you're reading...
acid camera, misteri

Piazza Fontana, 42 anni fa

Mauro Biani

About pinoscaccia

già redattore capo Rai inviato speciale Tg1

Discussion

11 thoughts on “Piazza Fontana, 42 anni fa

  1. Siccome qui nessuno commenta, ne approfitto per … promozionarmi. Stasera sto a Firenze per presentare “Shabab”. (Teatro Dante – Campi Bisenzio)

    Posted by pinoscaccia | 13 December 2011, 14:33
  2. Di sicuro non andrò per… bancarelle

    Posted by pinoscaccia | 13 December 2011, 14:40
  3. In bocca al lupo ai tuoi splendidi libri che..sto leggendo! ;-)
    E un salutino, da qua, anche a Terzani Femme e Terzani Junior!
    …quando i contenuti interiori si sfiorano… ;-)

    Posted by Sissi | 13 December 2011, 14:41
  4. Belgio: Non un attacco terroristico ma un fallito tentativo d’evasione dal palazzo di Giustizia, il terribile episodio accaduto a Liegi…

    Posted by giorgiusgam | 13 December 2011, 15:04
  5. Gli episodi di violenza vecchi e nuovi si accavallano. Il nostro pianeta è sempre più caldo.
    La cultura può aiutare a salvare l’uomo, dobbiamo impedire che la nostra mente navighi in un mare di male.
    Grande il nostro gabbiano, mi raccomando vola sempre in alto. Un caro saluto

    Posted by ceglie | 13 December 2011, 20:15
  6. Queste ondate di follia così in aumento… Steiner addirittura aveva detto che la follia, le malattie mentali e del sistema nervoso, sarebbero state così in aumento da dilagare come un’epidemia. (oltre che saremmo arrivati alla “guerra di tutti contro tutti”). Ieri sera quel regista Paolo Genovese (a Porta a Porta) diceva come i poliziotti gli hanno detto di essere molto preoccupati per il nervosismo che si avverte a pelle per le strade la notte, la sera, e di dirla questa cosa, di farla sapere! perchè loro stessi si sentono sempre meno tutelati, e ci credo! Ormai chiunque che gli giri di fare una cosa prende e la fa, così! con uno schiocco di dita, o di fucile, o di esplosivo: manca completamente ma COMPLETAMENTE o quasi un appello a una coscienza morale!! una fragilità interiore e di nervi che esplode in distruttiva follia, ma che è!?!
    Non lo so, farà parte dell’epoca epocale e infernale che stiamo vivendo, sotto tutti i punti di vista, che strazio.

    Posted by Sissi | 14 December 2011, 12:08
  7. OT

    scrivo, come forse qualcuno già sa, da Firenze.
    Vorrei rassicurare tutti, dal mio piccolo angolo di visuale, che la mia città non è quello che ieri abbiamo visto tutti.
    Il soggetto in questione, tal Gianluca Casseri, è un folle che per problemi mentali suoi ha deciso di compiere questo atto bestiale.
    Anche i responsabili di questa associazione di destra ne prendono le distanze e lo descrivono come un «solitario» che «viveva nel suo mondo».

    Posted by marcello | 14 December 2011, 12:32
  8. Beh, in quanto ad essere “solitari” e vivere in un proprio mondo non c’è proprio niente di male, anzi…. tutti i Grandi, persone più…evolute, sono così: non le trovi certo in giro nei pub o in discoteca. Chiunque che compia un percorso più interiore è solo con se stesso, è molto solo…perchè non è interessato alla massa, alla superficialità…alle pochezze della vita, alle cose ordinarie, ma evolve se stesso. Mi viene in mente Ermanno Olmi per esempio: io spesso mi sono chiesta “ma DOVE le trovo persone così…DOVE STANNO, che posti frequentano, come fare ad incontrarle!” certo indubbiamente avranno amici e la loro vita ecc. non è che sono degli “eremiti”, però penso anche che per diventare così…una solitudine interiore al posto della vita mondana l’abbiano per forza dovuta attraversare, per forza…perchè leggono molto, o frequentano cinema e teatri, piuttosto che andare a dire cazzate al bar, o starsene ad abbronzarsi su un yacht con quelle pacchianerie di rubinetti in oro, mentre il resto del mondo piange la fame: hanno altri contenuti… stiamo sempre là.
    Come al solito non ci sono “schemi”: non che “ordinario” faccia rima con stupidità, ma neanche con “normalità”, così come “solitario” non fa rima con “stranezza”…. ma dipende, come al solito, dal livello di coscienza interiore acquisito.
    Una persona evoluta, può anche trascorrere il proprio tempo da solo e coltivando interessi più profondi che “la pancia”, ma stai tranquillo che proprio perchè evoluta… non si mette certo a sparare sulla folla. Dipende da come si è dentro, interiormente, dall’allargamento della coscienza….della consapevolezza… come sempre.

    Posted by Sissi | 14 December 2011, 13:10
  9. (vabbè, Pino potrebbe anche cancellare…mi avrete preso per una matta mi sa. – in senso buono eh! – . Insomma era scontato…che lo descrivevano così come a dire di uno avulso dalla realtà… non servivano le mie specificazioni sull’ovvio. Chiedo scusa (veramente).

    Posted by Sissi | 14 December 2011, 21:21

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s

Anno 18

[dal 18 ottobre 2001]
Visite totali circa 7 milioni

Categories

Archives

L’ultimo libro

Hitler e Mussolini tra passioni e potere: i tranelli della storia rivisti da un reporter di guerra e da una professoressa di lettere.

Le verità e le bugie intorno ai due dittatori che hanno segnato le sorti del secolo breve. Da una parte il führer, con sangue ebraico e forse origini berbere. Dall’altra il campione della famiglia italiana, il duce, che si innamorò di Claretta Petacci, forse una probabile spia degli inglesi. Poi la fine, ancora avvolta da misteri. Hitler e Mussolini, uniti dall’odio, dall’illusione di una conquista universale, da una fine tragica e da due amori maledetti. Sicuramente feroci, ma con infinite debolezze, spietati, ma fragilissimi.

%d bloggers like this: