mi sento tutelata

      Posted by lorena | 13 December 2011, 20:41
  11. Walter ti garantisco che sto attentissimo a non generalizzare. Solo che metà degli italiani, dico la metà, dice (al fisco) di guadagnare 1000 euro al mese. E non è possibile: se non ha una casa di proprietà non bastano neppure per l’affitto. E poi di cosa vive? Anche se è vera la famosa regola di Trilussa…

    Posted by pinoscaccia | 12 December 2011, 22:07
  12. Se le fatture fossero rimborsabili, se uno non ci pagasse sopra le tasse… come sarebbe giusto che fosse, la fattura la pretenderebbero TUTTI! e le tasse le paga chi guadagna in base a quanto guadagna.
    Ma ai professionisti non conviene… e come al solito le scaricano tutte su chi paga!
    E a Monti sta bene, perchè anche lui…fa parte del “sistema”.

    Posted by Sissi | 13 December 2011, 00:07
  13. e se li cercano, c’è sempre qualcuno che provvede a tagliare le gambe ai finanzieri che fanno il loro dovere

    Posted by gianluca | 13 December 2011, 01:20
  14. ma queste stime, come vengono fatte? cioè, in base a cosa si quantifica un importo evaso che ovviamente non si può conoscere, perché è appunto evaso?

    Posted by alice | 13 December 2011, 07:37
  15. Alice, hai messo il dito nella piaga, questo è un altro problema…secondo me.
    Non sono un’esperta e non vorrei dire cavolate (una più una meno) ma poi succede che si fissano sulle cosiddette “ricerche di settore”…mandando a picco pure chi ha sempre lavorato e soprattutto PAGATO sempre tutto onestamente.

    (e condivido Irisilvi che, tolti alcuni casi di malafede sfacciata, ormai da tempo le tasse sono talmente tante che un imprenditore, una piccola azienda, un piccolo negozio non ce la fa più: chiude. Altra cosa che non entra in testa, le continue chiusure di attività commerciali strozzate da tasse e crisi, e l’impossibile consumo dei dipendenti che non hanno più soldi per far spese. Era questa la soluzione? complimenti…. ne eravamo capaci tutti così, non servivano raffinatissimi esperti).

    Posted by Sissi | 13 December 2011, 10:09
  16. Appunto, l’assurdità degli studi di settore…io ci sbatto ad anni alterni, per l’attività che faccio per un anno o due semino e poi raccolgo…pago quanto devo pagare (cioè troppo perché avere un “socio” al 60/70% tasse indirette incluse…che non da nessun aiuto…) poi magari stringo la cinghia e non avendo spese fisse folli mi basta quanto risparmiato…no..per lo stato o io guadagno un tot o chiudo o pago quanto secondo lo stato io avrei cmq guadagnato…per non citare l’altra assurdità degli anticipi irpef etc dell’anno a venire, basati su quello passato…se uno fattura 100 un anno e 30 il successivo…nel frattempo ha dato 40/50 allo Stato…anticipato e senza interessi…si si poi si ha il credito di imposta…ma qui ormai contano i soldi nel portafoglio…

    Posted by Mario bucolo | 13 December 2011, 10:16
  17. …Poi, una volta chiusa, possono anche rinunciare alla proprietà, se l’immobile è di proprietà, praticamente diventa dello Stato: hanno tassato non le rendite, ma il valore di un immobile, come al solito A PRESCINDERE dalla rendita – perchè è un elemento “prescindibile” no?
    (ah..le menti raffinate….)

    Posted by Sissi | 13 December 2011, 10:18
  18. @ Mario. Già… proprio così.
    Tempo fa avevo sentito di un caso allucinante mi pare in Sardegna sempre, a proposito dell”affabile’ equitalia e delle “errate campagne stampa”: gli “studi di settore” rilevavano che questa poveretta, una signora titolare di non so che azienda, mi pare un ristorante forse, non fatturava come l’anno precedente: ma và? hanno declassato gli States, l’AMERICA……senza una A, sta venendo giù il mondo intero… e questi ancora non hanno capito che c’è CRISI e la signora non può fatturare come l’anno precedente…… e l’anno prossimo fatturerà ancora meno!
    “Morale”: le hanno confiscato l’azienda…. in attesa di verifiche sempre – perchè poi così fanno: intanto ti mandano per strada…poi in un secondo tempo, non si sa con quali soldi e con quali mezzi, dimostrano che casomai avevano ragione – E non solo: perfino l’eredità… era stata messa in discussione. (parlo di ciò che ho sentito mi sembra a Report tempo fa, se non dico giusto mi scuso in anticipo…ma troppe cose andrebbero chiarite…per non fare errate campagne stampa…. o per fare tutto alla luce del sole, che è ancora meglio).

    Posted by Sissi | 13 December 2011, 10:27
    • Scusate l’italiano “intanto ti mandano per strada, poi in un secondo tempo, non si sa con quali soldi e con quali mezzi (visto che ti hanno confiscato tutto), dimostri che casomai avevi ragione.

      Ora analizziamo questa frase, analisi del testo si chiama, come a teatro in pieno dramma – da drao= agire, perchè poi quando non succede più niente… è andata a finire in tragedia.
      La gravità… di questo meccanismo, equivale a dire nel penale: io intanto ti arresto e ti sbatto in galera, poi casomai…dopo… ti difendi. (in uno Stato di diritto, o dovrei dire in un ex… stato di diritto?).
      La seconda gravità immediatamente successiva è: io ho un debito che so..di centomila euro. Bene, vendo quello che ho e te lo pago (automobile, o una barca, o una casa, o un’azienda, insomma quello che si possiede, ok?). NO: intanto… confiscano tutto, qualsiasi bene tu abbia, per poter saldare il debito, cioè TI IMPEDISCONO letteralmente di PAGARE…. e così contrarre un debito significa solamente che ti levano TUTTO impedendoti perfino di pagarlo. (se poi avevi perfino ragione, e il debito era un errore burocratico, con l’autodifesa “a posteriori” e senza mezzi… I repeat, casa e azienda in ogni caso sono andate all’asta, per un centesimo del valore originario….mentre a te, con QUEI soldi, se ti fossi venduto quella che era la TUA casa, per il SUO valore reale di mercato e originario, hanno perfino impedito di saldare un debito (magari errato). Non so se l’ho spiegato bene, è talmente allucinante da risultare impossibile perfino a spiegarsi. Surreale… direi.

      Posted by Sissi | 13 December 2011, 10:46
  19. Sinceramente mi sono stancata.Stanca e rotta per essere additata come una ladra quando la realta’ è come descritta sopra da Mario .Si perchè per lo stato non esiste anno in perdita ,gia’ gli studi di settore sono siglati “effetto crisi”,decidono loro come e quanto essere in crisi e idicizzano.Poi sinceramente nella mia categoria tutti sti suv non li vedo.Qualcuno certo ce l’avra’ ma è una sparuta minoranza.E allora il problema è che come al solito è meglio colpire con campagne chi è piu’ debole ,pure dal punto sociale,che non si puo’ difendere e che sicuramente se vuole sopravvivere è costretto ad evadere.Mai chiesto questo vero? Nessuno si è mai chiesto perchè rischiare così tanto e passare per ladri davanti al paese.La verita’ è molto piu’ semplice di quello che appare:per vivere.Senza suv ,yacht,villone.Come dicono a Napoli? Per campa’.Basta con questo ho chiuso.Scusate del disturbo e Buon Natale atutti.

    Posted by irisilvi | 13 December 2011, 10:46
    • Veramente… anch’io ti ho capito….dai non fare così, stiamo dicendo tutti proprio questo…

      Alla mia nuova amica, Irisilvi, con amore.
      Sissi. ;-)
      Ti piace? Buon Natale a te! e a tutta la Torre, che pende che pende..questa tribù scalcinata… con la poesia di Ceglie ora qui come ‘conclusione’, che mi ricordo così bene, quella del pagliaccio-marito che se ne va con la segretaria! bellissima…
      ;-)

      Posted by Sissi | 13 December 2011, 10:55
  20. Con amore Sissi,grazie….

    Posted by irisilvi | 13 December 2011, 10:57
  21. OT certe ‘tragedie’ dal lato comico….
    ubriaco al volante finisce contro il camper: era quello dell’alcol test :-)

    http://www.repubblica.it/motori/motori/2011/12/12/foto/ubriaco_tampona_il_camper_dell_alcoltest-26483625/1/?ref=HRESS-5

    Posted by Sissi | 13 December 2011, 12:06
  22. capito, quindi si basano su quanto secondo loro un appartenente a una certa categoria dovrebbe guadagnare. a cui si aggiunge però il numero (e qui mi chiedo come facciano a ipotizzarlo) degli evasori totali. mah.
    anche io quando ero in italia ero libera professionista, per fortuna (si fa per dire) ho sempre guadagnato poco!!

    Posted by alice | 13 December 2011, 12:56
  23. …e mica tanto una fortuna…oltre che dal lato del (poco) rendimento, ora pare diventata perfino una “colpa” guadagnare poco, neanche ti credono! :-( mah.
    Io penso che un altro problema, vero, molto attuale e “moderno” sia proprio cercare di fare leggi che vadano bene per tutti, quando invece tutto…va ‘individualizzandosi’ sempre più. Tutto, perfino le malattie, fateci caso: capita sempre più spesso che in una “categoria” di malattie, conosciuta e arcinota, si crei il caso particolare, la forma sconosciuta, una reazione…individuale.
    Sicchè c’è caso e caso, sono profondi i nodi da sciogliere….per riuscire a ‘venirne a capo’ (appunto) – anzichè tagliarli… come alessandro magno ;-) Magari ci sono famiglie che hanno sì costruito quel piccolo benessere, ma mica hanno “i palazzi”, proprio un piccolissimo benessere….ma magari hanno un figlio malato a cui dover pensare, dei genitori anziani da mantenere, e quell’entrata se ne va tutta o quasi così. Ci sono impiegati con miseri stipendi che magari si affittano una casa, o una stanza, (e non in nero, ovviamente non parlo del nero), o ce l’hanno proprio sfitta del tutto, ma se va via tutto in tasse è come non averla. Facile parlare per la Marcegaglia, a cui sta molto bene tassare il patrimonio: a parte che bisognerebbe parlare veramente di palazzi…e tesori nascosti, ma in ogni caso gestisci “la gallina dalle uova d’oro” e grazie! che non te ne importa nulla di tutto il resto! Ma, ripeto, per tanti altri senza uova d’oro di stipendio, anzi senza neppure più un guadagno derivante dal diritto al LAVORO…. quelle erano le uniche entrate.

    Ieri sera Gad Lerner si chiedeva infatti se funzionerà. Ovvio che, almeno per ora, stanno creando solo nuove ulteriori povertà. Anzichè sanare quelle che già ci sono…le aumenti??? Ma con stipendi e pensioni bloccati a tre soldi… ma come possono pretendere che il denaro ricominci a circolare, che si risollevino i consumi, la vita economica di un Paese!? va tutto per aria, si bloccano i consumi, tutto! no?? Boh, io non sono economista ci rinuncio, sarò limitata a capire.

    Posted by Sissi | 13 December 2011, 14:05
  24. di certo posso dire questo; A Cesenatico non si compra casa se non si danno il 50% in nero, non trovi un eletricista , idraulico, falegname, dentista, oculista , medico ,che ti faccia uno straccio di ricevuta , perchè sotto il ricatto dello sconto facciamo i pecoroni , ma nessuno tutela il contribuente, perchè se io potessi recuperare una parte della spesa avrei tutto l’interesse a chiedere la ricevuta .
    Siccome almeno per quello che riguarda le case i finanzieri dovrebbero essere a conoscenza , perchè non intervengono facendo controlli , è noto a tutti come si comprano le case , certo ci si dovrebbe anche chiedere come con uno stipendio da finanziere possa vivere nel benessere mantenendo famiglia e casa di lusso?

    Posted by lorena | 13 December 2011, 19:16
  25. [OT Spazio]: “C/2011 W3”, un’altra cometa flambè o un spettacolare evento ad occhio nudo? http://bit.ly/vUxQRN

    Posted by giorgiusgam | 14 December 2011, 11:00
  26. Questa è l’Italia leggi

    Posted by pinoscaccia | 14 December 2011, 20:11
  27. Che carini che sono stati i carabinieri.

    (purtroppo questa è l’italia, ma io lo avevo proposto quello che c’era da fare… Non ci sarebbe bisogno di fare i conteggi delle pensioni se fosse garantito il diritto di cittadinanza, di vita. Se le tasse si pagassero solo sulle uscite e non sulle entrate. Se ognuno svolgesse onestamente il suo lavoro, guadagnando quello che gli consente di guadagnare (più l’entrata fissa garantita, come la casa, dallo stato), e il denaro scadesse..dopo un po’, cosicchè circolerebbe per forza.
    Questa sarebbe una “comunità”, umana, civile, e fraterna. Per tutta l’Europa).

    Posted by Sissi | 14 December 2011, 21:18
  28. Senza lobby non sei nessuno. Per uscire vivo da questa manovra devi avere un santo in Paradiso, o a Montecitorio. E i dirigenti della Pubblica amministrazione alla Camera ne hanno molti. Dopo aver confezionato una “norma pasticcio” sul taglio agli stipendi parlamentari, adesso i tecnici del governo Monti si sono scritti una norma “ad personam”. O meglio un comma ad hoc, per preservare i loro redditi. LEGGI TUTTO

    Posted by robertoaltavilla | 15 December 2011, 20:02
  29. L’esercito dei finti poveri

    Posted by pinoscaccia | 18 December 2011, 20:44
  30. …e quelli che… per non pagare l’ici si vendono la casa e si comprano una chiesa!
    Dario Fo :-)

    Ragazzi!!! che SERATA da Fazio, ancora e ancora!! trasportati per magia…a un periodo che sembra dieci vite fa….

    Posted by Sissi | 19 December 2011, 23:28
  31. E quelli che …per non pagare la tassa sullo Yacht, dicono che è un serbatoio! :-)

    Posted by Walter | 19 December 2011, 23:51
  32. ;)))

    Posted by Sissi | 20 December 2011, 00:35

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s

Anno 18

[dal 18 ottobre 2001]
Visite totali circa 7 milioni

Categories

Archives

L’ultimo libro

Hitler e Mussolini tra passioni e potere: i tranelli della storia rivisti da un reporter di guerra e da una professoressa di lettere.

Le verità e le bugie intorno ai due dittatori che hanno segnato le sorti del secolo breve. Da una parte il führer, con sangue ebraico e forse origini berbere. Dall’altra il campione della famiglia italiana, il duce, che si innamorò di Claretta Petacci, forse una probabile spia degli inglesi. Poi la fine, ancora avvolta da misteri. Hitler e Mussolini, uniti dall’odio, dall’illusione di una conquista universale, da una fine tragica e da due amori maledetti. Sicuramente feroci, ma con infinite debolezze, spietati, ma fragilissimi.

%d bloggers like this: